Qual è il futuro dei baby boomer e dei vecchi americani?

Courtesy of Lois Ardito, 2015
Fonte: per gentile concessione di Lois Ardito, 2015

Quando a giugno i medici e gli scienziati hanno cercato di sviluppare una pillola anti-aging, è stata solo una delle tante storie sull'invecchiamento a essere pubblicate. La Gerontological Society of America (GSA) ha iniziato a distribuire documenti di politica stimolanti a maggio. Quattro discussioni avvincenti hanno attirato la mia attenzione. Questi riguardavano: la sicurezza sociale e la sua capacità di fornire benefici adeguati ai futuri pensionati; implicazioni dell'invecchiamento in una società intergenerazionale; la salute mentale degli anziani; e disparità sanitarie tra le minoranze. La complessità delle questioni e il processo decisionale coinvolti in un processo naturale possono essere sia sconcertanti che schiaccianti.

Riduci la sicurezza della società

In termini di sicurezza sociale, scrivendo per Il gerontologo Larry Polivka, PhD, e Baozhen Luo, PhD, ha osservato che, nonostante il ruolo iniziale di creare un beneficio finanziario per i pensionati, questa sicurezza sta lentamente diminuendo. Anche prima di raggiungere la fase baby boom, dobbiamo chiedere se ci saranno benefici adeguati per i futuri pensionati? I ricercatori suggeriscono una crescita crescente e l'ampliamento della prosperità attraverso "l'aumento delle spese per stimolare l'economia". (1)

Guardando le transizioni

Gli scritti apparsi nel numero di primavera di Daedelus sembravano completare il tema della conferenza GSA del 2015, "Invecchiare come processo per tutta la vita". Il dott. John W. Rowe, capo della rete di ricerca della Fondazione MacArthur su una società che invecchia, ha discusso dei l'attuale dibattito sulla sicurezza sociale non riesce a risolverlo. Questi includono le relazioni e le tensioni di una società intergenerazionale, nonché disparità socioeconomiche e disuguaglianze. Come tale, la fondazione ha sviluppato "componenti che formano una teoria dell'adattamento in una società che invecchia". Questi includono:

  • Analizzare le istituzioni centrali – famiglia, lavoro, pensione, istruzione, media, religione e affari civici – tenendo presente un approccio intergenerale piuttosto che un semplice focus su giovani o anziani.
  • Prendere una visione lunga e adeguare le istituzioni per adattarsi alle esigenze di una società che invecchia, che va dall'assistenza sanitaria all'alloggio.
  • Adottare una prospettiva di corso di vita attraverso la durata della vita dell'individuo.
  • Considerando i benefici e i rischi per una società che invecchia, che include l'uso della conoscenza maturata degli americani più anziani e delle capacità appropriate allo stadio della vita. (2)

Parlando con il Dr. Rowe alle Conferenze GSA, una questione che ancora risuona è la progettazione di alloggi e quartieri per una popolazione che invecchia. Ha detto che i ricercatori stanno lavorando per sviluppare un programma efficace nel pensionamento continuativo delle cure e forse estenderlo a case economiche. Con questo tipo di ambiente, i servizi sanitari per anziani saranno forniti nel sito di abitazioni.

Il problema di salute mentale

I servizi sanitari in loco potrebbero in qualche modo affrontare il grave problema della depressione. Il National Institutes of Mental Health ci dice che la depressione spesso co-si verifica con malattie come malattie cardiache, ictus, diabete, cancro e morbo di Parkinson.

Oltre alle preoccupazioni per la salute, le persone si preoccupano di restare senza soldi. Ma guardando solo alla malattia, "gli operatori sanitari possono erroneamente concludere che la depressione è una normale conseguenza di questi problemi – un atteggiamento spesso condiviso dai pazienti stessi. Questi fattori contribuiscono insieme alla sottodiagnosi e al trattamento insufficiente dei disturbi depressivi nelle persone anziane e possono ritardare il recupero o peggiorare l'esito di queste altre malattie. "(3)

Chiunque abbia membri della famiglia che stanno invecchiando è stato lacerato nel tentativo di determinare se i reclami sono uno stato d'animo o in realtà correlati a un problema di fondo che il loro familiare ha difficoltà a esprimere. Ciò è particolarmente vero quando sono affetti da infezioni del tratto urinario – tutti troppo comuni tra gli anziani.

