Quali sono i limiti della tua mente ego?

Non tutti desiderano la felicità, la gioia, la felicità e la pace? Allora perché ci sono così tante persone bloccate in lavori e relazioni malsane o insoddisfacenti? Tradizionalmente, ci è stato detto che per raggiungere la felicità, dovremmo usare le nostre menti per capire cosa ci renderebbe felici e quindi lavorare sodo per raggiungere il nostro obiettivo. Il problema è che anche la mente più acuta e intelligente è limitata nella sua capacità di creare opportunità e vedere possibilità. Senza una guida dal cuore, stiamo semplicemente suonando le note su un pianoforte, non componendo una melodia. Per uscire dalla sofferenza e tornare alla contentezza e alla gioia, dobbiamo ascoltare la musica che ci chiama dai nostri cuori e andare dove ci porta.

Alcune persone sono in grado di abbracciare il processo di trasformazione così facilmente da evolvere apparentemente senza sforzo, mentre altri si bloccano, hanno paura di fare una mossa, sperando invano che il cambiamento che desiderano avvenga magicamente e senza dolore. Per quelli che rimangono bloccati nel loro ego, o falso sé, spesso li presenta con una lunga lista di argomenti per combattere i cambiamenti che desiderano o per evitare i cambiamenti che li costringono a uscire dalla loro zona di comfort, anche se il costo è loro proprio felicità.

La maggior parte delle persone desidera il cambiamento e persino i cambiamenti radicali, perché le loro vite sono fuori sincronia con i loro desideri più sinceri. Eppure, quando si trovano di fronte a prove schiaccianti che è ora di andare avanti, di lasciare andare ciò che è stato ed entrare nella loro più profonda, o core, creatività, dove ogni sorta di possibilità trascurate inizieranno a rivelarsi a loro, si congelano nella paura. La resistenza prende il sopravvento. Per accedere al loro potere di trasformazione, devono iniziare esplorando e dissolvendo la loro resistenza profondamente radicata al cambiamento.

Non credo che potremo mai sbarazzarci di certe resistenze o emozioni così, invece di cercare di superare un ostacolo, scrivo sull'importanza di lavorare con pacciamatura. C'è un'antica storia buddista che illustra cosa intendo con pacciamatura. Nella parabola due contadini vivono l'uno accanto all'altro. Un contadino prende tutto il suo letame di cavallo e continua a gettarlo oltre il recinto nel cortile dell'altro contadino. Circa sei mesi dopo, nota che i pomodori dell'altro contadino sono giganteschi, le sue zucche sono enormi, il suo mais è verde e il suo cortile è pieno di erba alta.

Il primo passo per abbracciare la tua resistenza è identificarlo e verificare anche se hai ostacoli nascosti. Quindi è importante capire i profitti della resistenza poiché questi sono ciò che ti impedisce di andare avanti. Ci sono cinque profitti di base che io chiamo i demoni dell'ego o della mente egoica. Innanzitutto resistendo al cambiamento, possiamo evitare l'ignoto. Ciò che è familiare potrebbe non essere terribilmente comodo, ma a volte sembra che il diavolo che conosciamo sia migliore del diavolo che non conosciamo. Temiamo che avventurarci nell'ignoto ci faccia scoprire segreti dolorosi sul mondo e su noi stessi che ci sono stati nascosti. In secondo luogo possiamo evitare di essere giudicati "strani". Quando i genitori sono spaventati dalla diversità dei loro figli, etichettandoli come "strani", di solito cercano di soffocare la sua creatività. Il bambino, avvertendo la loro disapprovazione e temendo l'abbandono, può interrompere il suo flusso creativo e quindi cerca di conformarsi alle aspettative dei suoi genitori o recita, sostenendo di non preoccuparsi di ciò che qualcuno pensa di lui.

Un altro vantaggio è che possiamo evitare il fallimento. Quando temiamo il fallimento, tendiamo a sopravvalutare il rischio che stiamo assumendo e immaginiamo il peggiore scenario possibile, l'equivalente emotivo dei nostri genitori che ci abbandonano da bambini. Al contrario, possiamo anche voler evitare il successo. Per quanto possa sembrare strano, la paura del successo può causare la stessa resistenza al cambiamento, come può farlo la paura del fallimento. Mentre puoi consapevolmente desiderare una promozione o sperare che la tua relazione sentimentale sfoci nel matrimonio, inconsciamente potresti avere paura di ciò che accadrà se questi cambiamenti si verificano. L'ultima ricompensa è che possiamo evitare di sentirci in colpa. Se prendiamo un rischio e apportiamo un cambiamento, potremmo sentirci in colpa perché stiamo contraddittori di ciò che gli altri pensano che dovremmo o non dovremmo fare con le nostre vite.

Se la tua resistenza è più forte del tuo desiderio di una situazione migliore, devi trovare il tuo coraggio e addentrarti profondamente nella tua psiche. Lì, puoi scoprire questo ostacolo, romperlo e accedere al carburante della tua passione. Questa passione ti farà uscire dalla routine e dalla resistenza, e nel processo creativo, aprendo gli occhi a infinite possibilità. Liberati dal peso di creare comportamenti di evitamento e reprimere la tua ansia e le paure sul cambiamento, sarai rinvigorito.

C'è un vecchio proverbio Zen che dice: "Felicità e sofferenza stanno ottenendo ciò che vuoi e non ottenendo ciò che vuoi! Entrambi portano felicità e sofferenza a qualcosa su cui riflettere mentre sogni! "

Ronald Alexander, Ph.D. è l'autore del libro acclamato, Wise Mind, Open Mind: Scopo e significato in tempi di crisi, perdita e cambiamento. È il direttore esecutivo di OpenMind Training® Institute, pratica la psicoterapia mente-corpo basata sulla mindfulness e la formazione alla leadership a Santa Monica, CA, per clienti privati ​​e aziendali. Ha insegnato a gruppi di formazione personale e clinica per professionisti in Psicoterapia Integrale, Terapie Ericksoniane di guarigione mente-corpo, meditazione consapevole e psicologia Buddista a livello nazionale e internazionale dal 1970. (www.openmindtraining.com)

Solutions Collecting From Web of "Quali sono i limiti della tua mente ego?"