Quando dovresti e non dovresti perdonare

Per tutto ciò che ammettiamo culturalmente la capacità di perdonare – è associata alla magnanimità, alla crescita spirituale e, naturalmente, alla religiosità – rimane una questione spinosa da un punto di vista psicologico. In parole povere, la capacità di perdonare è ampiamente vista come la prova di quanto gli umani alti siano nella catena dell'essere – gli animali non perdonano, dopotutto – così trasmette una superiorità morale. Ma da un punto di vista psicologico rimangono due domande chiave: perché gli umani perdonano e, quando lo fanno, come sperano di trarne beneficio ?

Come Frank Fincham ha scritto in un articolo con la migliore immagine e titolo di sempre – "Il bacio dei porcospini" – l'enigma umano è che abbiamo bisogno e vogliamo vicinanza e intimità, ma questa necessità ci rende contemporaneamente vulnerabili all'essere feriti, delusi, e anche tradito da quelli più vicini a noi. Se non fosse per "il problema della penna" – nella metafora di Fincham, due porcospini si accarezzano per stare al caldo, avvicinandosi sempre di più, fino a quando una penna d'oca perfora la pelle e devono ritirarsi – non c'è bisogno di perdono.

L'intenzione – o, più precisamente, la percezione di un individuo dell'intenzione di un altro – è fondamentale per il perdono. Non senti il ​​bisogno di perdonare quando il ramo dell'albero del tuo vicino spazza via il parabrezza della tua auto; vuoi solo il nome e il numero della sua compagnia assicurativa. D'altra parte, se il tuo vicino si schianta nel tuo parabrezza con un ferro da stiro in un attacco di pietà su qualche presunto lieve, il perdono riguarda l'unica cosa che impedirà alla relazione di trasformarsi in una faida violenta, a parte un ordine restrittivo.

1. Che cos'è il perdono, comunque?

Qui è dove diventa complicato, perché ciò che passa per il perdono nel linguaggio comune è spesso confuso. Secondo Fincham, il perdono non è accettazione; se sei in grado di accettare la personalità del tuo vicino – "Craig ha enormi problemi di gestione della rabbia" – non hai bisogno di perdonarlo. Anche il perdono non è sinonimo di riconciliazione . Mentre è vero che l'atto di perdonare può portare a ricongiungimento: "Dopotutto era solo una notte, e siamo sposati da 10 anni; Sto perdonando e sto restando ", puoi anche scegliere di perdonare e divorziare da un coniuge infedele. Inoltre, i tropi culturali a parte, il perdonare non sta dimenticando, o negando, neanche. E il perdono è un processo , non un singolo atto. Ancora una volta, non è necessario perdonare il tuo collega della metropolitana che ti colpisce accidentalmente con il suo zaino; le parole "Mi dispiace" saranno sufficienti. Ma quando qualcuno vicino a te tira fuori, letteralmente o simbolicamente, con una mano o parole, dicendo "Ti perdono", dovrebbe essere inteso come "Sto lavorando per perdonarti".

Se si tiene conto di ciò che la scienza sa – secondo il lavoro di Kurt Gray e Daniel Wegner, il dolore causato intenzionalmente fa più male del tipo involontario – si inizia a vedere il dilemma in modo più chiaro.

