Qual è il modo migliore per difendersi da un bullo?

Ieri ho parlato con un intervistatore irlandese che mi chiedeva del mio nuovo libro di memorie "Once We Were Sisters". Aveva ovviamente letto attentamente il libro (non sempre il caso con un intervistatore radiofonico!) E le sue domande erano interessanti per me e Spero ai suoi ascoltatori. Mi ha chiesto perché pensavo di essere riuscita a sopravvivere e mia sorella no. Come sono stato in grado di andare avanti con la mia vita e avere una carriera da scrittore quando mia sorella era morta così tragicamente? Ho provato a rispondere sinceramente alla domanda.

In primo luogo, dissi, avevo lasciato il paese in cui eravamo nati, il Sudafrica. Ero andato all'università in Europa da adolescente, che forse mi aveva dato un po 'di distanza dalla mia famiglia, dal modo in cui entrambi eravamo stati educati: una vita di grande privilegio e tuttavia, sotto il governo dell'apartheid dell'epoca, di violenza e in definitiva di colpa.

Questo è forse un modo per evitare un prepotente: semplicemente lasciando se è possibile, anche se ovviamente ho portato con me la mia natura, il mio carattere, la mia colpa.

Ho sposato un uomo che dopo 10 anni di fedeltà si è avvicinato a un'altra donna mentre mia sorella ha sposato un geniale chirurgo che si è rivelato fatalmente violento. Sebbene mio marito avesse dei difetti, non erano di questo genere egregio. Come poteva mia sorella o io, io stesso, averla protetta contro di lui? È una domanda che mi sto ancora chiedendo.

Oggi, naturalmente, ci sono più risorse per le donne in questa posizione, ma certamente l'intero sistema sudafricano, un mondo dominato da uomini, in cui mia sorella si sentiva obbligata a rispettare la richiesta di segrete del marito, per mantenere la sua posizione di chirurgo in quel la società, era favorevole a questo tipo di comportamento. "Ho promesso di non dirlo", mi diceva, raccontandomi la sua triste storia come se fosse successo a qualcun altro.

Quindi la regola numero due non è isolare, ma parlare, parlare il più possibile, trovare alleati e non soffrire in silenzio, rivolgersi a qualcuno che può davvero aiutare.

C'erano i bambini a cui pensare, mi diceva sempre, bambini che erano anche in pericolo e difficili da proteggere nella loro vulnerabilità. "Lascialo. Lascia il paese, "consiglierei ma lei direbbe," Ha i passaporti dei bambini. "Mi sembrava essenziale e per me assicurarmi che i bambini fossero al sicuro, ma alla fine per fare questo la madre deve prima proteggersi. È come il consiglio sull'aereo: prima metti la maschera prima di aiutare gli altri.

Purtroppo le donne e alcuni uomini sono ancora in questa situazione, confrontati con l'altro che non ha rispetto per la loro dignità o anche la loro vita. Hanno bisogno di trovare alleati, di alzare la voce senza paura, hanno bisogno in definitiva di trovare protezione in ogni modo possibile. Niente fermerà un prepotente tranne la paura.

Sheila Kohler è l'autore più recente di un libro di memorie, "Once We Were Sisters" pubblicato da Penguin.

Sheila Kohler
Fonte: Sheila Kohler

Solutions Collecting From Web of "Qual è il modo migliore per difendersi da un bullo?"