Qual è il legame tra eroismo e comportamento antisociale?

In un post precedente, ho discusso l'apparente paradosso che ci sono legami tra comportamento eroico e antisociale. Cioè, le persone con una storia di azioni antisociali avevano anche maggiori probabilità di aver preso rischi coraggiosi per aiutare un'altra persona. Quel post ha considerato se il legame comune tra queste due cose fosse legato ai tratti psicopatici. Tuttavia, le prove per questo erano un po 'misti. Un tratto di personalità più probabile che collega queste due cose è la ricerca della sensazione. Le persone in alto in questa caratteristica potrebbero avere una visione del mondo e di se stessi che facilita le azioni audaci, nel bene e nel male.

James Bond Wikia
Fonte: James Bond Wikia

Diversi eroi della cultura pop, come James Bond, combinano apparenti tratti psicopatici con qualità ammirevoli come audacia e intraprendenza in circostanze di estremo stress. Nel mio post precedente, ho discusso alcune ricerche per verificare se esiste un legame reale tra eroismo e tratti di personalità associati alla psicopatia (Smith, Lilienfeld, Coffey e Dabbs, 2013). Come ho notato, i risultati di questo studio sono stati contrastanti, in quanto alcuni tratti della personalità studiati hanno avuto modeste correlazioni positive con il comportamento eroico e altruistico (es. Mettendosi a rischio di aiutare un'altra persona). D'altra parte, uno dei tratti principali discussi, dominazione senza paura, è in gran parte non correlato al comportamento antisociale. Inoltre, la spensieratezza, una delle caratteristiche fondamentali della psicopatia, non sorprende, non era correlata al comportamento eroico. Tuttavia, qualcosa che ho trovato sconcertante era che il comportamento antisociale ed eroico aveva forti correlazioni positive che tendevano ad essere più forti delle correlazioni tra comportamento antisociale e tratti della personalità esaminati in quello studio. Da allora mi sono reso conto di alcuni altri studi che hanno collegato separatamente la ricerca di sensazioni con comportamento antisociale ed eroismo.

La ricerca sensoriale è definita come "ricerca di sensazioni ed esperienze diverse, nuove, complesse e intense, e la volontà di prendere rischi fisici, sociali, legali e finanziari per il gusto di tale esperienza." ben noto per impegnarsi in una vasta gamma di pratiche rischiose come il sesso non sicuro con più partner, l'uso di droghe, bere eccessivo e guida pericolosa. Inoltre, la ricerca della sensazione è stata collegata a comportamenti antisociali, come atti di vandalismo e furti. Nello specifico, uno studio su larga scala di gemelli identici condotti in America e in Australia ha esaminato il modo in cui i vari tratti della personalità, inclusa la ricerca della sensazione, i Big Five e molti altri erano correlati al comportamento antisociale; la ricerca della sensazione e l'impulsività avevano maggiori correlazioni con il comportamento antisociale rispetto alla maggior parte degli altri tratti (Mann et al., 2017). Ciò suggerisce che le persone a cui piace prendere rischi sono più propensi a commettere crimini come atti di vandalismo e furti, forse perché trovano tali attività eccitanti.

Inoltre, le persone in cerca di sensazioni tendono ad avere un atteggiamento positivo nei confronti del rischio, incluso il rischio di criminalità, in quanto tendono ad essere ottimisti riguardo alle conseguenze dell'assunzione di rischi e pensano che le conseguenze negative siano improbabili. In generale, tendono a considerare il mondo meno minaccioso delle persone a basso rischio di ricerca della sensazione (Franken, Gibson e Rowland, 1992). Quindi, potrebbero sentirsi più sicuri (a volte troppo sicuri) della loro capacità di gestire situazioni che potrebbero metterli nei guai rispetto alla maggior parte delle persone.

Vi sono alcune prove del fatto che un'elevata ricerca di sensazioni e atteggiamenti positivi nei confronti del rischio possono talvolta portare a azioni prosociali e antisociali. Uno studio sui veterani di guerra israeliani ha scoperto che coloro che erano stati decorati per il coraggio durante il combattimento tendevano ad essere più alti nella ricerca della sensazione rispetto ad altri veterani (Neria, Solomon, Ginzburg e Dekel, 2000). Inoltre, i veterani che erano più alti nella ricerca della sensazione tendevano a soffrire di un minor numero di sintomi di stress post-traumatico e di intrusioni legate al combattimento (come flashback a eventi traumatici) rispetto ai veterani più bassi nella ricerca di sensazioni, e mostravano un migliore adattamento psicologico a lungo termine. Queste scoperte suggeriscono che di fronte al pericolo, quelli in alto nella ricerca di sensazioni erano più propensi a correre rischi e ad intraprendere azioni eroiche. Gli autori hanno notato che uno studio precedente ha scoperto che i prigionieri di guerra che erano molto impegnati nella ricerca di sensazioni avevano più probabilità di utilizzare il coping incentrato sui problemi rispetto al coping incentrato sull'emotività rispetto alle loro controparti in cerca di una bassa sensibilità. Durante la prigionia, la prima ha anche riferito un minor numero di sentimenti di impotenza e perdita di controllo. Ciò potrebbe indicare che valutavano la loro situazione come una sfida e se stessi efficaci nel far fronte alla sfida, mentre i prigionieri di guerra con bassa sensibilità cercavano con maggiore probabilità di valutare la loro situazione come stressante e incontrollabile.

