Quale mito educativo comune limita la realizzazione degli studenti?

Dr. Bobby Hoffman
Fonte: Dr. Bobby Hoffman

Uno dei malintesi più comuni riguardo all'insegnamento e all'apprendimento è la credenza nell'uso di strategie didattiche personalizzate con studenti specifici basati sulla percezione della preferenza dello "stile di apprendimento" dello studente. Gli stili di apprendimento sono generalmente definiti come "la visione che persone diverse apprendono le informazioni in modi diversi" (Pashler, McDaniel, Rohrer, & Bjork, 2009, pag 106). Dopo tutto, ha senso intuitivo che una persona che preferisce leggere potrebbe trovare noioso ascoltare una lezione, e qualcuno che non ama la lettura imparerà di più guardando un video. Questa presunzione differenziata porta spesso a una revisione dei metodi di insegnamento da parte degli educatori che si sforzano di soddisfare i presunti bisogni individualizzati degli studenti. Sfortunatamente, questa logica è fuorviata e purtroppo educatori che progettano istruzioni con stili di apprendimento in mente stanno involontariamente danneggiando i loro studenti in vari modi.

In un recente sondaggio di 225 studenti che studiavano per diventare insegnanti, l'84% è fortemente d'accordo o d'accordo con la dichiarazione "Il rendimento accademico aumenta quando gli insegnanti presentano materiale nello stile di apprendimento preferito dello studente." (McAfee, Xu, & Hoffman, 2015). Inoltre, gli insegnanti pre-servizio sono altamente fiduciosi nella precisione della loro convinzione ingiustificata nello stile di apprendimento, indicando un livello di confidenza del 90% quando viene chiesto di verificare la forza della loro condanna. Nonostante la prevalenza di convinzioni di stile di apprendimento, poche prove scientifiche suggeriscono che esistono effettivamente stili di apprendimento. Daniel Willingham, professore di psicologia all'Università della Virginia e ricercatore di stili di apprendimento di spicco con dozzine di pubblicazioni accademiche negli ultimi 25 anni, una volta indicato "nessuna evidenza suggerisce che il fatto di soddisfare tali preferenze porterà a un apprendimento migliore".

È stata generata un'industria artigianale a sostegno dell'efficacia dell'istruzione basata sull'apprendimento dell'uso dello stile. I sostenitori affermano che quando gli stili di apprendimento vengono ignorati gli studenti diventano ansiosi riguardo alla loro capacità di apprendere e dal momento che gli stili di apprendimento oscillano all'interno e tra gli studenti, la progettazione didattica dovrebbe adattarsi a vari stili di apprendimento. I critici degli stili di apprendimento spesso sostengono che affidarsi agli stili di apprendimento è una pedagogia inappropriata perché gli obiettivi di apprendimento si raggiungono meglio quando lo stile didattico corrisponde al tipo di contenuto studiato. Ad esempio, insegnare geografia e matematica sarebbe inefficace se ci si basa principalmente su uno stile di insegnamento uditivo. Questi soggetti sono insegnati meglio usando i sussidi visivi. Allo stesso modo, domini come la lettura e il vocabolario richiedono supporto uditivo e istruzioni visive ai fini della pronuncia e della corretta ortografia.

Convincere i non credenti che gli stili di apprendimento non esistono è difficile perché spesso prevale l'opinione personale, nonostante le prove scientifiche disponibili. Molti dei miei studenti difendono con passione le loro convinzioni di apprendimento basate sull'esperienza personale e su come pensano di apprendere meglio. Tuttavia, pochi, se nessuno dei sostenitori degli stili di apprendimento riconosce le conseguenze letali di mantenere una falsa credenza. Accanto alla ramificazione che gli insegnanti pre-servizio che nutrono di una credenza in stile di apprendimento perpetueranno un mito educativo, ci sono conseguenze dannose per la motivazione per l'apprendimento e le prestazioni. Una credenza negli stili di apprendimento influenzerà il modo in cui gli apprendenti si avvicinano all'acquisizione della conoscenza e rispondono alle istruzioni, nonché il modo in cui gli educatori vedono l'efficacia dell'insegnamento in generale. Ci sono almeno cinque ragioni per guardarsi dallo spettro inquietante di una credenza in stile di apprendimento.

