Qualcuno crede ancora nel duro lavoro?

di Raj Persaud e Adrian Furnham

Lavorare sodo è intrinsecamente una cosa buona e morale da fare – la cosiddetta 'Etica del lavoro', esiste davvero? L'etica del lavoro è considerata ancora una buona cosa? "L'equilibrio tra lavoro e vita privata" è di moda, quindi forse "l'etica del lavoro" distrugge la vita familiare e la contentezza?

Alcuni dubitano che la cosiddetta "etica del lavoro" sia mai esistita davvero. I boss che si lamentavano dei loro impiegati mancavano di un'etica del lavoro, vantando sospettosi buoni handicap da golf.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

La confusione su cosa sia in realtà una "etica del lavoro" può spiegare perché i deputati conservatori nel Regno Unito hanno tradizionalmente criticato il sistema di sussidi per incoraggiare la disoccupazione. Un'etica del lavoro riguarda l'idea che apprezzi i benefici del duro lavoro, al di sopra e al di sopra del fatto che tu debba lavorare per ragioni puramente finanziarie.

In teoria quindi, quelli con una forte "etica del lavoro" cercheranno di faticare, anche se non ne hanno bisogno, anche se il sistema di benefici li ammortizzerebbe. In una comunità con una forte etica del lavoro, lo sforzo scoraggiante del sistema di benefici sarebbe, presumibilmente, meno di un problema.

Alcuni grandi vincitori delle lotterie monetarie si presentano al lavoro il mattino seguente dopo un'enorme vittoria, il che indica che continuano a svolgere il loro lavoro per motivi di vantaggio intrinseco, oltre al fatto di dover finanziare. Eppure proprio i giornali che scendono duramente sui disoccupati per trarre benefici, sono increduli che qualcuno dovrebbe continuare a lavorare, dopo aver scavato una mega vittoria della lotteria.

Data tutta questa confusione su cosa sia un'etica del lavoro, da dove è nata l'idea?

Max Weber (1864-1920), filosofo e fondatore del Partito democratico tedesco, è accreditato di aver coniato il concetto di "etica del lavoro protestante".

I protestanti hanno avuto successo, suggerì Weber, perché credevano che il lavoro fosse buono, come lo era per la gloria di Dio; quella ricchezza era un segno di grazia, e che era nostro dovere non spenderlo sui piaceri, ma investire e avere ancora più successo.

Spinto da una forte etica del lavoro, il tempo libero era confuso con l'ozio, che era letteralmente peccaminoso. Era la pietà protestante, la razionalità e il duro lavoro fine a se stesso, che spiegava il loro vantaggio competitivo.

Max Weber sosteneva che il protestantesimo implicasse il lavoro e l'attività economica come un dovere dato da Dio. Tale attività mondana ha dimostrato la propria fede. Questo alla fine si è evoluto attraverso la storia, in quello che Weber chiamava lo "spirito del capitalismo", che era l'idea che lavorare per il profitto fosse un bene morale in sé.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Poiché Weber sosteneva che il protestantesimo enfatizzava un legame tra l'etica religiosa e la gioia della prosperità economica, ciò spiegava l'origine del moderno capitalismo industriale nell'Europa nordoccidentale e nel Nord America.

L'arcivescovo di Canterbury e altri membri religiosi di alto livello nel Regno Unito potrebbero aver bisogno di essere ricordati alle radici religiose del nostro attuale sistema economico, data l'attuale tendenza cristiana a criticare il capitalismo.

Secondo la teoria dell '"etica del lavoro protestante", i protestanti in particolare o le società protestanti dovrebbero valorizzare il lavoro più delle altre persone o di altri paesi.

Ma l'etica del lavoro esiste ancora? In effetti, è mai esistito?

Gli economisti André van Hoorn e Robbert Maseland dell'Università di Groningen, nei Paesi Bassi, hanno recentemente pubblicato un enorme studio analizzando un campione di quasi 150.000 individui di 82 società, che sembra risolvere questa domanda.

Intitolato "Esiste un'etica del lavoro protestante? Prove dall'effetto benessere della disoccupazione, "lo studio ha sostenuto che se la disoccupazione avesse un effetto negativo più forte sulla felicità, o il benessere, per i protestanti o le società protestanti, questo sarebbe un'indicazione che il lavoro è più importante per i protestanti.

