Quando cadi, come ti rialzi?

Hai perso il tuo partner, il tuo lavoro, la tua fede, il tuo stato – qualcuno o qualcosa su cui ti sei affidato molto più di quanto pensassi.

In questi giorni ti fa male il petto tutto il tempo. Devi respirare profondamente per tutto il giorno per impedire al panico di schiacciarti. Sembra che tu abbia perso il controllo della tua mente. Rivolgi la tua attenzione ad altre cose, ma semplicemente non resterà lì. Continua a ridursi alla tua perdita e cosa fare al riguardo.

Non che ti fidi di sapere. Apparentemente, hai scommesso sulla fonte sbagliata di sicurezza, quindi ora non ti fidi nemmeno del tuo intuito, il che rende tutto doppiamente difficile. Sei perso e la tua bussola interiore sembra rotta.

Come farai a uscire da questo casino? Conto tre strade principali da recuperare: restauro, rivoluzione e rivelazione.

Restauro: riprendi ciò che hai perso. Hai perso il tuo partner? Forse riceverai una chiamata, delle scuse, un invito a tornare a com'era. Hai perso la salute? Forse un secondo parere mostrerà che è tutto solo un grosso errore. Hai perso il lavoro? Forse ti riassumeranno.

Rivoluzione: se il restauro non funziona, allora spostati verso ciò che è il meno simile a quello che hai appena fatto, che in realtà è stato risucchiato, ora ti rendi conto. Il tuo recupero sarà un testamento contro di esso, la fiducia ripristinata sconfessando ciò che hai perso e arrampicandoti verso qualunque cosa non sia.

Queste due sono, di gran lunga, le due strade da recuperare più prese. Quando il nostro bicchiere precipita da pieno a mezzo pieno, vorremmo ricaricarlo sia con ciò che è stato perso, sia con qualche opposto affidabile, così non saremo mai più persi.

In tutta la società, il restauro è un grande desiderio in questi giorni. I cittadini vogliono tornare indietro, ora che il mondo sta correndo verso un futuro diverso ad un ritmo accelerato.

C'è anche rivoluzione nell'aria. Bruciato da qualsiasi "establishment" ci ha deluso, la gente vuole buttarlo fuori per qualsiasi cosa che non sia.

Queste due strade per il recupero – restauro e rivoluzione – possono funzionare. Quando lo fanno, è fantastico. A volte sposando un ex lavora come un incantesimo, la partnership ripristinata. A volte puoi tornare a casa o entrare nello stesso fiume due volte. Rivoluzione: impariamo anche dagli errori del passato che ci mettono in una posizione molto più sicura in futuro. Dalla padella in qualcosa di molto più fresco.

Ma il restauro e la rivoluzione non sempre funzionano. Diamo qualcosa una seconda o una terza possibilità che non è risultata migliore della prima. Spesso, caldo per il recupero, saltiamo fuori dalla padella nel fuoco.

La rivoluzione è come le nazioni cadono sotto il controllo di un dittatore dopo l'altro. Semplicemente l'80% dei dittatori del mondo erano i "rivoluzionari" che avrebbero cambiato tutto essendo l'esatto opposto di qualsiasi dittatore.

Quando il restauro e la rivoluzione ci mancano abbastanza spesso, si apre una terza strada per la ripresa. Lo chiamerò rivelazione , anche se è una parola pericolosa, di solito associata al vedere la luce.

Intendo vedere la luce e l'oscurità, più del mondo reale rivelato a noi attraverso il nostro campionamento personale di amore e perdita, attaccamento e separazione. Invece di mantenere ferma la nostra aspettativa di alta fiducia, ci arrendiamo in un'alternanza tra dubbio e fiducia. Per fare ciò, diventiamo più tolleranti al dubbio.

Con il restauro e la rivoluzione, stiamo cercando un'armatura contro il dubbio, così possiamo ristabilire una fiducia permanente, il luogo in cui speriamo e pensiamo di appartenere. Con rivelazione, il disordine della vita ci viene rivelato, e noi siamo più interessati a come acquistiamo armature dal dubbio. E non solo come facciamo acquisti, come fanno tutti.

Ciò che viene rivelato è che non apparteniamo in modo definitivo. Nessuno lo fa. Trovi una formula apparentemente affidabile. Funziona per un po 'e poi no.

Con la rivelazione, le nostre aspettative si allentano. Siamo un po 'più preparati per gli alti e bassi. Siamo meno ansiosamente impegnati a cercare una sicurezza solida come la roccia. Riteniamo infine con le notizie più difficili da digerire. La sicurezza va e viene. Tutti ricevono una campionatura di amore e perdita, quindi c'è conforto nei numeri. Si scopre che non sei un'eccezione.

Cerchi ancora di riempire il bicchiere, ma sai anche che quando il bicchiere è mezzo pieno, a volte è meglio prendere un bicchiere più corto, quindi quello che ti rimane è sufficiente.

Tutti dobbiamo farlo comunque. L'invecchiamento lo richiede. In qualche modo, tra adesso e la fine della nostra vita, ognuno di noi deve arrivare dove ci troviamo con molto meno nel bicchiere.

Il vetro è le tue aspettative. La terza strada verso la ripresa si sta rassegnando alla gestione delle aspettative. La gestione è diversa dal tenere sempre ferma la società o rinunciare alle aspettative, nessuna delle quali è sostenibile o realistica. Le tue speranze aumenteranno e cadranno come dovrebbero.

A volte resterai fedele alle aspettative; a volte attraverserai il doloroso processo di rinuncia ad un'aspettativa. Non è facile, perché tenere e lasciar andare le aspettative richiede uno sforzo opposto. Non puoi semplicemente lanciare un interruttore a levetta per passare dal provare con tutte le tue forze a soddisfare i tuoi standard, a non preoccuparti dei tuoi standard. Prendersi cura di qualsiasi cosa significa schierare una flottiglia di desideri verso di essa. Smettere di preoccuparsi significa trasformare quella flottiglia. Ci sarà il caos interno.

Questa terza strada verso la guarigione è il ripristino della tua umanità. È disumano non rimanere mai delusi dall'avere tutte le aspettative soddisfatte o da non avere aspettative. È umano gestire le aspettative in modo che corrispondano e puoi indovinare ciò che è possibile per te in questo mondo deludente e deludente.

Solutions Collecting From Web of "Quando cadi, come ti rialzi?"