Quali sono le comuni reazioni psicologiche al trauma?

Per la maggior parte del tempo le nostre vite sembrano sicure e prevedibili.

Gravi incidenti stradali, incidenti aerei, incidenti ferroviari, disastri naturali, aggressioni criminali, attacchi terroristici e altri tipi di eventi traumatici sembrano accadere ad altre persone, non a noi. Potremmo leggere su di loro sui giornali o guardarli in TV, ma non ci aspettiamo di sperimentarli direttamente da soli.

Ma per quelli di noi che hanno subito un trauma, sappiamo che ognuno di noi, in qualsiasi momento, può essere vittima di tragedie o perdite improvvise e inattese.

La maggior parte delle persone sperimenterà varie reazioni psicologiche nei giorni successivi a un evento traumatico. Le risposte psicologiche comuni includono quanto segue.

  • Ansia: sentimenti di paura, nervosismo o talvolta panico, specialmente di fronte ai ricordi dell'evento; preoccupazioni per perdere il controllo o non far fronte; preoccuparsi che la situazione possa ripresentarsi.
  • Iper-vigilanza – costantemente alla ricerca di segnali di pericolo o di minacce in cose che prima sarebbero sembrate innocenti. Ciò potrebbe significare essere eccessivamente protettivi nei confronti di bambini o persone care, ad esempio preoccuparsi se sono in ritardo a casa o non hanno telefonato esattamente nel momento in cui hanno detto che lo avrebbero fatto.
  • Disturbi del sonno – difficoltà a scendere a dormire, sonno agitato, sogni vividi o incubi. All'inizio, questi possono riguardare l'incidente stesso o l'esperienza, ma possono cambiare per essere meno specifici, dove il contenuto può essere solo inquietante o generalmente inquietante.
  • I ricordi intrusivi – pensieri intrusivi / immagini dell'incidente traumatico, che possono apparire "fuori dal nulla", senza trigger o promemoria. Altri pensieri, immagini o sentimenti possono essere suggeriti da trigger multimediali, ad esempio qualcosa in TV, giornali, suoni, una canzone o un brano musicale, odori.
  • Sentimenti di colpa, rimpianti, di non aver agito o affrontato così come uno avrebbe desiderato, di lasciare cadere se stessi o gli altri verso il basso, di essere in qualche modo responsabili. Altri sentimenti di colpa possono essere presenti perché la persona è sopravvissuta, mentre un amico o una persona cara è morta – di nuovo, questo è un fenomeno comune ed è noto come "superstite senso di colpa". Spesso, quando ci sentiamo in colpa, vogliamo in qualche modo riaggiustare le cose.
  • Vergogna o imbarazzo – sentimenti legati al modo in cui pensiamo a noi stessi, spesso legati alla sensazione di non essere abbastanza bravi in ​​qualche modo. Quando proviamo vergogna, vogliamo nasconderci.
  • Tristezza: sentimenti di umore basso e pianto.
  • Irritabilità e rabbia – a quello che è successo, l'ingiustizia dell'evento; 'Perché io?' a quelli che ritieni siano responsabili per il trauma e che vogliono che qualcuno accetti la responsabilità o la colpa. L'irritabilità può essere spesso diretta a persone care, a familiari stretti, amici o colleghi.
  • Intorpidimento emotivo o sensazione di smarrimento distaccati dagli altri o incapaci di provare emozioni come amore o felicità.
  • Ritiro-tendente a ritirarsi in se stessi, evitando contatti sociali e familiari.
  • Evitamento mentale – evitare pensieri da fare con il trauma. Le persone cercano di spingere i pensieri angoscianti fuori dalla loro testa, spesso senza successo, e nel lungo periodo questo può causare ulteriori problemi perché interferisce con la persona che elabora e dà un senso alla propria esperienza.
  • Evitamento comportamentale – evitare pensieri, sentimenti, attività che ricordano il trauma.
  • Un'aumentata risposta allo startle, che diventa "nervosa" o facilmente sussultata da rumori o movimenti improvvisi, ad esempio una porta che si chiude sbattendo, il telefono o il campanello della porta che squilla.

Queste sono reazioni normali e naturali nell'immediato dopo un evento traumatico. La maggior parte delle persone si riprenderà nei giorni e nelle settimane successivi a un evento traumatico, in particolare se non li ha direttamente colpiti da perdite o infortuni personali.

Per gli altri, tuttavia, che sono direttamente colpiti da un trauma, queste reazioni possono persistere o addirittura peggiorare con il passare delle settimane. La loro capacità di andare avanti con le loro vite è gravemente compromessa.

Se voi o qualcuno che conoscete stanno ancora sperimentando molte delle reazioni elencate sopra diverse settimane dopo un evento traumatico, potrebbe essere consigliabile chiedere una consulenza professionale.

Scopri di più sullo stress post-traumatico e sul suo trattamento nel nostro nuovo libro.

Solutions Collecting From Web of "Quali sono le comuni reazioni psicologiche al trauma?"