Qual è "più pazzo?"

used with permission from iclipart.com
Fonte: usato con il permesso di iclipart.com

Sappiamo tutti che i sintomi della malattia mentale possono influenzare il modo in cui una persona pensa e agisce. Il più delle volte, questi cambiamenti sono minori o temporanei; un amico che è stato un incidente d'auto improvvisamente sviluppa una fobia alla guida, o un membro della famiglia si deprime durante il divorzio. Ma in rare situazioni, qualcuno con un grave disturbo mentale commette un crimine. Nella maggior parte di questi casi, il crimine non ha nulla a che fare con la loro malattia mentale; uno studio ha rilevato che, tra i crimini commessi da persone con gravi disturbi mentali, solo il 7,5% era direttamente correlato ai sintomi della loro malattia mentale. A causa del raro collegamento tra i due, la sola malattia mentale non è una valida difesa; anche una persona che soffre di una grave psicosi è considerata colpevole se commette un crimine intenzionalmente.

Ancora più raro, qualcuno con un disturbo mentale sviluppa gravi sintomi psichiatrici che in realtà portano a comportamenti criminali. Ad esempio, un individuo delirante dirige un estraneo fuori dalla strada quando le voci gli dicono che l'autista è un terrorista che sta facendo esplodere il centro congressi locale. È per queste persone che è progettata la difesa della follia.

Chi è pazzo?

Lo scopo della richiesta di pazzia è distinguere tra coloro che infrangono la legge a causa della malattia mentale e coloro che lo fanno con un buon giudizio, più o meno nello stesso modo in cui distingueremmo una persona che uccide qualcuno per autodifesa da chi caccia gli esseri umani. Al fine di condannare qualcuno di un crimine, il nostro sistema giudiziario statunitense richiede più che l'atto dannoso stesso; dobbiamo credere che la persona avesse una "mente colpevole" quando ha commesso il crimine. Altrimenti, correre su uno scoiattolo che sfrecciava davanti alla tua auto avrebbe meritato la stessa punizione di abusare di un animale domestico.

Stranamente, chi è legalmente pazzo negli Stati Uniti varia a seconda dello stato. In quattro stati (Kansas, Montana, Idaho e Utah), infatti, non ci sono imputati legalmente folle perché questi stati hanno abolito la richiesta di pazzia. Dei restanti 46, una difesa di insanity di successo richiede un imputato che, a causa della sua grave menomazione mentale, soddisfi alcune variazioni di almeno due criteri su tre; o non riesce a comprendere la natura del crimine di cui è accusato, non riesce ad apprezzare l'errore morale delle sue azioni, o, in una minoranza di stati, non può conformare le sue azioni ai requisiti previsti dalla legge.

Tre miti sulla difesa da infermità mentale

Convincere una giuria che eri così malato di mente che non dovresti essere ritenuto responsabile delle tue azioni è una strada difficile da zappare. Contrariamente alla diffusa, ma inesatta, convinzione che la richiesta di follia sia una strategia spesso usata per uscire dalla prigione, le giurie sono generalmente antipatiche alle malattie mentali come parte di una difesa criminale. Gli avvocati lo sanno e lo usano raramente; solo l'uno per cento degli imputati criminali a livello nazionale sollevano la difesa della follia. Di questi, circa ¼ hanno successo.

Un altro comune malinteso è che non vi è alcun aspetto negativo di una richiesta di NGRI ( Not Guilty by Reason of Insanity ), quindi vale la pena provare. In realtà, è un gioco d'azzardo. Gli imputati che hanno difeso infedeltà la pazzia non sono in grado di contrattare per una carica ridotta perché la richiesta di NGRI è essenzialmente l'ammissione al crimine. Di conseguenza, una richiesta senza successo rischia di indurre il convenuto a ottenere una pena detentiva più grande di quella che avrebbe dovuto dichiararsi colpevole.

E, infine, è la visione spesso esagerata che gli esperti forensi sono facilmente ingannati da un abile truffatore che ha letto alcuni libri di psicologia. Anche se non siamo infallibili, i dottori della salute mentale hanno tra il novantadue e il novantacinque per cento di successo nel determinare se un imputato stia simulando una malattia mentale, rendendo improbabile in realtà l'abuso della difesa della follia.

