Quando dare alle vittime di un disastro è moralmente sbagliato

Ecco una storia curiosa: Kim Kardashian ha recentemente deciso di vendere alcuni oggetti personali su eBay. Ha anche ricordato che il 10% del ricavato sarebbe stato devoluto in favore del tifone nelle Filippine. A prima vista, non sembra che ci sia qualcosa di moralmente discutibile qui: Kim sta vendendo oggetti su eBay (non un comportamento immorale) e poi sta dando alcuni dei suoi soldi gratuitamente in beneficenza (non immorale). Inoltre, ha reso queste informazioni disponibili al pubblico, quindi non mentire o essere ingannevole su quanti soldi intende mantenere e quanto intende dare (anche se non è immorale). Se la copertura della storia e i commenti a riguardo sono comunque indicativi, Kim ha fatto qualcosa di moralmente condannabile. Per selezionare alcune citazioni scelte, Kim è, apparentemente " il centro di tutto il male nell'universo ", è " insultante " e " degradante ", è " avido " e " vile ". È anche una " stronza orribile " e chiunque partecipi all'asta è " ritardato ". Uno degli autori ha espresso la speranza che " … [le vittime del disastro] ti restituiscano la tua" parte dei proventi "che ti è stata insultata, che è un misero 10% indietro a te in modo da poter soffocare su di esso ". Yikes.

Ora ci si potrebbe chiedere se le vittime di questo disastro si preoccupino davvero che parte del denaro utilizzato per aiutarli provenga da qualcuno che ha donato solo il 10% delle sue vendite su eBay. Sicuro; Scommetterei che probabilmente le vittime preferirebbero avere più denaro donato da ogni donatore (e non donatore), ma penso che quasi tutti al mondo preferirebbero avere più denaro di quello che fanno attualmente. Anche se potrei sbagliarmi, non credo che ci siano molte vittime che insisterebbero affinché i soldi venissero restituiti perché non ce n'erano abbastanza. Immagino anche che, in termini dell'importo effettivo del dollaro, le aste di Kim abbiano probabilmente dato più donazioni di molti o di altri donatori effettivi, e sicuramente più di chiunque stia danneggiando Kim che non ha dato personalmente (di cui presumo ci siano molti ). Oltre agli elementi di ipocrisia tipici delle dispute su questa natura, c'è un aspetto di questa condanna che ha attirato la mia attenzione: la gente dice che Kim è una persona cattiva per averlo fatto non perché ha fatto qualcosa di immorale di per sé, ma perché lei non è riuscito a fare qualcosa di lodevole in misura abbastanza grande. Questo è come suggerire che qualcuno dovrebbe essere punito solo tenendo aperta una porta per cinque persone, nonostante non sia loro richiesto di tenerla aperta per chiunque.

Ora si potrebbe suggerire che ciò che ha fatto Kim non sia stato davvero lodevole perché ne ha ricavato dei soldi: Kim è egoista e sta usando questa tragedia per far avanzare i suoi interessi personali, o almeno così va la discussione. Forse Kim stava scommettendo sull'idea che dare il 10% in beneficenza avrebbe comportato che le persone pagassero di più per gli articoli stessi e compensassero i costi. Anche se così fosse, comunque, non avrebbe comunque fatto ciò che stava facendo male per due motivi: in primo luogo, le persone traggono profitto dalla vendita di beni o servizi ininterrottamente e, la maggior parte delle volte, le persone non ritengono tali atti come moralmente sbagliato. Per esempio, ho appena comprato generi alimentari, ma non ho sentito un oltraggio morale che il negozio che ho comprato li abbia sfruttato. In secondo luogo, sembrerebbe che, anche se Kim ha beneficiato di questo, è una situazione vantaggiosa per lei e per le vittime del tifone. Mentre il vantaggio reciproco rende difficile valutare le intenzioni altruistiche di Kim, non renderebbe l'atto immorale di per sé. Inoltre, non è come se l'asta di beneficenza di Kim costringesse qualcuno a pagare più di quanto avrebbe altrimenti; quanto pagare sarebbe la decisione degli acquirenti, che Kim non poteva controllare direttamente. Se Kim ha finito per guadagnare più soldi di quelli che avrebbe altrimenti, è solo perché gli altri le hanno dato volentieri di più. Allora, perché le persone stanno tentando di condannarla moralmente? Non era disonesta, non faceva alcun danno diretto, non si comportava in alcun modo che fosse considerato "immorale", e il risultato delle sue azioni era che le persone stavano meglio. Se si vuole individuare il punto focale dell'indignazione morale delle persone sull'asta di Kim, allora, ciò comporterà uno scavo un po 'più profondo psicologicamente.

