Quando accadono cose cattive: il potere curativo di lasciarlo fuori

Ho visto Kim per oltre un decennio quando mi ha chiamato una sera tardi. La sua voce era appena udibile, non l'avevo mai sentita suonare così in basso.

"La grande presentazione che dovrei dare venerdì, invece di prepararmi, sono stata a letto piangendo," balbettò. La mia mente tornò alla nostra ultima sessione: era così entusiasta! Un nuovo aumento, un'importante promozione e un invito a presentare il suo lavoro in una conferenza nazionale! Quando menzionò sua figlia Noreen, il suo umore diminuì. Noreen non stava andando bene, ma Kim sembrava determinata a non lasciare che il disordine alimentare di Noreen le dettasse la vita. Recentemente era stata in un gruppo di supporto dove aveva imparato un nuovo mantra da altri genitori alle prese con bambini con disturbi alimentari:

"Non l'ho causato, non posso controllarlo, e non posso curarlo."

Il mantra sembrava liberatorio nei confronti di Kim, che spesso si era sentita prigioniera del benessere di sua figlia. Essenziale è il messaggio del mantra che dà ai genitori il permesso di allontanarsi dopo aver fatto tutto ciò che possono fare (enfasi sul "tutto"). Mentre Kim parlava, volevo essere sicuro di entrare in empatia con il difficile atto di giocoleria che aveva avuto: essere consapevole di avere il permesso di prendersi cura di se stessi, anche mentre si lavora per fare tutto il possibile per impostare l'ambiente migliore per il recupero.

"E anche se ha 28 anni, è ancora mia figlia!" Disse tristemente Maureen, riconoscendo che sua figlia stava ancora lottando e lo avrebbe fatto, fino a quando il suo ultimo giorno dovette controllare la sua voglia di gestire tutto in vero stile "mamma elicottero" (parole sue) .

Aveva lasciato il mio ufficio di buon umore, a quanto pareva. Non una parola sul sentirsi tristi. Cosa potrebbe essere successo?

Kim, una madre single e una vedova mi hanno chiamato per la prima volta quando a sua figlia Noreen di 15 anni è stata diagnosticata l'anoressia nervosa. Avevo accompagnato il viaggio di Kim mentre cercava di trovare il giusto trattamento / terapista / ospedale per oltre un decennio.

Il terapeuta iniziale di Noreen aveva indirizzato i due a molti come terapista familiare. Un breve ricovero per Kim ha avuto risultati mediocri e duraturi. Successiva: una lunga serie di impostazioni di trattamento ambulatoriale, intra-paziente e diurno. Noreen aveva una capacità di enorme capacità di recupero e tuttavia, faceva delle immersioni profonde: di solito era un periodo asintomatico, alla fine seguito da una ricaduta. Seguito da una lenta ripresa … e poi un'altra ricaduta. Alla fine Noreen si è laureato all'università, sposato e divorziato. Una carriera di successo la portò fuori dallo stato e per un po 'la sua vita fu liscia, ma ora i suoi vecchi demoni erano tornati: cibo, peso e sensazione di grasso.

"Mi sento come se tornassimo a zero", ha detto Kim tristemente quando ci siamo seduti insieme nel mio ufficio la mattina dopo che lei aveva chiamato. "È così che sarà sempre – questo ciclo su e giù?" Pianse

"Parlami delle lacrime", suggerii dolcemente.

Kim pianse più forte. "Non dovrei piangere", tirò su col naso.

"Dice chi?" Ho chiesto.

Le mie parole salirono proprio sopra la sua testa. "La sua vita è un disastro", ha detto Kim. Ma non posso smettere di piangere, pensando a come è successo – a lei – a me – a noi … Non riesco a smettere di piangere! "

Sono appeso, determinato a raggiungerla.

"Mi chiedo se puoi smettere di incolparti e dirmi come ti senti?"

Kim rimase lì singhiozzando.

