Quali sono le cause della dipendenza?

Il fratello adolescente del mio amico ha avuto un problema di alcolismo molto serio. Stava fuori fino a tardi, tornando a casa ubriaco alle sere della scuola e andando a sbattere contro la macchina di famiglia. Il problema era così grave che tutta la famiglia: il padre, la madre, 3 sorelle e il fratello andarono tutti alla terapia. Una volta in terapia, il terapeuta si è concentrato sulla madre. Il terapeuta passò diverse sedute chiedendo alla madre come allevava suo figlio e chiedendo al figlio perché si fosse risentito con sua madre. Dopo diverse sessioni incentrate sui conflitti tra madre e figlio, il terapeuta disse all'intera famiglia che la mamma era la causa del bere di Kevin.

Ci sono diverse teorie sulla dipendenza. Tutti loro sono imperfetti. Tutte sono spiegazioni parziali. Tuttavia, ogni terapeuta ha determinati pregiudizi. Questi pregiudizi influenzano la loro terapia – come nel caso del fratello del mio amico. Per questo motivo, è importante essere consapevoli e mettere in discussione le teorie sulla dipendenza. La terapeuta che disse alla madre della mia amica che aveva causato il bere di suo figlio fu influenzata dalla psicoanalisi.

Secondo Freud, il creatore della teoria psicoanalitica, la personalità consiste di tre componenti: l'id, il super-io e l'ego. L'id è istintivo, impulsivo e infantile. Vuole la soddisfazione immediata dei bisogni, degli stimoli e delle voglie. Nel caso dell'alcolista, l'id brama l'alcol. Il Super-Io è a volte pensato come genitore o coscienza. È la componente morale della personalità. Il Super-io sa "giusto" da "sbagliato" e la sua funzione è controllare gli impulsi dell'id. Infine, l'ego è simile all'adulto e media l'id e il superego.

L'ansia è una forza trainante nella teoria psicoanalitica. L'ansia segnala una minaccia ma può sopraffare l'ego. Quando l'ansia è travolgente, una persona fa affidamento su meccanismi di difesa come la negazione, l'evitamento, la razionalizzazione, la regressione, la proiezione, ecc. Come menzionato nel mio post precedente. La negazione, in particolare, è comune tra i tossicodipendenti che spesso negano di avere un problema.

Una visione psicoanalitica contemporanea dell'abuso di sostanze è che si tratta di una difesa contro l'ansia (Thombs, D. 2006). I tossicodipendenti abusano di alcol o di altre sostanze per proteggersi dall'ansia travolgente e altre emozioni dolorose come la solitudine e la depressione. Un acronimo comune nei circoli della dipendenza è HALT, che significa Hungry, Angry, Lonely e Tired. Queste sono emozioni che portano alla vulnerabilità e al successivo abuso di sostanze. Sfortunatamente, quando si usa l'alcol per evitare l'ansia che evoca situazioni, l'aggressore non cresce mai. Lui / lei non sviluppa mai meccanismi di coping appropriati. Invece, si limitano ad afferrare la bottiglia (o … … forse è una fissazione orale?). Ad esempio, il bevitore solitario che rimane a letto tutto il giorno a guardare la TV evita di andare a un colloquio di lavoro, a farsi degli amici ea imparare a gestire il rifiuto. L'alcol è usato per smorzare l'ansia ed evitare situazioni di minaccia.

Per il terapeuta di Kevin, era sua madre che lo proteggeva eccessivamente, si concedeva il suo id e causava il suo eccessivo bere. Diverse sessioni dopo, Kevin non aveva ancora smesso di bere, stava ancora evitando la responsabilità per il suo comportamento, ma il resto della famiglia incolpava la mamma e si sentiva molto, molto colpevole.

Thombs, D. (2006). Introduzione ai comportamenti di dipendenza . New York: Guilford Press.

Solutions Collecting From Web of "Quali sono le cause della dipendenza?"