Qual è la tua teoria della persona?

Negli ultimi mesi mi sono ritrovato a fare ripetutamente la seguente domanda: "Qual è la tua teoria della persona?" La maggior parte delle volte questa domanda è un pensiero privato, e sto semplicemente notando a me stesso la rilevanza di questa domanda. Trovo che sia rilevante quando ascolto la mia figlia di quindici anni che parla di quello che sta imparando a scuola sul perché le persone si sono comportate come loro. Trovo rilevante quando i politici fanno dichiarazioni sulla direzione che il nostro paese dovrebbe muovere. Trovo che sia rilevante quando qualcuno sta cercando di spiegare perché un suo amico si è comportato in modo inaspettato. E avanti e avanti.

Il motivo per cui normalmente tengo il pensiero a me stesso è che quando faccio letteralmente questa domanda ad alta voce, ad esempio, se lo chiedo quando sto supervisionando uno studente di dottorato che sta cercando di apportare qualche cambiamento a un cliente, ottengo spesso faccia bianca mi sta fissando. Chi addirittura fa una domanda del genere, eppure da sola sta elaborando una qualche parvenza di risposta?

La ragione principale per cui mi sono trovato a fare quella domanda è perché sono arrivato a vederlo come un modo eccellente per inquadrare ciò che sto cercando di ottenere con il mio "approccio unificato". Voglio una teoria funzionante delle persone in generale e della persona specifica di fronte a me. E quando lo inquadro in questo modo, mi rendo conto che l'approccio unificato è l'unico sistema che conosco che è in realtà posizionato per offrire uno schema adeguato di una risposta alla domanda.

Uno dei motivi per cui ho trovato la domanda così utile è che incornicia per me ciò che manca nel campo della psicologia umana. Non solo la psicologia mainstream manca di una teoria della persona, ma ora funziona in modo tale da non trovarne mai una, a meno che non cambi radicalmente la rotta. Piuttosto che concentrarsi sulla generazione di una teoria lavorativa della persona, gli psicologi tradizionali hanno un'identità completamente diversa. Se ne dubiti, dai un'occhiata a come i principali testi come Keith Stanovich's How to Think Straight Psychology caratterizzano il campo. Dopo aver spiegato che non esiste una grande teoria del comportamento umano (cioè la persona), Stanovich spiega che ciò che gli psicologi fanno è porre domande che possono essere ricercate attraverso la metodologia della scienza del comportamento e poi articolare come pensare come uno scienziato comportamentale. Conformemente a questa caratterizzazione, la stragrande maggioranza degli psicologi accademici / accademici / di ricerca ha come capacità la capacità di sviluppare programmi di ricerca empirici su specifiche domande di ricerca (cioè domande che possono essere affrontate raccogliendo dati). Persino gli psicologi professionisti operano ora in gran parte tramite l'obiettivo empirico. Un'enorme quantità di psicologi professionisti della formazione si concentra sulla domanda: che cosa dice la ricerca su questo o quell'intervento per questo o quel disturbo in termini di produzione di risultati desiderabili?

Naturalmente, non ho alcun problema con la ricerca empirica di per sé. Baso una quantità enorme della mia comprensione sulla ricerca empirica, e abbiamo assolutamente bisogno di sforzi di ricerca per perfezionare le nostre conoscenze esistenti, per evidenziare errori e per condurre a nuovi domini di indagine. E ci sarà sempre bisogno di "più ricerca". Tuttavia, i dati e le informazioni raccolte dal metodo empirico raggiungono in ultima analisi la sua utilità quando sono integrati nei sistemi di conoscenza esistenti e fanno riferimento con e contro altri dati e informazioni. In altre parole, per ottenere un genuino senso della comprensione, i fatti scoperti dal metodo empirico devono essere integrati in una comprensione teorica degli oggetti e delle cause presi in considerazione, che nel caso della psicologia umana sono gli individui umani che si comportano nel contesto.

