Qual è il sentimento critico?

In che modo gli insegnanti possono suscitare entusiasmo nei loro studenti? Cosa ci vuole per suonare uno strumento o fare mestieri? Come acquisiamo gusti raffinati per musica, cibo e moda? Cosa potremmo fare per sbarazzarci di paura o rabbia ingiustificata? Come possiamo far fronte alla malattia cronica? Cosa mantiene vivo l'amore?

Tutte queste domande hanno a che fare con il sentimento critico . Più precisamente, chiedono come possiamo creare e mantenere i sentimenti desiderati; modificare sentimenti indesiderati; o usare sentimenti per raccogliere informazioni o ottimizzare i risultati.

Il sentimento critico denota l'uso strategico dei sentimenti per migliorare vite e comunità. Deriva dal ben noto concetto di pensiero critico, che è l'uso di capacità di ragionamento per ottenere risultati ottimali.

Perché il pensiero critico non è abbastanza? Innanzitutto, i sentimenti sono onnipresenti. La ricerca suggerisce che ogni atto di vedere, ascoltare e pensare è carico di sentimenti. È impossibile non provare. Invece di sopprimere i sentimenti, come propongono i principali sostenitori del pensiero critico, dovremmo prendere sul serio i sentimenti e cercare di includerli quando proviamo a migliorare la nostra vita.

Secondo, i sentimenti sono spesso appropriati. Naturalmente esistono sentimenti inappropriati, come la rabbia non provocata o la paura ingiustificata; tuttavia, i sentimenti ci forniscono informazioni su ciò che è importante per noi. Sopprimere i sentimenti ha un costo perché aumenta lo stress e esaurisce le risorse cognitive – e le sensazioni rimbalzano non appena non vengono più tenute sotto controllo. Questi inconvenienti suggeriscono che abbiamo bisogno di mezzi più sofisticati per regolare i nostri sentimenti.

Terzo, mentre il pensiero critico è forte quando stiamo cercando la verità, è debole quando si tratta di valori estetici o morali. Abbiamo bisogno di un gusto raffinato per creare e apprezzare la bellezza, e abbiamo bisogno di una bussola morale che ci permetta di agire spontaneamente nel modo giusto in una data situazione. Poiché l'implementazione di tali valori include il sentimento, il pensiero critico non è sufficiente. Abbiamo bisogno di sentimento critico.

Public domain {{PD US}}
Fonte: dominio pubblico {{PD US}}

L'idea del sentimento critico risale al pensiero cinese iniziale. Confucio sosteneva l'idea che dovremmo partire dalla natura di una persona e dargli la giusta direzione. Allo stesso modo, dovremmo guardare quali sono i nostri sentimenti, determinare se sono adatti alla situazione e costruire su di loro per dare loro la giusta direzione. Certamente, gli umani hanno sempre usato i sentimenti per migliorare il loro destino. Confucio fu uno dei primi pensatori a documentare questo approccio. Ciò che è mancato è una panoramica sistematica sui metodi e le tecniche basati sul sentimento supportati da prove empiriche.

Sebbene ci sia una certa sovrapposizione tra sentimento critico e approcci esistenti in psicologia, il sentimento critico è un nuovo concetto e va oltre quei racconti. Il sentimento critico non è la stessa dell'intelligenza emotiva. Quest'ultimo è un'attitudine a eludere le emozioni indesiderate e leggere le emozioni degli altri. Mentre l'intelligenza emotiva si concentra sulle disposizioni stabili di una persona, la sensazione critica si concentra sul fare la cosa giusta in una determinata situazione. Inoltre, l'intelligenza emotiva è limitata alle emozioni.

Il sentimento critico, d'altro canto, include le emozioni ma le supera, includendo stati d'animo, preferenze, stati corporei e sentimenti cosiddetti metacognitivi come la sensazione di giustezza o familiarità. Il sentimento critico è molto più ampio dell'intelligenza emotiva in quanto aiuta a spiegare l'apprendimento delle capacità, a perfezionare il proprio gusto o ad aumentare l'attrattiva dei rituali religiosi. Infine, l'intelligenza emotiva non si preoccupa molto dei valori, mentre il sentimento critico è incorporato nelle pratiche e quindi nelle norme e nei valori di una comunità. Insomma, l'intelligenza emotiva è qualcosa che abbiamo mentre il sentimento critico è qualcosa che facciamo. Allo stesso modo, il sentimento critico si sovrappone ma non è lo stesso delle competenze emotive, della psicologia positiva o della consapevolezza.

In questo blog sul sentimento critico, fornirò le risposte alla domanda su come possiamo usare e quando possiamo fidarci dei nostri sentimenti in un mondo moderno. Allo stesso modo in cui esistono regole per il corretto uso del pensiero, ci sono regole per il corretto uso del sentimento. Anche se nessuna panacea, la sensazione critica può aiutare a migliorare le nostre vite in fasi incrementali.

Riferimenti:

Questa voce è basata su:

Reber, R. (2016). Sentimento critico Come usare i sentimenti strategicamente . Cambridge: Cambridge University Press.

Sul confucianesimo, vedi:

Slingerland, EG (2003). Azione senza sforzo: Wu-wei come Metafora concettuale e ideale spirituale nella Cina antica . New York: Oxford University Press.

Slingerland, EG (2014). Cercando di non provare: l'antica Cina, la scienza moderna e il potere della spontaneità . New York: corona.

Sull'intelligenza emotiva, vedi:

Goleman, D. (1995). Intelligenza emotiva New York: Bantam Book.

Salovey, P., & Mayer, JD (1990). Intelligenza emotiva. Immaginazione, cognizione e personalità , 9 , 185-211.

Waterhouse, L. (2006). Intelligenze multiple, effetto Mozart e intelligenza emotiva: una revisione critica. Psicologo dell'educazione , 41 , 207-225.

Solutions Collecting From Web of "Qual è il sentimento critico?"