Quando combatti il ​​cancro, la resilienza non riguarda le forze interiori

Studio la resilienza in tutto il mondo e la cosa che ho imparato di più è che ciò che abbiamo dentro di noi (punti di forza personali, convinzioni positive, speranza per il futuro, ecc.) Spiega molto poco il motivo per cui le persone sopravvivono alle grandi avversità. Se possiamo imparare qualcosa dalla storia di Aaron Purmort, che è morto di tumore cerebrale canceroso poco dopo la nascita di suo figlio, è che siamo più forti quando siamo amati e ben curati.

La storia di Aaron Purmort è stata raccontata fase per stadio da sua moglie, Nora McInerny (i due si sono incontrati online attraverso Twitter e hanno fatto una grande emozione quando si sono sposati). Questa è una storia avvincente dell'amore di una donna per il suo partner. Ed è per questo che è anche una storia di resilienza. Il mio lavoro, e quello di molti altri ricercatori e terapeuti, ci mostra che quando abbiamo buone relazioni, un senso di appartenenza, sperimentiamo un controllo personale (anche in una situazione di impotenza, come affrontare il cancro), e abbiamo i nostri bisogni di base incontrato, siamo molto più propensi a far fronte alle incredibili avversità. In altre parole, proprio come ora ci rendiamo conto che gli eventi traumatici durante l'infanzia come l'abuso fisico e l'abbandono sono collegati a problemi di salute fisica (ad esempio, malattie cardiache e obesità) durante l'età adulta, così possiamo dire che più le nostre connessioni sociali e comunità facilitare il nostro accesso ai supporti fisici, emotivi e psicologici di cui abbiamo bisogno, più è probabile che saremo resilienti.

Potrebbe sembrare un'opinione molto soggettiva, ma la maggior parte della ricerca sulla resilienza mostra che, nelle avversità, la qualità del nostro ambiente conta molto più del nostro successo che delle qualità individuali. Gli oratori motivazionali potrebbero impacchettare gli auditori con il messaggio "Puoi cambiare la tua vita se cambi idea" ma la verità è che le nostre vite sono molto più mutevoli, meglio i nostri governi, datori di lavoro, scuole e famiglie ci forniscono ciò di cui abbiamo bisogno fare bene quando siamo in crisi.

Se potessi essere ancora più provocatorio … non dimentichiamo che Aaron aveva ovviamente l'assicurazione sanitaria e tutti gli altri comfort che gli permettevano di superare questa terribile situazione. Immagina qualcuno che fosse altrettanto malato ma incredibilmente stressato dal costo di ogni IV, ogni pillola e ogni notte di permanenza in un letto d'ospedale. Vedete, pensiamo alla resilienza così spesso come strategie personali eroiche, quando in realtà, siamo noi, tutti noi, a rendere le persone resilienti. Sia che si tratti di problemi al lavoro o di grandi alluvioni, di prepotenze a scuola o di cancro, siamo più in grado di far fronte al meglio dei nostri sistemi di supporto per soddisfare i nostri bisogni mentre cambiano.

Se vuoi essere più resiliente, crea risorse sia interne che esterne. Scoprirai che i supporti esterni (un lavoro, un amico, una casa e un passaggio, come dice Al Condeluci) che costruisci intorno a te ti renderanno molto più capace di affrontare lo stress. Due minuti di meditazione, qualche movimento di yoga o ginnastica mentale non ti faranno attraversare il cancro. Una moglie amorevole che nota quanto sei speciale e un buon ospedale per curarti, farà una differenza molto più grande per il risultato finale e la qualità della vita che stai vivendo.

Solutions Collecting From Web of "Quando combatti il ​​cancro, la resilienza non riguarda le forze interiori"