Qual è la nostra natura fondamentale?

Qual è la nostra natura umana fondamentale? Per rispondere a questa domanda, gli scienziati biologici, comportamentali e cognitivi del XX secolo tendevano a concentrarsi su singoli organismi, organi, cellule, processi intracellulari e geni. Dal punto di vista di molti scienziati nel corso del 20 ° secolo, i contributi del mondo sociale al comportamento sono stati ritenuti migliori da considerare in seguito, se non del tutto. Si pensava che i fattori sociali fossero di minimo interesse rispetto allo sviluppo, alla struttura o ai processi di base del cervello e del comportamento. Nella misura in cui si sospettava che i fattori sociali fossero rilevanti, si pensava che la loro considerazione fosse così complicata da dover essere presa in considerazione in una data successiva.

L'ulteriore focalizzazione sull'individuo in analisi scientifiche è stata la metafora dominante della mente, il computer desktop isolato. Completo di input, elaborazione, memoria a lungo e breve termine e stadi di output, il cervello era pensato per essere analogo all'hardware e la mente al software. La cultura in questo contesto era come il sistema operativo del computer, Mac o PC.

Come le cose erano cambiate all'alba del 21 ° secolo. Se avessi un computer collegato solo alla presa elettrica, non avresti un computer molto potente. Per capire i computer oggi, bisogna apprezzare le loro capacità come un collettivo connesso. La cultura, in questo contesto, non riguarda tanto il sistema operativo in un computer solitario quanto lo è nelle norme, convenzioni e pratiche che si sono evolute per promuovere l'effettiva connessione e interazione tra un insieme di computer.

Mentre i computer sono stati collegati nell'ordine di anni, gli ominoidi sono stati mobili e connessi alla banda larga per centinaia di migliaia di anni. Ci piace pensare a noi stessi come individualisti, ma siamo fondamentalmente organismi sociali. Siamo nati per il periodo più prolungato di dipendenza da ogni mammifero, e affinché la nostra specie sopravviva, i bambini umani devono immediatamente coinvolgere i loro genitori in un comportamento protettivo, ei genitori devono preoccuparsi abbastanza della loro progenie per nutrirli e proteggerli. Anche una volta cresciuti non possiamo eguagliare una gara uno contro uno contro un puma o un lupo, tanto meno un leone, una tigre, uno squalo o un elefante canaglia. Il nostro principale vantaggio evolutivo è il nostro cervello e la capacità di comunicare, ricordare, pianificare e lavorare insieme. La nostra sopravvivenza dipende dalle nostre capacità collettive, non dalla nostra forza individuale. Il lavoro di squadra non significa solo che un numero crescente di bambini potrebbe sopravvivere, ma che queste creature potrebbero permettersi di essere più complesse dal punto di vista dello sviluppo e del comportamento. Una maggiore latitudine comportamentale ha portato a una maggiore diversità, che ha portato all'innovazione, che ha portato a un apprendimento culturale più rapido.

La natura sociale della specie umana non è semplicemente un'aggiunta. Ha modellato fondamentalmente l'evoluzione della nostra progettazione biologica, compreso il rapido aumento della connettività e dell'intelligenza neocorticali. Secondo l'ipotesi del cervello sociale di Robyn Dunbar e colleghi, dedurre modi migliori per trovare cibo, evitare pericoli e navigare nei territori ha un valore adattativo per i grandi mammiferi, ma la complessità di queste esigenze ecologiche impallidisce rispetto alle complessità della vita sociale. Tra le esigenze della vita sociale ci sono l'apprendimento attraverso l'osservazione sociale; riconoscere lo status mutevole di amici e nemici; anticipare e coordinare gli sforzi tra due o più individui; usare il linguaggio per comunicare, ragionare, insegnare e ingannare gli altri; orchestrare le relazioni, che vanno dai legami di coppia, dalle famiglie agli amici, dalle bande e dalle coalizioni; navigare tra complesse gerarchie sociali, norme sociali e sviluppi culturali; sottomettere gli interessi personali agli interessi del legame di coppia o del gruppo sociale in cambio della possibilità di benefici a lungo termine; reclutare supporto per sanzionare le persone che violano le norme di gruppo; e facendo tutto questo attraverso le tempistiche che si estendono dal passato remoto a molteplici possibili futuri. I confronti tra specie diverse suggeriscono che l'evoluzione di cervelli grandi e metabolicamente costosi è più strettamente associata alla complessità sociale che ecologica.

Gli esseri umani creano e dipendono da organizzazioni emergenti al di là delle strutture individuali, che vanno dalla diade e dalle famiglie alle istituzioni e alle culture. Queste strutture emergenti si sono evolute mano nella mano con meccanismi genetici, neurali e ormonali per sostenerle perché i conseguenti comportamenti sociali hanno aiutato questi organismi a sopravvivere, riprodursi e a prendersi cura della prole abbastanza a lungo da riprodursi anche loro. Queste organizzazioni superiori sono state a lungo evidenti, ma stiamo iniziando a capire i loro substrati e conseguenze neurali, ormonali e genetici. Le indagini su queste strutture sociali e substrati biologici e l'interazione tra i due costituiscono la base di un campo interdisciplinare che due decenni fa Gary Berntson e io definivamo "neuroscienze sociali". Avrò più da dire su questo campo, e sul nostro fondamentale natura sociale, nei blog futuri. Nel frattempo, mi farebbe piacere sentire quello che pensi.

Solutions Collecting From Web of "Qual è la nostra natura fondamentale?"