Per indagare se la disoccupazione fa male emotivamente di più nelle società protestanti, i ricercatori hanno prima dovuto classificare i paesi come protestanti o no. Hanno identificato la Finlandia, la Gran Bretagna, la Norvegia, il Sudafrica, la Svezia e gli Stati Uniti come società in cui il protestantesimo è attualmente la religione dominante. Hanno classificato un gruppo più ampio di paesi come storicamente protestanti, tra cui Australia, Estonia, Germania, Lettonia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Svizzera.

Hanno infatti scoperto che le società protestanti e protestanti sembrano apprezzare il lavoro molto più del resto del mondo. La ricerca ha confermato che l'effetto di vivere in una società protestante domina l'effetto individuale di essere protestanti. In altre parole, non devi essere effettivamente protestante per essere infettato dall'etica protestante del lavoro, se vivi in ​​una comunità dominata da questo sentimento.

Mentre la disoccupazione riduce il benessere a prescindere dalla denominazione religiosa, ha un effetto negativo aggiuntivo per i protestanti di circa il 40% della dimensione dell'impatto originario della disoccupazione. A livello individuale, la disoccupazione fa male ai protestanti molto più di quanto faccia i non protestanti. Lo studio ha preso in considerazione l'impatto economico della disoccupazione e ha scoperto che, anche ammettendo ciò, la disoccupazione causa ai protestanti, e a coloro che vivono nei paesi protestanti, più angoscia.

Van Hoorn e Maseland concludono che il loro studio, pubblicato sul Journal of Economic Behaviour & Organization , rileva che è dimostrata l'esistenza di un'etica del lavoro protestante.

Sottolineano che una forte "etica del lavoro" ha profonde implicazioni. Le persone per le quali i costi psichici o emotivi della disoccupazione sono più bassi, possono fare meno sforzi per trovare o mantenere posti di lavoro. La ricerca precedente conferma che coloro che subiscono maggiori cali di benessere a causa della disoccupazione, si impegnano effettivamente nella ricerca di lavoro con maggiore intensità. Ciò supporta l'idea che i minori costi psichici o emotivi della disoccupazione, indicano un'etica del lavoro più debole.

Una "etica del lavoro" riguarda l'idea che lavorare duramente sia intrinsecamente una buona cosa da fare – questo significa che i disoccupati soffriranno più psicologicamente, se hanno una forte "etica del lavoro". Se il lavoro retribuito non è disponibile, forse il volontariato dovrebbe essere più favorevole. Tali lavori sono così psicologicamente preziosi, che non c'è sempre molta differenza tra lavoro retribuito e non retribuito, in termini di benefici emotivi.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Van Hoorn e Maseland concludono che i loro risultati potrebbero anche riflettere un processo di auto-selezione, in cui persone con un'etica del lavoro più forte si sono convertite sproporzionatamente al protestantesimo, perché offriva una giustificazione religiosa per le loro predisposizioni etiche.

Ma c'è anche una ricerca precedente che scopre che i gruppi religiosi più piccoli, come gli ebrei e gli zoroastriani, mantengono i principi dell'etica del lavoro ancora più fortemente dei praticanti protestanti.

Di conseguenza, alcuni hanno suggerito che è ora di abbandonare il "protestante" nell '"etica protestante del lavoro" e chiamarlo semplicemente etica del lavoro.

Segui il Dr Raj Persaud su Twitter: http://www.twitter.com/@DrRajPersaud

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast congiunti per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'applicazione gratuita su iTunes e Google Play Store intitolata 'Raj Persaud in Conversation', che include molte informazioni gratuite sugli ultimi risultati della ricerca in ambito mentale salute, oltre a interviste con i migliori esperti di tutto il mondo.

Scaricalo gratuitamente da questi link:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.rajpersaud.android.raj…

https://itunes.apple.com/us/app/dr-raj-persaud-in-conversation/id9274662…

Una versione di questo articolo è apparso su The Huffington Post .

Solutions Collecting From Web of "Qualcuno crede ancora nel duro lavoro?"