Gli stili di apprendimento favoriscono il bias di conferma e le impressioni ingiustificate di padronanza dei contenuti

Google images labeled for reuse
Fonte: immagini di Google etichettate per il riutilizzo

Pensa alla sfida di risolvere un problema con il computer o il mal di testa che spesso accompagna l'assemblaggio di mobili modulari o un barbecue fai-da-te. Alcuni di noi leggeranno diligentemente le istruzioni più e più volte, mentre altri si rivolgeranno automaticamente ai video di YouTube per superare la sfida istruttiva. Considerando alcune risorse didattiche, ma non altre, le persone escludono informazioni potenzialmente preziose incluse nella modalità meno preferita. In altre parole, per impostazione predefinita gli individui scelgono il tipo di istruzione preferito. In genere, un individuo risponderà positivamente alle informazioni che confermano le proprie convinzioni e può ignorare o filtrare informazioni incoerenti con le credenze, altrimenti sa di esibire un pregiudizio di conferma. La ricerca rivela anche che gli individui diventano eccessivamente confidenti nei guadagni di conoscenza e pretendono comprensione quando imparano da immagini e grafici insieme, rispetto all'apprendimento dal solo testo (Jaeger & Wiley, 2014). A sua volta, l'eccessiva fiducia nella comprensione porta spesso a sforzi minimi di investimento nell'apprendimento e una prematura fine allo studio prima che la conoscenza sia effettivamente padroneggiata. Quindi, almeno per coloro che desiderano essere studenti visivi, un focus miope sui materiali visivi da soli può impedire sia la motivazione che l'apprendimento e non far avanzare i guadagni di conoscenza.

Lo stile di apprendimento preferito può attirare l'attenzione su aspetti irrilevanti dell'apprendimento

Google images labeled for reuse
Fonte: immagini di Google etichettate per il riutilizzo

Immagina di essere un madrelingua inglese e uno "studente uditivo" che apprende l'italiano. In quanto tale il vostro successo sarebbe migliorato concentrandosi sulle caratteristiche uditive delle parole da apprendere. Ad esempio, potresti ricordare la parola italiana per "caldo caldo" basata sulla somiglianza con la parola inglese "freddo". Secondo la teoria dello stile di apprendimento, prevedremmo che le persone con una preferenza uditiva avrebbero sempre più successo nell'apprendimento di una nuova lingua di uno studente visivo o cinestetico. Purtroppo questo risultato non è confermato dalla ricerca. Nell'esempio sopra, la somiglianza uditiva della parola italiana "caldo" a "freddo" probabilmente inibirebbe l'apprendimento della parola italiana per "hot" perché il suono è molto simile alla parola inglese "cold". L'apprendimento efficace delle lingue (come la maggior parte delle altre forme di apprendimento) non si basa principalmente su segnali uditivi o visivi, ma piuttosto si basa su quanto profondamente gli studenti elaborano le informazioni. L'apprendimento è migliorato attribuendo significato a nuove conoscenze e non basato su connessioni con le qualità superficiali del materiale da apprendere o sugli studenti che apprendono lo stile in relazione al tipo di materiale (Kavale & Forness, 1987). L'attenzione al materiale che presumibilmente coincide con lo stile di apprendimento della persona può in effetti focalizzarsi su contenuti irrilevanti che inibiscono, non aiutano, il processo di apprendimento.

L'eccessivo affidamento sugli stili di apprendimento limita gli studenti a utilizzare un ampio repertorio di strategie

L'autoregolamentazione è un termine comunemente usato per descrivere le strategie di pianificazione, monitoraggio e riflessione sul proprio apprendimento. Gli studenti altamente autoregolati dimostrano un comando attivo sull'acquisizione delle loro conoscenze e sono consapevoli di ciò che stanno imparando monitorando la qualità e la completezza dei risultati di apprendimento raggiunti. La ricerca sostiene coerentemente la nozione che gli studenti autoregolati ottengono risultati di apprendimento superiori rispetto ai loro pari non regolamentati.