2. Il perdono è un passo in avanti evolutivo?

Come notano Jeni L. Burnette ei suoi coautori, anche se vivevano in modo cooperativo, gli umani ancestrali dovevano affrontare il furto, il bracconaggio, la mancata condivisione e simili, e probabilmente ricorsero a comportamenti intesi a scoraggiare le incursioni future – semplicemente messi , vendetta. Mentre la vendetta come deterrente doveva ripristinare la cooperazione tra le parti – un aspetto molto importante della vita comunitaria ancestrale – potrebbe ugualmente portare a ulteriori perturbazioni. Inserisci l'adattamento cognitivo che i ricercatori hanno chiamato sistemi di perdono. Ciò che è interessante qui è il presupposto che, se un tale sistema cognitivo esiste, deve avere un modo di valutare il valore del perdono, un tipo di pensiero che si rivolge al profitto e alla perdita dell'approccio. Quindi, come affermano gli autori, ci dovrebbe essere un compromesso tra il valore della deterrenza di ritorsione, da un lato, e il valore dei contributi futuri del trasgressore, dall'altro. Si suppone che il pensiero possa essere andato in questo modo: "Ok, ha rubato il mio compagno, ma è il ragazzo più forte della tribù e il miglior cacciatore. Ci sono altre femmine distaccate qui, ma solo un cacciatore come lui. "Un tale sistema, gli autori postulati, avrebbe funzionato meglio quando il valore della relazione era alto, e lo sfruttamento rischiava di scarseggiare; inoltre, non solo inibisce le ritorsioni ma genera "comportamenti progettati per convincere lo sfruttatore ad aumentare il suo interesse per il perdonatore".

In una serie di esperimenti, questo è esattamente ciò che hanno scoperto i ricercatori.

Naturalmente, nella vita reale, quando "pesiamo" il valore di una relazione o la probabilità che lo sfruttatore cambierà i suoi modi, non abbiamo una scala precisa. I nostri pregiudizi cognitivi ed emotivi possono indurci a calcolare male i benefici e il valore di una particolare stretta connessione e, inoltre, a valutare erroneamente se la persona che abbiamo perdonato avrà, inevitabilmente, bisogno di essere perdonata per un danno futuro lui o lei pioverà su di noi

Assente una sfera di cristallo, il perdono non è sempre la risposta giusta.

3. Il perdonatore ti fa uno zerbino?

Poiché siamo portati a credere che essere indulgenti sia una buona cosa, la pressione culturale per perdonare è enorme e raramente tiene conto delle specificità di una particolare relazione. Allo stesso modo, la maggior parte della ricerca psicologica si è concentrata sui benefici del perdono, che vanno da una migliore salute e senso di benessere a una maggiore risoluzione dei conflitti, mentre relativamente pochi hanno guardato al ribasso .

Tuttavia, alcuni di noi sanno per esperienza personale che il perdono per un giocatore narcisista, un manipolatore, o un bugiardo incallito non è altro che gatta – un segno che ciò che lui o lei ha fatto non è stato "così male dopotutto" e un primo opportunità di razionalizzare sia il loro comportamento passato che quello futuro. In questo caso, il perdono può essere decisamente autodistruttivo; quello che dovresti fare è prendere in considerazione l'idea di uscire, non metterti sulla linea del fuoco. Non sorprendentemente, la ricerca mostra che in una relazione con uno squilibrio di potere, la persona con il potere è meno propensa a perdonare della persona senza di essa. Perdonare qualcuno che ti ama e ti apprezza meno di quanto tu ami e apprezzalo è un viaggio garantito nella tana del coniglio.

In una ricerca controcorrente, tuttavia, James McNulty ha osservato se il perdono facilitava i cambiamenti nel comportamento negativo a lungo termine. I partecipanti al suo studio erano sposini, che erano stati sposati in media 3,2 mesi; è importante tenerlo presente poiché, almeno in teoria, questi "sposi in luna di miele" dovrebbero avere livelli molto bassi di stress interpersonale. Utilizzando varie misure per stabilire la qualità della relazione – tra cui un questionario e discussioni videoregistrate di 10 minuti tra coniugi sulle fonti di tensione nel matrimonio – i ricercatori hanno seguito queste coppie ogni sei mesi per i prossimi due anni, valutando la soddisfazione coniugale, coniugale perdono e rapporti di comportamento negativo. (Il comportamento negativo è stato sia riportato sia segnalato dal coniuge.)