Quindi, la ricerca della sensazione potrebbe essere collegata sia al comportamento antisociale sia all'eroismo a causa del modo in cui le persone in alto in questo tratto considerano il pericolo e la propria capacità di affrontarlo. Cioè, le persone in alto nella ricerca della sensazione tendono a considerare le situazioni rischiose come sfide che si sentono in grado di affrontare e sono fiduciose che otterranno risultati positivi. Al contrario, le persone a basso rischio di ricerca di sensazioni tendono a considerare i rischi come tali che potrebbero portare a risultati negativi che non sono in grado di affrontare. Una delle cose che la gente ammira del personaggio di James Bond è la sua incredibile capacità di raggiungere i suoi obiettivi di missione in situazioni incredibilmente pericolose, spesso improvvisando soluzioni intelligenti sotto pressione. In una vita reale parallela che ho notato in precedenza, i prigionieri di guerra in cerca di sensazioni erano in grado di mantenere un senso di azione anche se imprigionati, piuttosto che sentirsi sopraffatti dall'impotenza.

L'apparente collegamento tra comportamento antisociale ed eroismo sembra paradossale in quanto appare strano che le persone disposte a fare cose cattive siano talvolta anche disposte a fare cose buone anche quando le mettono a rischio. L'idea che "psicopatici ed eroi potrebbero essere ramoscelli dallo stesso ramo" (Smith et al., 2013) sembra accentuare questo paradosso, perché gli psicopatici classicamente sono persone molto egoiste, anche malvagie, che hanno maggiori probabilità di ridere di qualcun altro in pericolo si mettono piuttosto a rischio per il beneficio di un altro. Forse la connessione comune è che i tipi psicopatici e potenziali eroi hanno un forte senso dell'agire personale che consente loro di correre dei rischi che le altre persone tendono ad evitare. Tuttavia, le persone possono essere alte nella ricerca della sensazione senza essere necessariamente molto egoiste, poiché la ricerca della sensazione è più moralmente neutra della psicopatia. In questo senso, può essere fuorviante esagerare la connessione tra tendenze psicopatiche, che hanno un nucleo di egoismo ed eroismo che avvantaggia gli altri a rischio per se stessi.

Credito d'immagine

Sean Connery nei panni di James Bond di Wikia

  • Crescita personale: hai bisogno o bisogni!
  • Terrorismo intimo e violenza delle coppie comuni
  • Autismo e "Diagnosi per dollari"
  • Rivisitare la storia di spavento più infame sulle donne single
  • Incidenti stradali e disturbo post-traumatico da stress collettivo
  • Grandi folle scorrono come l'acqua in modi incredibili (e terrificanti)
  • Quali sono i problemi di memoria delle cause?
  • Addict Pulisce, poi viene evitato dalla famiglia
  • PTSD diventa (più) complesso nel DSM-5: parte II
  • I benefici del cervello dell'esercizio
  • Death Cleaning ti aiuta a liberare il disordine emotivo
  • Usare la struttura per aiutare i bambini autistici a sviluppare la flessibilità
  • Soffri di dipendenza dalla scala?
  • Domande scoraggianti: parte II
  • Risultato errato di auto-valutazione dall'uso di criteri errati
  • La protesta di "Io prima di te"
  • 11 motivi: come spiegare il comportamento frustrante della gente
  • Come il cervello cambia in risposta al PTSD
  • Sì, condanna Weinstein, ma non sostenere una "regola del Pence"
  • Dare grazie ci fa sentire meglio?
  • Che trauma infantile allo sviluppo del cervello
  • Come lo sappiamo?
  • Tetris come vaccino contro PTSD
  • L'uomo nella scatola
  • Disimballare il tabù degli aborti spontanei
  • Esperienze infantili avverse (ACE)
  • Cosa mantiene l'APA dalla guarigione?
  • Psicologia dei media forensi e una fotocamera in ogni tasca!
  • Lezioni apprese da "Un metodo pericoloso"
  • The Drama of the Gifted Child: Parte 2
  • Cosa Dale Earnhardt Jr. può insegnare ai sopravvissuti agli incidenti automobilistici
  • Disturbo esplosivo intermittente: No, questo NON è tutto su Mel "Mad Max" Gibson!
  • Predizione: i ragazzi intrappolati nelle caverne non saranno traumatizzati
  • Trail of Fears
  • Trauma, morte, resurrezione: una conversazione russo-americana
  • Dallo smalto alla crescita post-traumatica?