Qual è il legame tra eugenetica ed eutanasia?

Ecco alcuni titoli che potresti aver visto negli ultimi due anni "Come la guarigione si uccide: eugenetica, eutanasia e sterminio"; "L'eutanasia in Canada significa" l'eugenetica ricomincia daccapo "un" male grande e potente è qui "". Il primo di questi è un titolo su una mostra d'arte con quel nome. La mostra d'arte, del dott. Sheldon Rubenfeld (MD) parla di alcune delle peggiori atrocità perpetrate durante il Terzo Reich dai nazisti. Il secondo è un titolo che cita Glenn Beck, un conduttore radiotelevisivo conservatore negli Stati Uniti.

Ma quale dovrebbe essere esattamente il collegamento, tra l'eugenetica da un lato e l'eutanasia dall'altro? Una connessione evidente tra i due, fortemente suggerita da entrambi i titoli appena citati, è che i nazisti praticavano entrambi. Quando le persone collegano eugenetica, eutanasia e nazismo, di solito non intendono semplicemente indicare un fatto storico, il modo in cui intendo evidenziare un fatto storico quando vi dico che gli antichi romani osservavano il combattimento gladiatorio e indossavano sandali. La corrente sotterranea di quel particolare legame è una tacita argomentazione della forma: i nazisti praticavano eugenetica ed eutanasia, i nazisti erano moralmente aberranti, perciò l'eugenetica e l'eutanasia sono moralmente aberranti. Questo argomento è chiaramente negativo. I nazisti usavano la carta igienica e avevano animali domestici, i nazisti erano moralmente aberranti, quindi usare la carta igienica e avere animali domestici era moralmente aberrante. Nessuno sarebbe incline a considerare seriamente la precedente argomentazione come motivo per opporsi alle persone che possiedono animali domestici o che usano carta igienica. Sembra banale notare che non tutto ciò che facevano i nazisti era eticamente discutibile, e che il semplice fatto che i nazisti facessero qualcosa non lo rende quindi discutibile. Ma a volte queste cose hanno bisogno di dire.

Ciò non significa che il tipo di eugenetica ed eutanasia praticata dai nazisti non fosse aberrante. Certo che lo era. Il tipo di eutanasia praticata dai nazisti era moralmente ripugnante per almeno due ragioni. Primo, perché la motivazione della loro politica era una visione particolarmente sgradevole sulla purezza della razza e una credenza sulle persone che consideravano indesiderabili e indegne di vivere. In secondo luogo, il tipo di eutanasia praticata dai nazisti era ciò che ora chiameremmo eutanasia involontaria. L'eutanasia involontaria è eutanasia contro la volontà espressa della persona in questione. Ciò va messo a confronto con l'eutanasia volontaria, l'eutanasia su espressa richiesta della persona in questione e l'eutanasia non volontaria, l'eutanasia in cui la persona in questione non è più in grado di acconsentire.

L'eutanasia involontaria è ovviamente eticamente aberrante: è la fine della vita di qualcuno che non vuole che la loro vita finisca. L'eutanasia involontaria al servizio di una politica di purezza razziale da parte di coloro che si considerano razzialmente superiori è forse anche peggio. Ma a parte l'uso della parola "eutanasia" c'è poco in comune tra la pratica nazista dell'eutanasia e il tipo di eutanasia previsto da coloro che difendono la legalizzazione di quella pratica oggi.

I difensori contemporanei dell'eutanasia difendono il diritto degli individui che soffrono di determinate condizioni di decidere, per se stessi, quando e come terminano le loro vite. Questa sarebbe eutanasia volontaria. Potrebbero anche difendere i diritti delle famiglie, in alcune circostanze, di praticare l'eutanasia non volontaria di pazienti che, ad esempio, si trovano in uno stato permanente di disabilità senza speranza di miglioramento e da quale stato non possono acconsentire. Se dobbiamo depenalizzare questo tipo di comportamenti è una questione importante che richiede un dibattito. Ma nessuno di questi due tipi di scenari assomiglia affatto all'uccisione di massa di persone contro la loro volontà, al comportamento dei nazisti. Potrebbero esserci problemi etici sollevati dalla prospettiva di legalizzare l'eutanasia volontaria o non volontaria. Ma notare che i nazisti impegnati nell'eutanasia involontaria, una pratica quasi completamente diversa, fa ben poco per aiutarci a riflettere sulle ripercussioni etiche e legali dell'eutanasia volontaria e non volontaria. Quindi quel particolare collegamento sembra essere inutile.