La visione ampia

La GSA sta sfidando i ricercatori a evidenziare le possibili conseguenze dei primi effetti della vita sull'invecchiamento attraverso eventi biomedici, alimentazione, stato socioeconomico, opportunità educative, esperienze di vita stressanti o relazioni sociali. Inoltre invitano gli educatori a trasmettere l'importanza delle esperienze di vita e delle scelte di vita sul processo di invecchiamento al pubblico in generale. (4)

Salute delle minoranze

In termini di gruppi di minoranza etnica o razziale, che comprendono circa il 36% della popolazione, gli indicatori sanitari mostrano che condividono un onere sproporzionato di malattie, decessi e disabilità prevenibili rispetto alle non-minoranze. E per quanto riguarda le minoranze invisibili, il dott. Mario Garrett e colleghi hanno riportato alcuni numeri iniziali, ma allarmanti. Stimano i tassi di depressione per questa popolazione che raggiunge quasi 82.000 entro il 2050 con demenza che raggiunge 100.980 entro il 2050. Esortano "a sviluppare una strategia per affrontare questa epidemia in arrivo". (5)

Cosa significa questo per noi?

Esaminando i temi della sicurezza sociale, dell'unità familiare, della salute mentale e della salute delle minoranze, ci troviamo di fronte a sfide enormi in termini di custodia, collocamento per coloro che amiamo e decisioni sanitarie. Valuta ciò che sta accadendo oggi e sii consapevole che senza un coinvolgimento attivo i problemi e i problemi continueranno.

Anche per i ricchi, trovare una casa di riposo adeguata o una struttura di vita assistita è una sfida. Tuttavia, quei luoghi che vediamo oggi saranno immutati domani a meno che i baby boomer non richiedano nuovi modelli di cura sicura, amorevole ed equa. (6)

Ma ancora più importante, tutti noi dobbiamo diventare migliori ascoltatori e ascoltare le lamentele degli americani più anziani piuttosto che respingere le loro parole come brontolii. Dovremmo incoraggiarli a condividere la loro saggezza e cercare di aiutarli a esprimere ciò che li turba.

Se pensiamo all'invecchiamento come a un processo che dura tutta la vita, è necessario che tutti noi ci vediamo durante gli ultimi decenni della nostra vita. La domanda è abbastanza semplice: "Come mi piacerebbe leggere l'ultimo capitolo della mia vita?"

(Rita Watson, MPH, scrive su questioni che riguardano gli anziani come ex destinataria del giornalista della Fondazione MetLife in Aging Award della Gerontological Society of America e New America Media.)

Copyright 2015 Rita Watson

risorse
1) Verso la Conferenza della Casa Bianca sull'invecchiamento del 2015: Creazione di una visione politica di invecchiamento per il decennio in avanti The Gerontologist (2015) 55 (2): 179-182

2) Daedalus 144: 2 (Primavera 2015) – Successing Aging of Societies Edizione Kindle di John W. Rowe (Autore), S. Jay Olshansky (Autore), MIT Press, 13 aprile 2015

3) NIMH.NIH.Gov, argomenti di salute / anziani e indice di salute mentale

4) Gerontological Society of America / Annual Scientific Meeting 2015

5) Disturbi della salute mentale tra una minoranza invisibile, Mario D. Garrett, PhD, et al, The Gerontologist, Oxford Journals, 14 febbraio 2015

6) I baby boomer iniziano a girare case di cura a testa in giù, New America Media, 2013. (Psychology Today)

Solutions Collecting From Web of "Qual è il futuro dei baby boomer e dei vecchi americani?"