Quali trattamenti potrebbero aiutare a ridurre i sintomi della bulimia?

Google Image labeled for reuse
Fonte: immagine di Google etichettata per il riutilizzo

Durante gli ultimi due anni nel mio lavoro clinico, sembrava che più clienti stessero entrando in counseling per problemi legati all'alimentazione. Nei miei diversi decenni di consulenza il tasso di incidenza è sempre andato su e giù, ma questi due anni sono sembrati evidenti.

Ho deciso di studiare il tasso di incidenza e ho scoperto che, secondo Smink e colleghi, l'incidenza della bulimia nelle donne di 10-39 anni era triplicata tra il 1988 e il 1993. I nuovi casi di disturbi alimentari in generale erano aumentati dai primi anni '50 con maggiore aumento nelle femmine di 15-19 anni. La prevalenza di vita per l'anoressia per le femmine è 0,9 per cento e maschi è 0,3 per cento, e disturbi alimentari interesserà una giovane donna su otto. L'anoressia ha il più alto tasso di mortalità di qualsiasi disturbo psichiatrico allo 0,11% all'anno e 12 volte superiore a qualsiasi altra causa. Di quelli che morirono, uno su cinque si suicidò e altri morirono per complicazioni mediche. Disturbi alimentari comunemente si sono verificati con alcol, abuso di sostanze, depressione e disturbi ossessivi compulsivi (DOC).

Queste statistiche sono sempre allarmanti, quindi ho cercato il trattamento più efficace per mangiare i clienti disordinati. In questo blog condividerò una storia di successo di una donna di 50 anni che soffre di bulimia da tre decenni.

La chiamerò Susan. È una madre competente e di successo con sei figli ed è venuta in consulenza per preoccupazioni di ansia. Dopo sei sessioni, Susan ha confidato di essere stata abbuffata e purgata dal college. Era magra e non aveva mai condiviso le sue preoccupazioni per i disordini alimentari con nessuno. Abbiamo fatto un anno di counseling comportamentale cognitivo e ha imparato le abilità di coping per il processo decisionale con alimenti e tecniche come il controllo della temperatura cutanea, la respirazione diaframmatica e la variabilità della frequenza cardiaca.

Susan funzionava meglio ma continuava a vomitare e aveva bisogno di ulteriore aiuto, quindi ho integrato il neurofeedback (NFB) nel piano di trattamento di Susan. C'è molto in letteratura sull'efficacia della NFB per i disturbi alimentari, così ho visitato con Susan l'idea di attaccare i suoi sintomi alla fonte dei problemi, il cervello.

Ho effettuato una valutazione NFB completa che includeva un EEG a 5 canali, inventari self-report incentrati sull'ansia, la depressione, l'insonnia, il trauma, la checklist dei sintomi e l'attenzione. Susan ha anche effettuato un test di prestazione continuo computerizzato per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD). Ha anche completato il Millon Clinical Multiphasic Inventory (MCMI) III per presentare sintomi e disturbi della personalità.

Dai risultati di queste valutazioni abbiamo sviluppato un piano di trattamento NFB per Susan. Abbiamo finito per completare 40 sessioni NFB con un incredibile successo. L'obiettivo del NFB era la riduzione delle onde beta alte per la riduzione dell'ansia e la sincronia delle onde alfa e theta su tutta la testa. Dopo 40 sessioni, Susan non stava più purgando per la prima volta in tre decenni! Era elettrizzata.

Susan ha completato tutti gli stessi post-test con risultati di riduzione dei sintomi molto simili. Di seguito è riportato un esempio di MCMI. I lettori possono vedere il drammatico calo dei punteggi per le sindromi cliniche.

Questa è solo una dimensione del campione di un cliente, ma i dati quantitativi supportano i suoi dati qualitativi. Susan è ora più sana di quanto non sia mai stata nella sua vita e vede il trattamento con la NFB come la chiave principale per la sua eliminazione della bulimia nella sua vita.

Come professionista certificato Neurofeedback, sono entusiasta anche per Susan. Dal suo successo, continuerò a integrare NFB nel mio trattamento di consulenza per i disturbi alimentari in futuro.

Per informazioni sul Master on-line in Counseling della Bradley University vai su: http://onlinedegrees.bradley.edu/counseling.

Solutions Collecting From Web of "Quali trattamenti potrebbero aiutare a ridurre i sintomi della bulimia?"