McNulty ha scoperto che con i partner che hanno dimostrato un comportamento negativo raramente, il perdono era vantaggioso, ma per coloro per i quali il comportamento negativo era frequente, contrastare con il perdono era decisamente dannoso. Ha concluso: "Forse gli effetti del perdono, come gli effetti di molti altri processi di relazione, sono moderati dal più ampio contesto coniugale e quindi possono trarre beneficio da relazioni relativamente sane più che da quelle problematiche".

Il problema, naturalmente, è che il risultato non è nelle mani del perditore, ma di chi lo trasgredisce. Quello fu il punto di partenza per la ricerca condotta da Laura B. Luchies, Eli J. Finkel e altri, pubblicata con il titolo "The Doormat Effect", che indagava su come il perdono interagisse con sentimenti di autostima e rispetto. La squadra ha ipotizzato che il perdono rafforzasse l'autostima se il trasgressore ha fatto ammenda e ha cambiato il suo comportamento. Ma, hanno ipotizzato, se il trasgressore continuasse a comportarsi nello stesso modo dopo essere stato perdonato, la persona che ha perdonato avrebbe sperimentato una diminuzione dell'autostima, tra gli altri effetti. Questo è quello che hanno chiamato "l'effetto zerbino".

Nel corso di quattro studi – uno di loro longitudinale e durato cinque anni – hanno trovato supporto per la loro ipotesi. Nonostante il corpus di ricerche sembrasse suggerire il perdono come una panacea, hanno scritto: "Le risposte di entrambe le vittime e degli autori sono influenti a seguito di un tradimento. Il rispetto di sé e la chiarezza di sé delle vittime sono determinati non solo dalla loro decisione di perdonare o meno, ma anche dalla decisione dei loro autori di decidere se agire in modo da segnalare che la vittima sarà sicura o apprezzata o meno ".

È tutto che fa riflettere, e vero. E mentre è bello riecheggiare le parole di Alexander Pope: "Errare è umano; perdonare, divino ", potrebbe non essere universalmente applicabile. Non puoi raccogliere i frutti del perdono da solo; hai bisogno della collaborazione, della lealtà e dell'intento del porcospino che ti ha pugnalato in primo luogo. D'altra parte, perdonare qualcuno che stai mostrando la porta ti renderà probabilmente libero.

Riferimenti

  • Fincham, Frank, "Il bacio dei porcospini: dall'attribuzione della responsabilità al perdonare", Personal Relationships (2000), 7, 1-23.
  • Fincham, Frank D., Julie Hall e Steven RH Beach, "Il perdono nel matrimonio: stato attuale e direzioni future", relazioni familiari , 55 (ottobre 2006), 415-427.
  • Burnette, Jeni L., Michael E. McCullough, Daryl R, Van Tongeren e Don E. Davis "Il perdono risulta dall'integrazione delle informazioni sul valore della relazione e il rischio di sfruttamento", Bollettino di psicologia sociale e di personalità (2012), 38 (3), 345-356.
  • Gray, Kurt e Daniel Wegner, "The Sting of Intentional Pain", Psychological Science (2008), 19, 1260-1262.
  • McNulty, James, "Il perdono nel matrimonio: mettere i vantaggi nel contesto", Journal of Family Psychology (2008), vol. 22, no. 1, 171-175.
  • Luchies, Laura B. e Eli J. Finkel, James K. McNulty e Madoka Kumashiro, "The Doormat Effect: When Forgiveness Erode Self-Respect e Self-Concept Chiarezza", Journal of Personality and Social Psychology (2010), vol.98 , no. 5, 734-749.

Copyright © Peg Streep 2014

VISITA SU FACEBOOK

LEGGI IL MIO NUOVO LIBRO: Padroneggiare l'arte di smettere di fumare: perché è importante nella vita, nell'amore e nel lavoro

LEGGI le madri cattive: superare l'eredità della ferita

Solutions Collecting From Web of "Quando dovresti e non dovresti perdonare"