"Lascialo uscire", dissi, "tanto dolore dentro … solo lasciarlo uscire, farlo uscire …" dissi. Le ho detto che non l'avevo mai vista così scoraggiata e le ho chiesto se fosse successo qualcosa tra l'ultima volta che ci siamo incontrati quando lei era così entusiasta e ora. "Torna indietro nel tempo … vediamo se riusciamo a capirlo insieme … .quando è successo tra il giorno in cui sei uscito dal mio ufficio la scorsa settimana e ora … se riusciamo a capire quando questo stato d'animo ti ha colpito."

Kim cominciò a guardare all'indietro, ricordando i giorni tra la nostra ultima sessione e quando iniziò a sentirsi così agitata. All'improvviso si fermò. Emerse un ricordo.

Era stata al suo gruppo di supporto dei genitori in cui un genitore arrabbiato esprimeva rabbia e rabbia con la propria figlia che era di nuovo ricaduta – con l'alcol. Ora la figlia non voleva avere niente a che fare con sua madre. Non le avrebbe nemmeno parlato.

Kim fece una pausa. "Non so spiegare perché," disse pensierosa, "non conoscevo nemmeno quella donna, ma la sua storia mi terrorizzava. E ho iniziato a pensare a Noreen … .se se dovessi perderla … "iniziò a piangere di nuovo. "So che non ha senso, ma ho iniziato a preoccuparmi di perdere Noreen."

Mentre parlava, ho iniziato a pensare al potere di questo completo estraneo di evocare una delle paure peggiori di Kim: che sua figlia l'avrebbe respinta (come lei (Kim) aveva rifiutato sua madre). Alcune semplici domande da parte mia hanno aiutato Kim a capire come la testimonianza di questa madre arrabbiata avesse evocato il suo lavoro incompiuto, ricordandole la sua stessa madre arrabbiata, così come la parte arrabbiata di lei.

"Perdere tua figlia sarebbe davvero un incubo", dissi, volendo riconoscere e confermare che la sua reazione aveva una componente comprensibile. "Ma a meno che non mi sia sfuggito qualcosa, non è successo niente che mi faccia pensare che Noreen stia per tagliarti fuori dalla sua vita. È questa anche una possibilità? Mi sto perdendo qualcosa?"

Kim fece un sorriso. "No, non c'è davvero, e ora mi sento un po 'stupido. Non c'è davvero alcuna ragione per me di essere così preoccupato, ma questo sono io, questo è quello che sono sempre stato: posso rimanere coinvolto nel mio incubo così facilmente. È come se il mondo intero fosse sottosopra. "

Come Kim aveva raccontato la storia di questa madre infuriata, avevo assistito al suo ritorno in vita. "La vecchia Kim è tornata," dissi, volendo che lei notasse come, raccontandole la sua storia, si era spostata di nuovo nel suo io competente. "Fai un respiro profondo e fallo uscire … e un altro … e nota come ti senti ora – in confronto a come ti sei sentito quando sei entrato in questo ufficio pochi minuti fa."

Kim sorrise e disse che si sentiva più calma. "Tutti noi abbiamo parti diverse di noi che possono essere attivate da ricordi, eventi e persone", ho detto. "E il trucco è capire come disattivare i nostri demoni prima che si impadroniscano delle nostre menti."

Ho spiegato a Kim che i recenti risultati della neuropsicologia possono spiegare cosa le è successo. "Potenti neuroni specchio nel nostro cervello si sintonizzano con il cervello di altre persone. Quando vediamo qualcuno essere arrabbiato, i nostri neuroni arrabbiati si infiammano. Se vedo qualcuno sorridere, sorrido, se vedo qualcuno avere paura, i miei neuroni specchio accendono i miei sensori di paura. "Mi sono usato deliberatamente per normalizzare ciò che stavo dicendo e aiutarla a sentirsi capita.

Ho spiegato che la conoscenza di questo tipo è uno strumento potente e può aiutarci a mettere in pausa e staccare dagli stati indesiderati. Sembrava dubbiosa, ma quando le chiesi se fosse disposta a fare un esperimento, lei annuì e fui felice di avere l'opportunità di insegnarle una nuova abilità di coping.

Resta sintonizzato sulla prossima puntata di questo blog e impara una nuova abilità da usare per calmarti quando il tuo mondo si sente turbolento
JRR

Solutions Collecting From Web of "Quando accadono cose cattive: il potere curativo di lasciarlo fuori"