Una strada promettente per iniziare la nostra esplorazione della questione è un capitolo di Petersen, Sell, Tooby e Cosmides (2010) che ha discusso le nostre intuizioni evolute sulla giustizia criminale. In esso, discutono il concetto di un rapporto di scambio di welfare (WTR). Un WTR è, in sostanza, la volontà di una persona di rinunciare a una certa quantità di benessere personale per consegnare una certa quantità di benessere ad un altro. Ad esempio, se ti è stata data la scelta tra $ 6 per te e $ 1 per qualcun altro o $ 5 per entrambi, la scelta di quest'ultimo rappresenterebbe un WTR più alto: saresti disposto a rinunciare a $ 1 in modo che un altro individuo potesse avere $ 4 aggiuntivi . Ovviamente, sarebbe un bene per te se altre persone avessero mantenuto un WTR elevato nei tuoi confronti, ma altri non sono così disposti a rinunciare al loro stesso benessere senza una certa persuasione. Un modo (tra tanti) di persuadere qualcuno a mettere più scorte nel tuo benessere è quello di farti sembrare un buon investimento sociale. Se ti avvantagerai, a lungo andare, a beneficio del donatore, forse perché stai vivendo la sfortuna di un tifone che distrugge la tua casa, ma puoi tornare ad essere un socio produttivo in futuro se ricevi aiuto, allora dovremmo aspettarci che le persone per regolare i loro WTR verso di te.

Alcuni altri motivi di assistenza sono meno soggetti a buoni guadagni netti.

L'intuizione che i detrattori morali di Kim sembrano esprimere, quindi, non è che Kim abbia torto nell'esporre un WTR moderatamente positivo in sé, ma che il WTR che ha visualizzato non era sufficientemente alto, data la sua relativa ricchezza e il bisogno relativo della vittima del disastro. Questo la fa sembrare un investimento sociale potenzialmente povero, dal momento che è relativamente riluttante a rinunciare molto del proprio benessere per aiutare gli altri, anche quando hanno un disperato bisogno. Inquadrare la discussione in questa luce è utile in quanto ci indirizza nella giusta direzione, ma ci porta solo così lontano. Rimaniamo il problema di capire perché, per esempio, la maggior parte delle persone che stavano dando in beneficenza non erano condannate per non aver dato tutto ciò che realisticamente potevano avere, anche se ciò significava che rinunciassero o rinunciassero ad oggetti personali o piacevoli. esperienze (cioè "se hai mangiato meno questa settimana, o hai venduto alcuni dei tuoi vestiti, anche tu potresti aver contribuito di più agli aiuti, sei una puttana avida per non farlo").

Inoltre, non spiega perché qualcuno suggerirebbe che sarebbe stato meglio per Kim non aver dato nulla invece di quello che lei ha dato. Anche se vediamo questo tipo di rifiuto delle offerte basse in contesti di contrattazione, come i giochi di ultimatum, di solito non ne vediamo gran parte in quelli altruistici. Questo perché rifiutare il denaro in contesti di contrattazione ha un effetto sul guadagno del proponente; in contesti altruistici, il rifiuto non ha alcun effetto negativo sul donatore e dovrebbe influenzare il loro comportamento molto meno. Ancora più curioso, però: se la funzione di tale condanna morale è di aumentare il proprio WTR verso gli altri più in generale, suggerire che Kim non darebbe alcuna somma sarebbe stato in qualche modo migliore di quello che ha dato è estremamente controproducente. Se l'aumento delle WTR fosse la funzione primaria della condanna morale, sembra che la strategia più appropriata sarebbe iniziare con la condanna di coloro – ricchi o meno – che non hanno contribuito a nulla , piuttosto che a qualcosa (poiché coloro che non danno nulla, probabilmente hanno mostrato un WTR verso le vittime del tifone rispetto a Kim). Nonostante ciò, non ho ancora incontrato nessun articolo che rimproveri singoli individui o gruppi per non aver dato affatto; potrebbero essere là fuori, ma hanno generato molta meno pubblicità, se lo fossero. Abbiamo bisogno di qualcos'altro per completare il resoconto del perché la gente sembra odiare Kim Kardashian per non aver dato di più.