Google images labeled for reuse
Fonte: immagini di Google etichettate per il riutilizzo

Un vantaggio decisivo del discente vincente autoregolato è la volontà di utilizzare un repertorio diversificato di strategie di performance. In alternativa, gli individui che approcciano l'apprendimento concentrandosi sul loro stile di apprendimento dominante tenderanno ad avere un ambito di apprendimento più limitato, evitando o rifiutando strategie che contrastano con il loro stile preferito, limitando così la loro capacità di autoregolarsi efficacemente. Uno studente che preferisce l'apprendimento uditivo o visivo sarà probabilmente immotivato a utilizzare approcci alternativi incoerenti con il proprio stile preferito. Ad esempio, sicuramente non ci si aspetterebbe che gli studenti uditivi si concentrino su grafici e diagrammi per integrare l'apprendimento o per sviluppare una cronologia scritta degli eventi storici come mezzo per migliorare l'apprendimento. L'eccessiva attenzione a uno stile di apprendimento preferito può limitare le opportunità di conseguimento successivamente con conseguente diminuzione della motivazione quando si incontrano i possibili ostacoli del processo di apprendimento.

Gli stili di apprendimento spostano la responsabilità per i guadagni di apprendimento dall'insegnante allo studente

Nell'età della responsabilità, il successo professionale di molti insegnanti è puntato a stimolare guadagni di apprendimento misurabili negli studenti. Di conseguenza, le scuole sostengono e gli insegnanti implementano istruzioni differenziate. L'attenzione implica che ogni studente apprende il materiale in modo diverso e per migliorare l'apprendimento gli insegnanti dovrebbero presentare istruzioni e fornire attività correlate allo stile preferito dello studente. Ad esempio, la Colorado State University mantiene un sito Web che delinea particolari strategie di apprendimento per particolari tipi di studenti, inclusi approcci specifici come suggerire che gli studenti uditivi imparano meglio quando "ripetere i fatti a occhi chiusi" e gli studenti tattili traggono beneficio dallo "studio con gli altri". Ciò che il sito Web non riesce a rivelare è che le strategie sostenute supportano i guadagni nell'apprendimento indipendentemente dallo stile del discente. Sfortunatamente, il fatto di sostenere strategie specifiche per specifici discenti e strategie di categorizzazione in realtà sposta la responsabilità dall'insegnante allo studente. Invece di concentrarsi su quale strategia didattica sia la migliore per un particolare argomento, il focus dello stile di apprendimento enfatizza la pedagogia basata sul singolo allievo. Quando i risultati dell'apprendimento vanno male, lo stadio è impostato per razionalizzare la mancanza di guadagni basati su strategie di insegnamento incompatibili con lo studente e non su scelte educative più appropriate da parte dell'istruttore.

Gli stili di apprendimento creano una dipendenza dalla tecnologia in classe

Google images labeled for reuse
Fonte: immagini di Google etichettate per il riutilizzo

Forse la più grande conseguenza sia per gli educatori che per gli studenti è l'uso sconsiderato della tecnologia in classe. Gli educatori nel tentativo di differenziare l'istruzione, specialmente a beneficio dello "studente visivo", spesso sostengono l'uso del computer per l'apprendimento. Ironia della sorte, la maggior parte della ricerca sull'influenza della modalità di apprendimento sui risultati del rendimento restituisce effetti nulli (Clark & ​​Feldon, 2005), poiché la capacità di un istruttore competente è molto più influente sui risultati dell'apprendimento rispetto al metodo utilizzato per consegnare il materiale. Eppure, molti insegnanti sono pronti a insistere sul fatto che guardare video e usare il computer sono indispensabili per promuovere i guadagni nell'apprendimento.