Ecco un altro link su cui riflettere: il legame tra eutanasia ed eugenetica. Ancora una volta potremmo collegare queste due pratiche osservando che in qualche modo erano praticate entrambi dai nazisti. Ciò suggerisce, o è inteso a suggerire, che non solo queste pratiche sono in qualche modo legate l'una all'altra, ma anche che sono entrambe moralmente ambigue. In effetti, per i nazisti le due pratiche erano strettamente correlate. Per loro, entrambe le pratiche erano un mezzo per un fine particolare: la fine della purezza razziale; la fine di creare uno stato particolare "desiderabile" di tipo umano in cui la società si sbarazza di persone "indesiderabili" e quindi alleva persone "migliori". Le due pratiche dell'eugenetica e dell'eutanasia, nelle forme praticate dai nazisti, erano due mezzi distinti per fondamentalmente lo stesso fine. Inoltre, alcune delle pratiche di eutanasia involontaria dei nazisti erano anche pratiche di eugenetica. Poiché alcune delle molte persone uccise dai nazisti sotto l'apparenza dell'eutanasia erano bambini e giovani adulti, e poiché a questi giovani veniva impedito di avere figli e di trasmettere i loro geni, l'omicidio di massa di quelle persone era una forma di eugenetica.

Questa particolare forma di eugenetica – l'omicidio di massa – è innegabilmente cattiva. Ma di nuovo, questo non ci dice molto sull'eugenetica stessa, dal momento che l'omicidio di massa è solo un modo per impegnarsi in un programma di eugenetica. Infatti, a seconda di cosa si intende per "eugenetica", molte tecnologie che attualmente utilizziamo potrebbero essere coinvolte nell'eugenetica. Per una comprensione di ciò che significa eugenetica, si tratta di una pratica sociale volta a cambiare, in un particolare rispetto o rispetto, la composizione genetica della popolazione. In questo senso forte, l'eugenetica è una politica sociale che mira a modificare, in un modo o nell'altro, i tratti genetici della popolazione. Un senso più debole dell'eugenetica porta l'eugenetica a includere qualsiasi pratica che, di fatto, modifica la composizione genetica della popolazione. Questo senso più debole del significato di "eugenetica" non richiede che esista una nozione centralizzata o una politica mirata a modificare la genetica della popolazione in un modo particolare.

Contrasto a due diversi scenari. Il primo è quello in cui esiste una politica, supportata dal governo, in cui le coppie sono ricompensate finanziariamente per avere figli con occhi castani e capelli castani e dove è disponibile la tecnologia per consentire alle coppie di determinare di che colore occhi e capelli avranno il loro bambino . Questo scenario rappresenta l'eugenetica nel senso più forte. La politica sociale descritta è quella progettata per cambiare la frequenza dei geni per capelli castani e occhi castani nella popolazione.

Ora considera un secondo scenario. In questo scenario, un governo offre alle coppie la capacità di determinare, attraverso la selezione genetica, il colore dei capelli e degli occhi del loro bambino. Qui, tuttavia, possiamo supporre che non ci sia alcuna politica sociale concepita per favorire quelli con occhi e capelli colorati, e nessuna politica che favorirà i genitori dei bambini con un particolare colore degli occhi e il colore dei capelli. Possiamo quindi supporre che solo alcune coppie approfitteranno della tecnologia, e quella di coloro che usano la tecnologia, verranno fatte diverse selezioni di capelli e occhi. Cioè, alcune coppie sceglieranno capelli e occhi marroni, e altri occhi verdi e capelli rossi, e altri occhi azzurri e capelli castani e così via. In questo scenario, potremmo aspettarci che la distribuzione e la frequenza di determinati geni nella popolazione cambieranno a seguito delle scelte delle singole coppie, e quindi che questa pratica è una forma di eugenetica – ma è una forma di eugenetica in il senso debole.

