Quando i serial killers commettono suicidio

Charles Ray Hatcher

Charles Ray Hatcher, un serial killer del Missouri.

Gli assassini seriali raramente si tolgono la vita, anche quando sono sotto la custodia della polizia o della prigione, e quindi è intrigante quando si verifica. Certo, è raro anche che gli umani si tolgano la vita quando considerano l'intera popolazione degli Stati Uniti; nel 2010, ci sono stati 38.364 suicidi segnalati da una popolazione nazionale di 308.745.538, o lo 0,01% (American Foundation for Suicide Prevention). Tuttavia, un certo numero di caratteristiche che si riferiscono a serial killer sembrano mettere direttamente in discussione l'idea di togliersi la vita.

Molti serial killer si adattano alla descrizione di uno psicopatico; sono senza coscienza, hanno una capacità molto limitata di emozione ed empatia e sono spesso tremendamente narcisisti. Senza coscienza, il serial killer non sarà infestato da ciò che hanno fatto, nel senso che non sentiranno l'enorme quantità di dolore o di angoscia che le persone coinvolte nei crimini della passione o quelli nell'esercito potrebbero provare dopo aver preso una vita. Pertanto, una coscienza colpevole non li porterà al suicidio. Anche la mancanza di empatia significa che non potranno ricreare e sperimentare la sofferenza delle loro vittime o delle loro famiglie.

L'elemento narcisistico del comportamento psicopatico, tuttavia, è intrigante. Da un lato, è difficile immaginare qualcuno che pensa così tanto a se stesso che vuole porre fine alla propria vita, ma d'altra parte se i vincoli ambientali e sociali limitano i loro desideri egoistici, allora forse la vita non vale la pena di essere vissuta. Ronningstam, Weinberg e Maltsberger (2008) offrono numerose ragioni per cui una personalità narcisistica potrebbe essere incline al suicidio, ma una che potrebbe essere rilevante qui è la perdita dell'ideale stato ideale; l'essere dello stato di sé ideale, "[un conglomerato] di esperienze che sono desiderate e associate ad un senso di piacere o di auto-considerazione positivo." Una partenza da questo stato, quindi, causerebbe dolore e disagio.

Gli psicopatici possono essere ignari di una gamma di emozioni, ma penso che sia vero dire che provano piacere e frustrazione. Come la maggior parte delle persone a questo riguardo, è probabile che facciano scelte che cercano di massimizzare il piacere e minimizzare la frustrazione, ma a differenza della maggior parte delle persone, gli psicopatici hanno spesso scarso controllo degli impulsi e sono spesso dipendenti da sesso, droghe e alcol. In altre parole, gli psicopatici bramano la stimolazione, e una ragione che è stata offerta per questo è che gli psicopatici hanno una frequenza cardiaca a riposo basso; è stato ipotizzato che una bassa frequenza cardiaca a riposo crea una sensazione spiacevole, e quindi l'individuo cerca la stimolazione per raggiungere un livello di eccitazione ottimale o normale (Raine e Portnoy, 2012).

Se un serial killer psicopatico, quindi, si trova improvvisamente in un ambiente che non permetterà loro di cercare il tipo di piacere che bramano, non è irragionevole supporre che alcuni possano decidere di porre fine alla propria vita. Questa idea è sostenuta dal fatto che i pochi serial killer che si sono suicidati (di solito impiccati) lo hanno fatto mentre erano sotto la custodia della polizia o della prigione: la lista include Harold Shipman, Fred West e Charles Ray Hatcher. Recentemente, Israel Keyes, un serial killer ricercato per il rapimento e l'omicidio del residente in Alaska, Samantha Koenig, si è ucciso mentre era sotto la custodia della polizia; si è tagliato il polso e si è strangolato con la biancheria da letto mentre si trovava nell'Anchorage Correctional Facility (per ulteriori informazioni, clicca qui).

Non c'è modo di determinare quanto sia potente l'impulso di una persona a togliersi la vita, poiché chiaramente può variare con il momento e dipende dalle ragioni e dalle motivazioni dietro al pensiero suicida. Queste ragioni e spinte, tuttavia, potrebbero essere diverse nel serial killer suicida, perché dopo tutto hanno una patologia diversa. La depressione è spesso indicata come una delle ragioni principali del suicidio, ma è improbabile che i serial killer psicopatici provino la depressione nello stesso modo in cui lo fanno le persone normali, perché sono emotivamente stentati. La sensazione più vicina alla depressione è probabilmente la frustrazione. Le ragioni dietro il suicidio serial killer, quindi, dovrebbero forse essere studiate in modo indipendente.

È improbabile che il suicidio di serial killer incontri molta compassione, ma dovrebbe comunque essere preso sul serio. Poiché i serial killer sono incredibilmente violenti e distruttivi, qualsiasi cosa che ci permetta di comprenderli meglio sarebbe di vitale importanza, specialmente se hanno informazioni cruciali riguardo alle loro vittime.

Copyright Jack Pemment 2012

Lavori citati

Raine, A., & Portnoy, J. (2012). Biologia del crimine: passato, presente e futuro persecutorio. In R. Loeber, & B. Welsh, The Future of Criminology (pagine 30-39). New York: Oxford University Press.

Ronningstam, E., Weinberg, I., & Maltsberger, J. (2008). Undici decessi di Mr. K. – Fattori che contribuiscono al suicidio nelle personalità narcisistiche. Psichiatria, 71 (2), 169-182.

doi: 10.1521 / psyc.2008.71.2.169

Solutions Collecting From Web of "Quando i serial killers commettono suicidio"