Qual è il modo n ° 1 di tenere il cervello a posto?

Mari Carmen G. Dugo/Shutterstock
Fonte: Mari Carmen G. Dugo / Shutterstock

Ogni settimana sembra esserci un altro studio che riafferma i benefici del cervello neuroprotettivo dell'attività fisica e dell'esercizio aerobico. Questa settimana non fa eccezione.

Chiunque legga regolarmente i post sul blog di The Athlete's Way , mi scuso per sembrare un disco rotto quando si tratta dei benefici cognitivi dell'esercizio. So che hai sentito tutto prima.

Detto questo, come difensore della salute pubblica, trovare prove empiriche per motivare le persone ad essere più fisicamente attivi è la mia ragione d'essere e l'obiettivo finale di questo blog. Nella mia mente, non vi è alcuna motivazione più grande per esercitare rispetto al potere dell'attività fisica per mantenere il cervello a posto.

L'attività fisica può rallentare l'invecchiamento del cervello di 10 anni

Un nuovo studio osservazionale basato sulla popolazione è stato pubblicato questa settimana, che ha rilevato che le persone che hanno riportato un esercizio "leggero a zero" hanno registrato un declino pari a 10 anni in più rispetto alle persone che hanno riferito di fare esercizi "da moderati a intensi" il loro tempo libero.

Lo studio di marzo 2016, "Attività fisica tempo libero associato al declino cognitivo: lo studio di Manhattan del Nord", è stato pubblicato sulla rivista Neurology .

Questo nuovo studio è stato condotto da un team collaborativo di ricercatori della Columbia University e dell'Università di Miami. Le loro scoperte si aggiungono a un'ondata di studi che confermano che le persone che rimangono fisicamente attive hanno tassi di declino cognitivo più lenti man mano che invecchiano.

Le ultime prove scientifiche confermano che l'attività fisica è il modo numero uno per mantenere il cervello a posto. Si spera che queste scoperte servano come un'altra fonte o prova empirica che ti motiva ad essere più attivo fisicamente. In un comunicato stampa, il co-autore Clinton B. Wright, MD, MS, dell'Università di Miami, ha dichiarato:

"Il numero di persone di età superiore ai 65 anni negli Stati Uniti è in aumento, il che significa che il peso della salute pubblica dei problemi di pensiero e di memoria probabilmente aumenterà. Il nostro studio ha dimostrato che per le persone anziane, ottenere un regolare esercizio fisico può essere protettivo, aiutandoli a mantenere le loro capacità cognitive più a lungo ".

Quantità moderate di esercizio hanno enormi benefici cognitivi

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati su 876 persone che si erano iscritte allo studio della Northern Manhattan della Columbia University. Poiché l'attività fisica nel tempo libero (LTPA) è considerata avere benefici neuroprotettivi contro la demenza, i ricercatori hanno ipotizzato che la LTPA sia protettiva contro il declino nelle prestazioni cognitive specifiche del dominio. Pertanto, i ricercatori hanno iniziato utilizzando un questionario personale per identificare LTPA.

Fabio Berti/Shutterstock
Fonte: Fabio Berti / Shutterstock

Del gruppo totale, il 90 percento inizialmente ha riportato un leggero esercizio o nessun esercizio. L'esercizio leggero includeva attività come la camminata lenta e lo yoga gentile.

Il restante 10 percento riportava esercizi di intensità da moderata ad alta, che includevano attività come camminare a ritmo sostenuto, jogging, ciclismo e lezioni di aerobica. Ai partecipanti sono stati dati test di memoria e capacità di pensiero e una scansione MRI per l'imaging cerebrale. Cinque anni dopo, hanno preso di nuovo la memoria e le prove del pensiero.

Quando i ricercatori hanno analizzato i dati, hanno scoperto che coloro che hanno segnalato bassi livelli di attività hanno avuto un declino maggiore in cinque anni rispetto a quelli con alti livelli di attività su test di quanto velocemente potevano eseguire compiti semplici e quante parole potevano ricordare da una lista . I ricercatori hanno concluso che questa variazione era pari a 10 anni di invecchiamento.

Le differenze nel declino cognitivo sono state aggiustate per altri fattori che potrebbero influenzare la salute del cervello, come il fumo, l'uso di alcol, l'ipertensione e l'indice di massa corporea (BMI).

Conclusione: l'attività fisica è il n. 1 modo per tenere a mente il tuo cervello

"L'attività fisica è un'opzione allettante per ridurre il peso del deterioramento cognitivo nella salute pubblica perché è a basso costo e non interferisce con i farmaci", ha concluso Wright. Le sue parole riecheggiano la conclusione di dozzine di altri studi negli ultimi anni che mostrano che investire relativamente piccole quantità di tempo ed energia per rimanere fisicamente attivi paga enormi dividendi.

La maggior parte degli esperti concorda sul fatto che se esiste un'abitudine o una scelta di vita quotidiana che si può fare per aiutare a mantenere una mente sana, in un corpo sano per tutta la vita, l'esercizio fisico è la risposta.

Per saperne di più su questo argomento, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • “Aha! L'esercizio aerobico facilita il libero flusso del pensiero "
  • "In che modo le regioni motorie del cervello trasmettono l'intelligenza del fluido?"
  • "Vuoi aumentare il volume del tuo cervello? Bruciate alcune calorie tramite l'esercizio "
  • "L'attività fisica è il n. 1 modo per tenere il cervello giovane"
  • "Rendere l'esercizio un aspetto prevenuto" Drenaggio cerebrale correlato all'età ""
  • "In che modo l'esercizio fisico protegge il cervello dalla degenerazione?"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "Qual è il modo n ° 1 di tenere il cervello a posto?"