L'indagine sulla follia

Quindi, come possiamo determinare se un imputato sta cercando di strappare la lana dagli occhi o legalmente pazzo? Per uno psicologo forense, è una danza complicata che coinvolge più partner in una serie di mosse specifiche. Quando conduco una valutazione sulla follia, sto raccogliendo dati nel tentativo di rispondere a 3 domande:

  • L'imputato aveva un disturbo mentale al momento in cui ha commesso il crimine?
  • In tal caso, c'era una relazione tra il disturbo mentale e il comportamento criminale?
  • In tal caso, la relazione ha soddisfatto i criteri per la pazzia definiti dallo stato in cui vive questo imputato?

In genere inizio una valutazione sulla follia facendo in modo che l'imputato mi dica tutto ciò che può ricordare iniziando una settimana prima del crimine fino a quando è stato arrestato. Per essere sicuro di non influenzare la sua memoria (o di non inclinare involontariamente il suo richiamo in una certa direzione), vorrei che mi raccontasse questo in forma di storia. A cosa stava pensando? Come si sentiva? Cosa stava facendo? Quello che è successo dopo?

Dopo aver raccontato la sua storia, ho approfondito domande specifiche sui suoi sintomi al momento del suo reato. Quando hanno iniziato? Quante volte li ha avuto? Come hanno influenzato il suo comportamento? Che cosa, se mai, avevano a che fare con il suo crimine? Chi altri li ha osservati? Cos'altro stava succedendo nella sua vita? Com'è stato il suo funzionamento generale in questo periodo; stava ancora andando a lavorare? Stava andando d'accordo con le persone intorno a lui? Stava bevendo o drogandosi? Mentre pongo queste domande, devo valutare costantemente se il suo rapporto dei sintomi è coerente nel tempo, se sono coerenti con patologie ben documentate e se sono coerenti con ciò che altri hanno osservato durante lo stesso periodo di tempo.

Altre tre aree sono importanti da esplorare: la sua storia psichiatrica, la sua storia criminale e la sua storia sociale. C'è una ragione per cui oltre il 90% delle richieste di insanità di successo hanno un disturbo psichiatrico documentato prima del crimine; la malattia mentale non si sviluppa durante la notte, quindi è importante sapere se è stato ricoverato in ospedale o trattato per sintomi simili. Devo anche sapere se la storia di questa persona supporta la sua pazzia o se le spiegazioni alternative sono più probabili. Per esempio, un imputato dice che ha ucciso sua moglie perché Dio gli ha detto di sacrificarla per impedire ai terremoti di distruggere San Francisco; scoprire che è stato precedentemente arrestato per violenza domestica e che sua moglie ha recentemente depositato il divorzio mi porterebbe certamente lontano dalla malattia mentale come motivo principale delle sue azioni.

Durante una valutazione della follia, uno psicologo forense non deve dare nulla per scontato. Cerco sempre informazioni da più fonti che possano confermare o contraddire ciò che dice l'imputato. Dichiarazioni di testimoni, rapporti di arresto, interrogatori con audio o videoregistrazione, osservazioni da parte di funzionari della prigione post-arresto, interviste con amici e familiari che erano intorno all'imputato al momento del crimine, registri psichiatrici e medici – tutte queste sarebbero risorse preziose per l'esperto forense per iniziare a stuzzicare i fattori psicologici che supportano o scoraggiano una richiesta di infermità mentale.

La linea di fondo

La valutazione di una richiesta di infermità mentale è un processo complicato durante il quale un esperto di medicina legale valuta retroattivamente lo stato mentale del convenuto al momento del reato. Non solo la pazzia è uno standard legale difficile da soddisfare, ma richiede un insieme molto specifico di circostanze psicologiche – un imputato gravemente malato di mente i cui sintomi hanno direttamente compromesso la sua incapacità di comprendere e apprezzare l'ingiustizia morale dell'atto; ecco perché è lì. Quando si verifica quella tempesta perfetta, il rifugio (e il trattamento) in un ospedale psichiatrico sicuro è spesso una buona conseguenza.

Solutions Collecting From Web of "Qual è "più pazzo?""