Quando i genitori chiamano il loro ragazzo

Carl Pickhardt Ph.D.
Fonte: Carl Pickhardt Ph.D.

A volte, per impazienza, frustrazione, scoraggiamento, ansia o rabbia con i loro adolescenti, i genitori possono lasciare che i sentimenti difficili dettino il linguaggio che usano. Attaccando il problema attaccando il giovane, possono impegnarsi nel chiamare il nome per sfogare il dispiacere su ciò che è o non sta succedendo, con effetti dolorosi.

Ma perché dovrebbe essere doloroso? Dopo tutto, pensa a quel vecchio adagio: "Bastoni e pietre possono spezzarmi le ossa ma le parole non possono mai farmi del male." No. Qualsiasi numero di studenti delle scuole medie che si contendono crudeltà sociale da pari ti dirà che le etichette tormentose fanno la maggior parte danno – se pungono nel momento o si attorcigliano per macchiare la tua reputazione in seguito.

In questa età vulnerabile, ad esempio, essere etichettati come "strambo" o "fatso" o "sleaze" da altri studenti non è una questione da ridere. Il cattivo nome che si è chiamato può essere usato per giustificare i maltrattamenti che si danno.

(Non sottovalutare mai il danno che la chiamata al nome negativo può fare. Credo che in estrema misura molti atti di abuso e crimini di odio siano giustificati da un richiamo al nome: "Non sei altro che un ______! Ti meriti quello che stai ricevendo!" Usare un nome di odio può scatenare un atto di violenza).

Su una scala minore, la chiamata dei genitori dei loro adolescenti potrebbe includere termini come questi: "slob", "pigro", "stupido", "fallimento", "perdente", "stupido", "senza cervello", "pazzo," "" Permaloso "," delusione "," spreco "," testa vuota "," spacy "," goffo "," brutto "," spensierato "," egoista "," irresponsabile "," cattivo "," avvilito, "" Senza speranza "," vagabondo "," inutile "," spazzatura ". Il richiamo del nome è offensivo perché è offensivo e di solito è pensato per essere – da un collega all'altro a scuola o da un genitore a un adolescente a casa.

Ovviamente, l'adolescente può comportarsi come se questi nomi non contassero soffiandoli con una dichiarazione di spavalderia: "Non mi interessa cosa pensi di me!" Ma di solito non è vero. La maggior parte degli adolescenti che ho visto, a prescindere da quanto tesa la relazione sia a casa, desidera ancora l'approvazione dei genitori. "Non mi interessa" significa davvero "Mi interessa troppo per il mio spettacolo di cura".

I genitori rimangono la fonte più potente di approvazione sociale nel mondo di un adolescente, e hanno bisogno di rimanere consapevoli di ciò. Devono anche stare attenti al nome del danno, che il loro adolescente può chiamare. Considera alcune possibili conseguenze infelici.

Le tue emozioni potrebbero dominare il tuo pensiero e il tuo comportamento.

Potresti accusare il tuo adolescente per la tua mancanza di influenza.

La tua lingua potrebbe degenerare in parole che attaccano l'autostima.

Potresti aumentare la tensione nella relazione.

Potresti provocare l'adolescente al silenzio o alla difesa.

Potresti ridurre la possibilità di affrontare in modo specifico i problemi di interesse.

È possibile che si stia modellando un comportamento di chiamata del nome che potrebbe tornare a te.

Potresti diffamare l'intera persona e ignorare molte parti positive.

Il tuo mandato potrebbe condannare il futuro dubitando della possibilità di cambiare.

Potresti usare parole taglienti che possono creare ferite di lunga durata.

Potresti influenzare la visione del sé da parte dell'adolescente: "Sono come dicono i miei genitori".

Potresti essere alienante e estraniante la relazione.

Se, nel calore del momento emotivo, ti ritrovi a chiamare il nome o ad etichettare negativamente il tuo adolescente, potresti considerare di scusarti. Dopo tutto, non ti piacerebbe se il tuo ragazzo ti chiamasse. "Mi dispiace di averti chiamato un nome offensivo. Se hai qualcosa da dirmi su come mi sento di voler ascoltare. E non userò più quel tipo di linguaggio con te. "

Quindi, poniti la domanda operativa: "A quali comportamenti specifici mi riferisco quando ho usato quel termine doloroso? Che cosa stava facendo o non faceva il mio adolescente a cui stavo obiettando? "Quindi procedi a indicare le tue preoccupazioni in termini più obiettivi e non valutativi.

Quindi, per esempio, avendo appena accusato il tuo ragazzo di essere "egoista" e "spensierato", interrompi e riformula la tua comunicazione traducendo i nomi che hai chiamato in comportamenti preoccupanti, poi parla di questi e di una condotta alternativa che preferisci. "Hai usato due volte le mie cose senza chiedere, e ho bisogno che parliamo di cambiarle. Se vuoi usare qualcosa di mio, discutiamo di come potresti chiedermelo prima. "

Ovviamente, chiamare o riferirsi al tuo adolescente come un "tipico adolescente" di solito non è gratuito, quindi potresti voler evitarlo. Tale stereotipizzazione è pregiudizievole e non solo insulta l'adolescente, ma genera una mentalità negativa nei genitori: "Cos'altro posso aspettarmi?"

Chiamare il nome dell'adolescente: molto facile da ottenere, vale la pena di stare fuori ancora di più.

Per ulteriori informazioni sugli adolescenti genitori, consultare il mio libro "Sopravvivere all'adolescenza di tuo figlio" (Wiley, 2013). Informazioni su: www.carlpickhardt.com

L'ingresso della prossima settimana: la doppia cittadinanza dell'odierno adolescente

Solutions Collecting From Web of "Quando i genitori chiamano il loro ragazzo"