Forse quel qualcosa in più è che anche le altre persone che non hanno donato non stavano cercando di suggerire che si stavano comportando in modo altruistico; cioè, non stavano cercando di cogliere i benefici di essere conosciuti come altruisti, mentre Kim lo era, ma solo con poco entusiasmo. Ciò significherebbe che Kim stava inviando un segnale non onesto. Una delle maggiori complicazioni con questo racconto, tuttavia, è che Kim era , a tutti gli effetti, agendo in modo altruistico; lei avrebbe potuto essere elogiata molto poco per quello che ha fatto, piuttosto che condannato. Per fortuna, la condanna nei confronti di Kim non è l'unico esempio di ciò su cui dobbiamo attingere. Questo tipo di affermazioni sono state avanzate prima: quando Tucker Max ha provato a donare $ 500.000 a Planned Parenthood, solo per essere rifiutato perché alcune persone non volevano associarsi con lui. Le argomentazioni fatte contro l'accettazione di quella considerevole donazione si basavano su (a) l'idea che stava dando per ragioni egoistiche e (b) che altri avrebbero smesso di sostenere Planned Parenthood se Tucker si fosse associato a loro. La mia ipotesi è che qualcosa di simile sia in gioco qui. Le celebrità possono essere figure polarizzanti (per ragioni su cui non speculerò qui), tracciando reazioni eccessivamente ostili o positive da parte di persone che non sono personalmente toccate da loro. Per qualsiasi motivo, ci sono molte persone che non amano Kim e vorrebbe evitare di essere del tutto associate a lei e / o vederla cadere dalla sua posizione attuale nella società. Questo senza dubbio ha un effetto su come vedono il suo comportamento. Se Kim non fosse Kim, c'è una buona probabilità che nessuno si preoccupi di questo tipo di asta di beneficenza.

Molto meglio; ora dare solo il 10% è lodevole.

Come ho accennato nel mio ultimo post, i bambini sembrano tollerare il danno agli altri con cui non condividono un interesse comune. Lo stesso comportamento, in questo caso, che dà il 10% delle vendite per aiutare gli altri, è probabile che venga giudicato in modo sostanzialmente diverso da chi sta esattamente attuando il comportamento. Capire perché le persone esprimono sdegno morale per comportamenti che aumentano il benessere richiede un esame più approfondito dei loro interessi strategici personali in materia. Dovremmo aspettarci che lo stato di cose per una semplice ragione: il beneficio degli altri più in generale non è universalmente utile, nel senso evolutivo della parola. A volte va bene per te se certe altre persone stanno peggio (anche se raramente questo argomento viene esplicitamente reso). Ora, naturalmente, ciò significa che le persone, a volte, sostengono apertamente di aiutare un gruppo di persone bisognose, ma poi evitano l'aiuto, anche una notevole quantità di aiuto, quando provengono da fonti "sbagliate". Probabilmente fanno ciò che fanno perché una tale condanna danneggerà direttamente quelle fonti "sbagliate" o perché consentirebbe all'associazione di danneggiare in qualche modo il conduttore. Sì; ciò significa che il comportamento di questi condromi ha una componente interessata; la stessa cosa per cui hanno criticato Kim. Senza considerazioni su queste motivazioni strategiche e egoistiche, non saremmo in grado di capire perché dare alle vittime del tifone a volte sia moralmente sbagliato.

Riferimenti: Petersen, MB, Sell, A., Tooby, J., & Cosmides, L. (2010). Psicologia evolutiva e giustizia criminale: una teoria della ricalibratura della punizione e della riconciliazione. In Human Morality & Sociality: Evolutionary and Comparative Perspectives , a cura di Hogh-Oleson, H., Palgrace MacMillian, New York.

Solutions Collecting From Web of "Quando dare alle vittime di un disastro è moralmente sbagliato"