In effetti, in questo senso debole del significato di "eugenetica" molte tecnologie che usiamo oggi implicano la pratica dell'eugenetica: la fine di alcune gravidanze, trattamenti di fertilità, contraccezione, screening genetico e così via sono tutte pratiche che gli individui possono scegliere, e che influenzano la composizione genetica della popolazione anche se nessuna di queste tecnologie viene utilizzata allo scopo di modificare la composizione genetica in un modo particolare.

Qualunque cosa si pensi dell'uso di queste tecnologie, è difficile vedere quale eugenetica la troviamo oggi – l'eugenetica nel senso più debole – ha a che fare con l'eutanasia nella forma in cui la troviamo oggi difesa (volontaria e non volontaria ). Alcuni sostengono, tuttavia, che un'ampia politica dell'eutanasia equivale all'eugenetica. Questa contesa non sembra solo affermare che ci sono alcune connessioni necessarie tra eutanasia ed eugenetica: la forte implicazione è che l'eugenetica è una cosa cattiva, e quindi che se l'eutanasia equivale all'eugenetica, allora anche l'eutanasia è un male cosa.

Perché una politica generale di eutanasia dovrebbe essere una politica di eugenetica? I difensori dell'eutanasia in generale sostengono che le persone che soffrono di malattie debilitanti per le quali non esiste una cura, dovrebbero avere la possibilità di interrompere la propria vita (o farsi aiutare da qualcuno se non sono in grado di farlo) se e quando decidono di farlo. Questo, quindi, quantità di eugenetica? Chiaramente non equivale all'eugenetica nel senso forte del termine: non riflette una politica sociale di cambiamento della composizione genetica della popolazione in un modo particolare. L'eutanasia di questo tipo potrebbe effettivamente modificare la composizione genetica in qualche modo? Beh, certo che potrebbe.

Se c'è una malattia particolarmente grave che è ereditaria e se molte persone con quella malattia scelgono di porre fine alla loro vita per eutanasia prima di avere figli, allora la composizione genetica della popolazione sarà alterata rispetto alla frequenza dei geni responsabili di quella malattia malattia. La genetica della popolazione sarà modificata rispetto a quella che sarebbe stata solo fino a quando non fosse stata disponibile l'eutanasia, le persone che in realtà termineranno la propria vita avrebbero continuato ad avere figli, ma poiché esiste l'eutanasia, non lo fanno così. Si sospetta che, in generale, chiunque non sia sufficientemente malato da considerare l'eutanasia, se l'eutanasia non fosse disponibile, avrebbe invece considerato di avere figli. Se è giusto, allora non ci saranno cambiamenti nella composizione genetica della popolazione.

Ma concediamo il pensiero piuttosto inverosimile che legalizzare l'eutanasia avrebbe un impatto decisivo sulle scelte delle persone riguardo l'avere figli. In tal caso, rendere disponibile l'eutanasia cambia la composizione genetica della popolazione in modo che la malattia in questione sia meno prevalente. In questo modo legalizzare l'eutanasia sarebbe, in queste circostanze, una somma di eugenetica se con questo non ci fosse altro che in queste circostanze ci sono cambiamenti nella composizione genetica della popolazione.

Questo risultato ci porterebbe a supporre che legalizzare l'eutanasia sarebbe una brutta cosa? È difficile capire che lo farebbe. Se la malattia in questione provoca tanta sofferenza, così tanti di coloro che sono afflitti scelgono di porre fine alla loro vita, e se così facendo il numero di persone che soffre di questa malattia diminuisce perché un minor numero di bambini nasce con la predisposizione genetica a contrarre la malattia, la maggior parte di noi penseremmo che è una buona cosa. Si noti, tuttavia, che ciò non riflette in alcun modo una politica sociale generale che mira a eliminare la malattia, né riflette alcuna opinione secondo cui coloro che soffrono della malattia sono in qualche modo "indesiderabili" in alcun senso, né alcuna opinione che coloro che soffrire con la malattia non dovrebbe essere data la migliore assistenza medica disponibile a prescindere dalla decisione che scelgono di prendere sulla direzione della loro vita.

Solutions Collecting From Web of "Qual è il legame tra eugenetica ed eutanasia?"