Quando i pazienti passano il gas

Non puoi semplicemente cancellare la terapia durante la stagione delle allergie

L'educazione, la formazione e lo sviluppo per i giovani terapeuti stanno cambiando rapidamente. Stanno ricevendo una maggiore formazione su come affrontare e monitorare le questioni relative ai farmaci psichiatrici, nel coordinamento con i fornitori medici e molto più formazione in servizi basati sull'evidenza.

Ma oggi i giovani terapeuti non hanno alcuna conoscenza o fiducia in ciò che devono fare se i loro clienti scorrono durante la terapia! I terapeuti di oggi non sembrano nemmeno disposti a considerare le implicazioni terapeutiche di questa importantissima questione. Sembrano pensare che funzioni corporee, sia loro che il loro paziente, si spengono alla porta della stanza della terapia.

Alcune di queste cose sono "grossolane" e poco professionali! Non dovremmo parlarne. Siamo terapeuti, ci occupiamo della mente! È anche piuttosto maleducato, improprio, tagliente e provocatorio di cui sto scrivendo.

Ma, queste cose accadono. I nostri pazienti sono umani, e noi terapeuti, beh, a volte siamo persino più umani. I terapeuti dello yoga parlano di scoreggia durante le lezioni – perché non i terapeuti? Quando non parliamo di queste cose, perpetuiamo il mito che i terapeuti sono infallibili, e che le cose che non sono discusse, non hanno bisogno di essere discusse. Non sono d'accordo. Penso infatti che le cose di cui non parliamo siano esattamente le cose che dobbiamo esplorare.

  • Rumori di stomaco. Soprattutto lo stomaco del terapeuta, quando è stata una lunga giornata, ha riempito le sessioni e le riunioni, e non si poteva spremere in tempo per il pranzo.
  • I seni si intasano, anche quando non ci sono lacrime. Si verificano starnuti e raffreddori, su entrambi i lati del divano.
  • A volte, qualcuno deve fare un pit-stop nella stanza di riposo, anche nel bel mezzo della terapia.
  • Purtroppo, alcune delle cose nel nostro naso non rimangono sempre nascoste dove dovrebbero essere. È difficile continuare la terapia, quando ti concentri su un booger nel naso del tuo paziente, o ti preoccupi che uno stia penzolando dal tuo.

Sono situazioni terribilmente divertenti, ma dolorosamente divertenti. Un amico mi raccontò una storia una volta, di vedere un terapeuta che aveva insistito perché il suo cane (un cane da pseudo-terapia – non mi facesse iniziare in quella crisi) nella stanza della terapia. Sfortunatamente, il cane aveva una condizione di stomaco e emanazioni tremendamente odorose, a cui il terapeuta era apparentemente immune. Purtroppo, il mio amico, il paziente, non lo era.

Sono situazioni sciocche, ma sarò onesto, credo che siano la prova delle abilità terapeutiche. Sono opportunità di interagire con i pazienti, a livello umano. Ricordo di aver letto una volta, dove un famoso psicologo ricordava con orrore quando urinava una bancarella, accanto a uno dei suoi mentori. Lo scrittore era sbalordito e scioccato nel rendersi conto che il suo idolo era umano, con condizioni e necessità umane. Ma quello scrittore, penso, Maslow ha usato questa opportunità per esaminare e considerare la sua visione del mondo e il suo posto in essa.

Quindi, ecco qui. Basato su molti anni di esperienze del mondo reale, questo è ciò che consideri in queste situazioni:

Interrompere la terapia per andare in bagno?

Quando devi andare in bagno

  • Se non riesci a tenerlo facilmente, è meglio scusarsi con il bagno. Il tuo obiettivo terapeutico deve essere il tuo paziente, non la tua vescica e intestino.
  • Ma allora devi chiederti se è sicuro lasciare il paziente nel tuo ufficio? C'è qualche informazione sanitaria protetta? Un paziente adolescente può entrare nel tuo computer e guardare un porno che dovrai spiegare al tuo dipartimento IT e al tuo capo?

