Quando dovresti andare con le tue intuizioni?

Fonte: Lee Gasley / Shutterstock

Diciamo che stai intervistando un nuovo candidato per un lavoro e senti che qualcosa non funziona. Non riesci a metterti il ​​dito sopra, ma sei un po 'a disagio con questa persona. Dice tutte le cose giuste, il suo curriculum è grandioso, sarebbe un noleggio perfetto per questo lavoro – tranne che il tuo istinto ti dice il contrario.

Dovresti andare con il tuo stomaco?

In tali situazioni, la tua reazione predefinita dovrebbe essere sospettosa del tuo intestino. La ricerca mostra che le interviste ai candidati di lavoro sono in realtà indicatori poveri di prestazioni lavorative future.

Sfortunatamente, la maggior parte dei datori di lavoro tende a fidarsi delle loro budella sopra le loro teste ea dare lavoro alle persone che gradiscono e percepiscono come parte del loro gruppo in-vece, piuttosto che semplicemente il candidato più qualificato. In altre situazioni, tuttavia, ha senso affidarsi all'istinto istintivo per prendere una decisione.

Tuttavia, la ricerca sul processo decisionale dimostra che la maggior parte dei leader aziendali non sanno quando affidarsi al proprio intestino e quando no. Mentre la maggior parte degli studi si sono concentrati su dirigenti e manager, la ricerca mostra che lo stesso problema si applica a medici, terapisti e altri professionisti.

Questo è il tipo di sfida che incontro quando consulta le aziende su come gestire meglio le relazioni sul posto di lavoro. La ricerca che io e altri abbiamo condotto sul processo decisionale offre alcuni indizi su quando dovremmo – e non dovremmo – ascoltare il nostro coraggio.

L'intestino o la testa

Le reazioni del nostro intestino sono radicate nella parte più primitiva, emotiva e intuitiva del nostro cervello che ha assicurato la sopravvivenza nel nostro ambiente ancestrale. La lealtà tribale e il riconoscimento immediato di amici o nemici erano particolarmente utili per prosperare in quell'ambiente.

Nella società moderna, tuttavia, la nostra sopravvivenza è molto meno a rischio e il nostro intestino ha maggiori probabilità di costringerci a concentrarci sulle informazioni sbagliate per prendere decisioni sul posto di lavoro e altre.

Ad esempio, il candidato di lavoro sopra menzionato è simile a te in termini di razza, sesso, background socioeconomico? Anche le cose apparentemente minori come le scelte di abbigliamento, lo stile di parlare e la gestualità possono fare una grande differenza nel determinare come valuti un'altra persona. Secondo la ricerca sulla comunicazione non verbale, ci piacciono le persone che imitano il nostro tono, i movimenti del corpo e le scelte verbali. Le nostre viscere identificano automaticamente quelle persone come appartenenti alla nostra tribù e sono amichevoli con noi, aumentando il loro status ai nostri occhi.

Questa reazione rapida e automatica delle nostre emozioni rappresenta il sistema di pensiero autopilota, uno dei due sistemi di pensiero nel nostro cervello. Prende le decisioni giuste la maggior parte del tempo ma regolarmente fa anche alcuni errori sistematici di pensiero che gli studiosi definiscono come pregiudizi cognitivi.

L'altro sistema di pensiero, noto come sistema intenzionale, è deliberato e riflessivo. Ci vuole uno sforzo per accendersi, ma può cogliere e scavalcare gli errori di pensiero commessi dai nostri autopiloti. In questo modo, possiamo affrontare gli errori sistematici compiuti dal nostro cervello nelle nostre relazioni sul posto di lavoro e in altri settori della vita.

Tieni presente che il sistema autopilota e i sistemi intenzionali sono solo semplificazioni di processi più complessi e che esiste un dibattito su come funzionano nella comunità scientifica. Tuttavia, per la vita di tutti i giorni, questo approccio a livello di sistema è molto utile per aiutarci a gestire i nostri pensieri, sentimenti e comportamenti.

Per quanto riguarda la lealtà tribale, i nostri cervelli tendono a cadere per l'errore di pensiero noto come "effetto alone", che causa alcune caratteristiche che ci piacciono e che identificano per lanciare un "alone" positivo sul resto della persona, e il suo contrario "Effetto corna", in cui uno o due tratti negativi cambiano il modo in cui vediamo il tutto. Gli psicologi chiamano questo "ancoraggio", nel senso che giudichiamo questa persona attraverso l'ancora delle nostre impressioni iniziali.

