Quando a malapena qualsiasi cosa deve essere sufficiente

DJ Moran, JoAnne Dahl e Beate Ebert in Sierra Leone alla guida di un workshop ACT

[In questo numero di When More Is Not Enough , ho deciso di fare una deviazione dal tipico focus e di scrivere su una recente esperienza di formazione che ho avuto in Africa … un luogo dove la povertà è così profonda che a malapena qualsiasi cosa deve essere abbastanza .]

Chimalsi è un uomo di 25 anni con esperienze di vita che la maggior parte di noi vede solo nei film dell'orrore, dei film di guerra o delle notizie raccapriccianti. Ci siamo incontrati durante un workshop che i miei colleghi e io stavamo dando in Africa. Dovevo insegnare a Chimalsi e ai suoi colleghi a migliorare le condizioni di salute mentale nel suo paese, ma stavo anche imparando molto sul mondo durante le mie interazioni con lui.

Era un bambino combattente nella guerra civile in Sierra Leone. Mi raccontò storie e mi chiese di raccontarle di nuovo in modo che i miei colleghi e amici sapessero della lotta e della sofferenza che le persone nel suo paese hanno sopportato. Alcune delle storie che ho raccontato solo una volta … sono state troppo raccapriccianti per gli ascoltatori.

Ogni storia che raccontava aveva a che fare con il terrore della guerra. La sua storia più commovente che posso raccontare senza respingere un pubblico racconta quando fu "reclutato" al Fronte rivoluzionario unito quando aveva circa 10 anni. I "leader" del RUF hanno assassinato la sua famiglia di fronte a lui e poi gli hanno affondato un braccio e hanno macinato cocaina e polvere da sparo nella ferita aperta … e gli hanno consegnato una mitragliatrice e minacciato la sua vita se non avesse servito la causa dei ribelli. (E sì, questa è una delle storie più domate che credo di poter raccontare).

Chimalsi non era solo equipaggiato con una pistola, ma anche con un machete. Il RUF ha lasciato una scia brutale di oltre 10.000 amputati in tutta la Sierra Leone durante la guerra.

Un decennio più tardi, si scontra con il trauma di essere un bambino combattente. Pieno di rimorsi, penitente e desideroso di fare ciò che poteva per rimediare ai suoi torti, Chimalsi e centinaia di altri combattenti hanno preso la decisione di promuovere la pace e la guarigione in Sierra Leone. Si unì alla squadra di professionisti della salute mentale nel suo paese e si trovò a fianco dei sopravvissuti alla guerra. Alcuni dei suoi colleghi sono vittime dell'amputazione della guerra, ma sembra che tutti stiano lavorando insieme per porre fine al tribalismo e aumentare unità, libertà e armonia. E tutti sono interessati ad affrontare la scarsità di servizi di salute mentale in Sierra Leone.

++

Nel gennaio 2011, i miei colleghi Beate Ebert e JoAnne Dahl e io abbiamo iniziato a presentare due workshop sulla terapia comportamentale basata sull'evidenza e sulla terapia di accettazione e impegno (ACT). Beate è uno psicologo dedicato e fondatore di Commit + Act, l'agenzia non governativa che ha pianificato questo viaggio. JoAnne ha una vasta conoscenza dell'uso di ACT con la popolazione di dolore cronico, ma ha anche esperienza nel portare ACT a popolazioni che hanno accesso limitato all'assistenza sanitaria mentale. Il nostro primo workshop di cinque (5) giorni era a Freetown, SL e il secondo workshop di tre (3) giorni era a Serabu, SL. Ogni workshop ha avuto oltre 30 operatori di salute mentale presenti. Erano molto desiderosi di sapere come potevano affrontare il disturbo da stress post-traumatico con terapia comportamentale e ACT.

Se non si ha familiarità con Accettazione e terapia di impegno, si tratta di un approccio evidence-based alla terapia cognitivo-comportamentale che incorpora la consapevolezza, la chiarificazione dei valori e gli interventi basati sull'accettazione per aiutare le persone ad aumentare la loro flessibilità quando si tratta di cose che lottano con e aiuta anche le persone ad attenersi ai loro impegni in azioni importanti. ACT ha dimostrato di essere utile per una serie di problemi psicologici, ed è usato nell'Amministrazione dei Veterani per aiutare le persone che si occupano di PTSD. Sembrava prudente portare questo approccio alla comunità della salute mentale in Sierra Leone per aiutare anche i loro sopravvissuti al trauma.

La risposta del nostro pubblico è stata fenomenale. Hanno assorbito immediatamente i concetti e i principi. Hanno portato una misura di umanità e di desiderio per aiutare la loro comunità che raramente ho visto nei laboratori in altre parti del mondo. Credo che parte della loro urgenza nell'apprendere derivi dalla situazione disperata del loro paese e dalla mancanza di risorse per la formazione, ma credo anche che i loro valori culturali condivisi di aiutare la loro comunità abbiano avuto una grande influenza sulla loro dedizione. Era chiaro che non stavano solo pensando a come applicare i concetti ai loro clienti, ma stavano valutando come ACT potesse aiutarli a chiarire i propri valori e attenersi ai loro impegni personali e professionali.

Ogni episodio di allenamento, che fosse l'inizio della giornata o dopo il pranzo, iniziava con una preghiera. A volte era guidato da un musulmano o da una suora cattolica, ma in ogni momento le persone partecipavano con riverenza e apertura. Durante il workshop, le domande erano sofisticate e le discussioni sulla concettualizzazione dei casi erano ben sviluppate. Ciò che è stato più sorprendente durante il workshop è stata la partecipazione assoluta e approfondita agli esercizi di gruppo. In molti workshop al di fuori della Sierra Leone, i partecipanti spesso sembrano riluttanti a impegnarsi veramente in esercizi di fronte ad altre persone, ma entrambi i nostri gruppi durante questo viaggio hanno davvero formato una mini-comunità e supportato il coinvolgimento reciproco nel processo.

Come formatori, sapevamo che ci sarebbe stato bisogno di un supporto continuo, quindi abbiamo escogitato un elenco per aiutare a supervisionare lo sviluppo delle loro abilità nella terapia comportamentale su Internet. Commit + Act ha anche tutte le intenzioni di tornare ogni anno in Sierra Leone per aiutare a diffondere la tecnologia basata sull'evidenza volta a ridurre la sofferenza umana e ad aumentare le competenze dei nostri partecipanti passati. Questo progetto è uno sforzo significativo che merita il tuo sostegno. L'Associazione per le scienze comportamentali contestuali ha istituito il Fondo per lo sviluppo delle nazioni in via di sviluppo per sostenere la diffusione della psicoterapia basata sulla scienza in tutto il mondo. Per favore considera di fare una donazione. Puoi anche trovare ulteriori informazioni su Commit + Act. Se sei così incline e hai competenze nel campo della formazione di consulenti per la salute mentale in tecniche di trattamento efficaci, forse considererai il tuo tempo come volontario!

Ci sono centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo come Chimalsi: persone desiderose di rendere il mondo un posto migliore se solo avessero più risorse. Come comunità globale, possiamo lavorare insieme per ridurre la sofferenza. Cosa sei disposto a impegnarti a fare?

Solutions Collecting From Web of "Quando a malapena qualsiasi cosa deve essere sufficiente"