Quando il tuo paziente deve andare in bagno

  • Lasciali andare in bagno. Estendi la sessione per compensare. Sii contento di aver avuto la possibilità di farti sapere che avevano bisogno di andare, e non si è seduto lì agonizzante, incapace di concentrarsi sulla terapia.
  • Ma se succede più di una volta, devi iniziare a chiedermi cosa sta succedendo? La terapia è troppo intensa? Stanno usando il bagno come via di fuga?
  • Se sei un terapista donna attraente e hai notato che un maschio adolescente va in bagno durante o dopo la terapia, è probabilmente il momento di fare una discussione terapeutica sull'attrazione. Sul serio. Non posso contare il numero di volte che ho visto questo nei terapisti che supervisiono.

Quando il tuo corpo, o il loro, è una distrazione durante la terapia

  • Chi è che distrae? Se sei tu che è distratto, allora il terapeuta deve esaminare cosa sta succedendo qui. Stai avendo controtransfert verso questo paziente? Potresti ignorare quel booger nel naso di un altro paziente?
  • Le capacità e l'igiene della vita quotidiana devono diventare parte del trattamento di questo paziente? Sono consapevoli di come il mondo li vede e reagisce a loro? Ti daranno il permesso di iniziare a lavorare con loro su questi temi, e puoi farlo in modo terapeutico?
  • Hai bisogno di iniziare a vedere questo paziente in una stanza speciale, piuttosto che nel tuo ufficio normale? Ho avuto pazienti senzatetto e psicotici, il cui odore corporeo si è attardato così tanto, che abbiamo dovuto fare terapia in una stanza diversa, o anche fuori. Puoi farlo, programmarlo o organizzarlo, in modo terapeutico, empatico, ma rispettoso e responsabile?
  • Se è il tuo corpo a distrarre, potrebbe essere il momento di fare quella discussione con il tuo paziente, di quanto tu sia umano il terapeuta, e che la loro convinzione nella tua infallibilità potrebbe davvero intralciare la buona terapia.

"Io e te sappiamo entrambi che non c'è niente che io possa fare (gas che passa)"

Quando qualcuno passa il gas in terapia

  • È più empatico ignorarlo o commentarlo?
  • Dovresti fingere che non ti dia fastidio?
  • Dovresti reclamarlo dal terapeuta o fingere che non sia successo?
  • La flatulenza può essere collegata al dolore gastrico, ad alcuni farmaci e al nervosismo. Non limitarti a "passarla via" troppo delicatamente.
  • Il paziente ne è consapevole, presente abbastanza nel proprio corpo da averlo notato?
  • Stanno seduti lì a ridere o sono inorriditi? Sono paralizzati dalla vergogna o dalla morte delle risatine? In entrambi i casi, questa può essere un'opportunità terapeutica, un tempo e un luogo in cui unirsi al paziente, capire il loro mondo interiore emotivo e aiutarli a esprimerlo e gestirlo.

Noi terapeuti siamo umani, come lo sono i nostri pazienti. È attraverso la nostra umanità condivisa che siamo in grado di facilitare la guarigione. Aiutiamo le persone, attraverso l'empatia, l'autoconsapevolezza, l'accettazione e il coraggio di osservare e commentare le cose che gli altri non fanno. La nostra società tratta molte esperienze corporee con vergogna, disgusto e finta ignoranza. È veramente un dono terapeutico, quando siamo in grado di aiutare un paziente a liberarsi da quei messaggi sociali soppressivi.

Hai storie tue, dell'umanità che si intromette nella sessione di terapia? Condividili nei commenti! Puoi seguire le riflessioni del Dr. Ley sulla terapia, il sesso e il business della salute mentale su Twitter @DrDavidLey

Solutions Collecting From Web of "Quando i pazienti passano il gas"