Override l'intestino

Ora torniamo al nostro esempio di intervista di lavoro.

Dì che la persona è andata allo stesso college che hai fatto. Sei più propenso a centrarlo. Tuttavia, solo perché una persona è simile a te non significa che farà un buon lavoro. Allo stesso modo, solo perché qualcuno è abile nel trasmettere cordialità non significa che farà bene a compiti che richiedono abilità tecniche piuttosto che abilità della gente.

La ricerca è chiara sul fatto che le nostre intuizioni non sempre ci servono bene per prendere le decisioni migliori (e, per un uomo d'affari, portare il massimo profitto). Gli studiosi chiamano l'intuizione uno strumento decisionale problematico che richiede aggiustamenti per funzionare correttamente. Tale dipendenza dall'intuizione è particolarmente dannosa per la diversità sul posto di lavoro e apre la strada alla parzialità nell'assunzione, anche in termini di razza, disabilità, genere e sesso.

Nonostante i numerosi studi che dimostrano che sono necessari interventi strutturati per superare i pregiudizi nell'assunzione, sfortunatamente, i dirigenti aziendali e il personale delle risorse umane tendono a fare affidamento su interviste non strutturate e altre pratiche decisionali intuitive. A causa dell'eccessivo preconcetto del sistema autopilota, una tendenza a valutare le nostre capacità decisionali come meglio di loro, i leader spesso vanno con il loro coraggio alle assunzioni e ad altre decisioni aziendali piuttosto che usare strumenti analitici decisionali che hanno risultati dimostrabilmente migliori.

Una buona soluzione è usare il tuo sistema intenzionale per scavalcare la tua sensibilità tribale per fare una scelta più razionale, meno parziale che porterà più probabilmente al miglior noleggio. Potresti notare i modi in cui il richiedente è diverso da te – e dargli dei "punti positivi" per esso – o creare interviste strutturate con una serie di domande standardizzate poste nello stesso ordine ad ogni richiedente.

Quindi se il tuo obiettivo è prendere le decisioni migliori, evita un tale ragionamento emotivo, un processo mentale in cui concludi che ciò che senti è vero, indipendentemente dalla realtà effettiva.

Quando il tuo intestino potrebbe avere ragione

Prendiamo una situazione diversa Supponi di aver conosciuto qualcuno nel tuo lavoro per molti anni, di aver collaborato con lei a una vasta gamma di progetti e di avere una relazione consolidata. Hai già certe sensazioni stabili su quella persona, quindi hai una buona base di partenza.

Immagina di avere una conversazione con lei su una potenziale collaborazione. Per qualche motivo, ti senti meno a tuo agio del solito. Non sei tu – sei di buon umore, riposato, sentendosi bene. Non sei sicuro del motivo per cui non ti senti bene riguardo all'interazione poiché non c'è nulla di chiaramente sbagliato. Cosa sta succedendo?

Molto probabilmente, le tue intuizioni stanno prendendo spunti sottili su qualcosa che non va. Forse quella persona sta socchiudendo gli occhi e non guardandoti negli occhi o sorridendo meno del solito. Le nostre viscere sono brave a cogliere tali segnali, poiché sono sintonizzati per raccogliere i segni dell'essere esclusi dalla tribù.

Forse non è niente. Forse quella persona sta avendo una brutta giornata o non ha dormito abbastanza la notte prima. Tuttavia, quella persona potrebbe anche provare a tirare la lana sugli occhi. Quando le persone mentono, si comportano in modo simile ad altri indicatori di disagio, ansia e rifiuto, ed è davvero difficile capire cosa stia causando questi segnali.

Nel complesso, questo è un buon momento per prendere in considerazione la tua reazione istintiva ed essere più sospettoso del solito.

L'intestino è vitale nel nostro processo decisionale per aiutarci a notare quando qualcosa potrebbe essere sbagliato. Tuttavia, nella maggior parte delle situazioni in cui affrontiamo decisioni significative sui rapporti di lavoro, dobbiamo avere fiducia nella nostra testa più del nostro intestino per prendere le decisioni migliori.

Solutions Collecting From Web of "Quando dovresti andare con le tue intuizioni?"