Attualmente, i fatti empirici sono citati nella psicologia corrente contro una serie sconcertante di "teorie" su parti specifiche o aspetti particolari dell'essere umani o di particolari contesti. Quindi, abbiamo "teorie" di memoria e attenzione, apprendimento, cognizione e percezione, umore ed emozione, differenze di genere, attrazione sociale, pregiudizio, depressione e ansia, dissonanza cognitiva, sogni, dominio e stato di minoranza, meccanismi di difesa, impliciti ed elaborazione esplicita, processo decisionale e scelte, differenze dei tratti individuali, l'impatto del trauma o del rifiuto, l'impatto della cultura e così via.

Ma il problema è che queste sono teorie "part-level", non teorie della persona nel suo insieme. E a prescindere dal mio lavoro e da quello di pochi altri, la psicologia mainstream non inizia nemmeno a offrire uno schema su come metterli insieme per fare un tutto. Ed è per questo che dobbiamo porci questa domanda perché lo stato attuale del campo della psicologia umana è tale che ora c'è una sorprendente mancanza di riconoscimento che abbiamo bisogno di lavorare per mettere insieme le parti in un modello realizzabile dell'intera persona.

È il caso, naturalmente, che storicamente, molti pionieri della psicologia umana si sforzano di offrire essenzialmente una teoria olistica della persona. Questo era vero soprattutto nel primo mezzo secolo di esistenza della psicologia. I cosiddetti grandi teorici della psicologia (cioè Freud, Skinner e Rogers) tentarono essenzialmente di elaborare i contorni di una teoria della persona. In effetti, fu in gran parte perché i principali paradigmi iniziali della psicologia umana non riuscirono a produrre una teoria adeguata della persona che la psicologia umana si ritirò verso domande empiriche più "maneggevoli", di livello medio, a livello di parte. Tuttavia, secondo la mia stima, soprattutto in relazione alla mia visione del campo e delle persone attraverso il mio approccio unificato, il ritiro dei metodi e la ricerca di parti di medio livello hanno portato a una serie di nuovi problemi. Nella misura in cui ognuno è impegnato nella ricerca empirica su parti e problemi che essi stessi definiscono e misurano e vi è un'attenzione limitata o nulla a come tutta questa conoscenza è connessa per affrontare il problema di come le persone lavorano effettivamente come entità intere in contesti reali, il campo produrrà un oceano di informazioni, ma offrirà una conoscenza autentica e cumulativa delle persone molto limitata. In effetti, questo è, in sostanza, ciò che penso sia accaduto e perché sono spesso critico nei confronti dello stato attuale delle cose nella psicologia umana.

Quindi la prossima volta che ti trovi con uno psicologo, chiedi loro: "Qual è la tua teoria della persona?". Nella misura in cui la domanda suscita uno sguardo vuoto che è seguito da qualche giustificazione che gli psicologi non pensano più in questo modo, seguitelo con la domanda: "Ma, quando ci pensi veramente, non è l'obiettivo ultimo della psicologia umana? ?”

______________________

* Sono felice di dire che sembrano esserci i segni iniziali di una ripresa di interesse nello sviluppo di strutture per comprendere l'intera persona. Alcuni lavori in psicologia evolutiva (ad esempio, How the Mind Works di Steven Pinker) si trovano nel campo di baseball, sebbene non ancora adeguatamente all'altezza del compito. Più recentemente nel campo della psicologia della personalità persone come Dan McAdams e John Mayer e altri stanno lavorando per una visione della personalità più integrata e unificata. Allo stesso modo, Jeffrey Magnavita e Jack Anchin hanno offerto un ampio approccio unificato alla personalità e alla psicoterapia che ci spinge in questa direzione. E Arthur Staats ha, per lungo tempo, offerto una visione ampia che è congruente con la definizione della domanda qui sollevata.

Solutions Collecting From Web of "Qual è la tua teoria della persona?"