Massa e Mayer (2006) hanno testato l'ipotesi della modalità preferita utilizzando 14 diverse misure di stile cognitivo, preferenza di apprendimento, abilità spaziale e rendimento generale per determinare se gli studenti visivi (coloro che preferiscono le istruzioni visive) hanno imparato meglio dalle istruzioni multimediali quando gli schermi di aiuto hanno offerto immagini rispetto ai discenti verbali (quelli che preferiscono le istruzioni verbali) che hanno visualizzato gli schermi di aiuto usando le parole. Nessuna sorpresa, 13 dei 14 test hanno concluso che non vi era alcun vantaggio nell'abbinare le istruzioni con la preferenza di modalità. Come sostiene spesso Daniel Willingham, l'uso della tecnologia può fornire novità e un coinvolgente contesto di apprendimento, ma alla fine qualsiasi utilizzo dei media digitali dovrebbe basarsi su una sana pedagogia utilizzando i meccanismi più appropriati basati sugli obiettivi di apprendimento, non sulla percezione degli stili di apprendimento.

Mentre le ragioni dichiarate per evitare il ricorso a stili di apprendimento e il rinvio a modalità apparentemente preferite sono forti e coerenti, tuttavia gli educatori sono incoraggiati a utilizzare un repertorio di strategie di apprendimento per promuovere i guadagni di apprendimento. Le strategie non dovrebbero essere basate sulla pacificazione degli stili di apprendimento, ma dovrebbero basarsi sul tipo di contenuto didattico che viene insegnato. Gli esempi includono la creazione di nuovi contesti di apprendimento che coinvolgono gli studenti e sottolineano le pedagogie che si collegano allo sfondo del discente. Uno dei risultati più onnipresenti nella ricerca educativa è che quando gli educatori forniscono contenuti pertinenti e autentici che facciano appello alla cultura e all'esperienza del discente, ne conseguono guadagni. Utilizzando una moltitudine di approcci diversi all'apprendimento, l'educatore esperto aumenta la probabilità di stabilire una connessione con lo studente. La connessione non deve essere basata sulla modalità preferita o sulla presunta preferenza di apprendimento, ma piuttosto su strategie evidence-based progettate per promuovere l'engagement e l'elaborazione profonda del contenuto.

Se sei interessato all'apprendimento, alla cognizione e alla motivazione seguimi su Twitter @ifoundmo per aggiornamenti quotidiani. Assicurati di dare un'occhiata al mio recente libro # 1 in Cognitive Psychology su Amazon.com "Motivazione per l'apprendimento e le prestazioni." Se preferisci una versione video o audio di questo materiale, scrivimi e fammi sapere drbobhoffman@findingmo.com .

Riferimento:

Clark, RE & Feldon, DF (2005). Cinque principi comuni ma discutibili di apprendimento multimediale. In RE Mayer (a cura di) Il Cambridge Handbook of Multimedia Learning (pp. 97-115). New York, NY: Cambridge University Press.

Jaeger, AJ, & Wiley, J. (2014). Le illustrazioni aiutano o danneggiano l'accuratezza della meta-comprensione? Apprendimento e Istruzione , 34 , 58-73. doi: 10.1016 / j.learninstruc.2014.08.002

Kavale, KA & Forness, SR (1987). Sostanza rispetto allo stile: valutazione dell'efficacia del test di modalità e dell'insegnamento. Bambini eccezionali , 54 (3), 228-239.

Massa, LJ e Mayer, RE (2006). Verifica dell'ipotesi ATI: le istruzioni multimediali possono contenere lo stile cognitivo del visualizzatore verbale? Apprendimento e differenze individuali , 16 (4), 321-335. doi: 10.1016 / j.lindif.2006.10.001

McAfee, MA, Xu, L. e Hoffman, B. (2015, agosto). Identificare le idee sbagliate della psicologia educativa tra gli insegnanti pre-servizio . Paper presentato all'incontro annuale dell'American Psychological Association, Toronto, CA.

Pashler, H., McDaniel, M., Rohrer, D., & Bjork, R. (2008). Stili di apprendimento concetti e prove. Scienza psicologica nell'interesse pubblico , 9 (3), 105-119.

Solutions Collecting From Web of "Quale mito educativo comune limita la realizzazione degli studenti?"