Quando agli altri non piace la parola 'P'

Recentemente mi è stato chiesto di partecipare a uno show televisivo nazionale per discutere la questione della psicopatia nelle relazioni basate sul mio libro Women Who Love Psychopaths . Avevano guardato il sito web, letto le informazioni sul libro, discusso del resto del programma e mi avevano prenotato per lo spettacolo. Non mi hanno invitato basandomi sul mio altro libro (anche se ugualmente informativo) Come individuare un uomo pericoloso , mi hanno prenotato per discutere e hanno mostrato la copertina del libro, Women Who Love Psychopaths .

Tuttavia, 20 minuti prima di andare in onda, un produttore mi ha detto che "loro" (chiunque fosse nel mondo della TV) si sono sentiti a disagio usando la parola "psicopatica". Trovarono la parola "controversa" e "sensazionalistica" e il mio esempio di psicopatici pubblici probabilmente noti che non sono riconosciuti come psicopatici era troppo discutibile e indifendibile da discutere.

Ovviamente questo è stato triste per me sentire, dal momento che gran parte di ciò che l'Istituto cerca di fornire è un'educazione alla patologia pubblica. L'unico modo per evitare la psicopatia è di sviluppare la capacità di comprendere i tratti e imparare a individuarli negli altri. Tutto questo è il motivo per cui il nostro obiettivo per questa agenzia è l'istruzione pubblica. Ovviamente, non è la prima volta che sentiamo che la parola "p" è offensiva, discutibile, controversa o giudicante, e purtroppo non sarà l'ultima volta.

Diverse vittime di incredibili abusi psicopatici erano presenti nello show e mi è stato chiesto di commentare i loro casi, ma ho anche chiesto di non usare la parola "p". Ho chiesto al produttore cosa pensava che i comportamenti di questi autori dovessero essere chiamati, o quali disordini avrebbero motivato il loro comportamento … o cosa stava suggerendo che dovevo chiamarli? Le ho detto che non riuscivo a scegliere un'altra etichetta o motivazione dietro i loro comportamenti letali che sarebbero stati vicini ad aiutare gli altri a capire "chi lo fa?". Le dissi che la psicopatia era una diagnosi, non solo un argomento politico, un'ideologia teorica o persino un giudizio criminale di carattere. Ero confuso sul motivo per cui ero lì quando quello che faccio, quello che scrivo, chi aiuto, e chi aiuto condannato sono palesemente ovvio dal mio background professionale e dal nostro sito web.

Mi è stato di nuovo ricordato quando ho sentito che "la parola p" è controversa, che l'educazione alla patologia pubblica è ancora nella sua infanzia. So che le vittime affrontano tutto questo tempo quando lottano per capire cosa c'è di sbagliato nella persona patologica, solo per scoprire la scioccante rivelazione del disturbo della persona. Ma la vittima che cerca di insegnare agli altri ciò che è sbagliato nel patologico viene neutralizzata quando gli altri ritengono che l'informazione sia discutibile, spiacevole, imprevedibile, improbabile e non spirituale da suggerire.

La parola 'p' è ora vista come il nuovo insulto psicologico del 21 ° secolo. È correlato con le devastanti insulti razziste degli anni '50, le insulti culturali degli anni '60 -'70 e le insulti gay / lesbiche degli anni '80 -'90. Ora, affrontiamo la parola "p" come abbiamo affrontato la "n" degli anni '50 e la "f" o la 60'70 e la "q" degli anni 80-90. Ma con un'enorme differenza! Non c'è niente di sbagliato nella parola "p" come era profondamente sbagliato con le parole "n", "f" e "q" dei decenni passati.

Ma viene trattato come se noi siamo razzialmente insensibili, culturalmente inappropriati o ignoranti di genere. Siamo considerati le teste di pelle del manuale statistico diagnostico che avremmo il coraggio di "chiamare qualcuno" uno psicopatico. Siamo considerati come i lanciatori di pietre delle persone con disabilità psicologiche e patologiche, i fanatici della Bibbia del povero psicopatico disinteressato spiritualmente e il socialmente incapace di emettere un'etichetta psicologica empirica come "psicopatia" che potrebbe effettivamente colpire e atterrare su un essere umano.

Lo so, lo so … dopotutto, è la TV di tutti i giorni che tutti riconosciamo riguarda le valutazioni e il ritmo con la società Attention-Deficit-Disordered bisogno di argomenti da coprire in tre minuti, non importa quanto sia avvincente la trama. La TV diurna copre gli tsunami delle scienze naturali e gli tsunami del trauma psicologico nella stessa rapida caduta della vendita di tinture per capelli e rossetto nello stesso segmento di 30 minuti. Cosa mi aspettavo dopotutto?

… Beh, io spero sempre che il trauma di una vittima sia riconosciuto e abbracciato per la forza emotiva e spirituale necessaria non solo per sopravvivere, ma per apparire su quel palcoscenico televisivo per raccontare la loro storia per aiutare gli altri. … Beh, io spero sempre che il bisogno di insegnare agli altri 'come individuare' i disordini devastanti che hanno creato il trauma delle vittime sia la motivazione guida dietro perché i programmi TV esistono e sostituisce la semplice 'trama-come-business' della TV.

Sì, riconosco che la TV diurna non è la portavoce del pianeta – che ci sono quelli che vogliono davvero ascoltare di più la storia delle vittime e saperne di più su "come individuarli" nelle loro vite … ma devo farlo ti dico, è un 'splash-in-the-face' di acqua fredda, come una chiamata 'wake-up-Sandra-we-aren't-as-far-you-think' che stiamo sussurrando la parola "p" dietro al palco e fuori dalla telecamera e la "modifica" per la visione pubblica. L'intero segmento di discussione sulla bassa empatia, senza coscienza e chi lo fa è stato rimosso. Non una sola parola che spiegava il comportamento di quelle persone letali è stata "fatta trapelare" al pubblico di osservazione per l'educazione alla patologia pubblica. Abbiamo ancora miglia e miglia da percorrere per educare il pubblico che la psicopatia è un disordine, non un tiranno verbale.

Sai cosa … è offensivo, discutibile, controverso, giudicante, O …. come discutibile, sgradevole, imprevedibile, improbabile e non spirituale come a coloro che si limitavano a produrre uno show televisivo basato su nano-secondi per dire la parola "p", le vittime che hanno vissuto con la "p" sono le vere autorità qui. Probabilmente pregherebbero di non essere d'accordo con chi dice la no che la "p" è un profondo insulto psicologico. Sono sicuro che le vittime hanno scoperto che il comportamento di "p" è più offensivo di quanto la TV-terra non capirà mai. Le vittime hanno sicuramente lottato con il loro bisogno di superare la "discutibilità" del disordine, o la polemica che turbinava attorno ai comportamenti letali dello psicopatico e sono sicuro che la vittima ha incitato le proprie opinioni giudiziarie sugli estranei. Dubito che oggi la vittima abbia trovato la sua storia non dimostrabile o addirittura discutibile – dopo tutto, alcuni di questi magazzini sono finiti nell'omicidio o hanno tentato di più. Tutti gli aggettivi associati alla psicopatia.

Come "controverso" come TV-land sentiva che la parola 'p' era, non si confronta nemmeno con la stragrande necessità della vittima di gridare dai tetti ciò che è patologico … uno psicopatico.

Usare la parola "p" della psicopatia non è un insulto. È un'istruzione, una prevenzione, una DIAGNOSI e la realtà per milioni di vittime nel mondo.

Solutions Collecting From Web of "Quando agli altri non piace la parola 'P'"