Puoi vergognare di essere tuo amico?

Pixabay image by Johnhain
Fonte: immagine Pixabay di Johnhain

Sentiamo spesso come la vergogna sia tossica e distruttiva. Come psicoterapeuta, vedo continuamente come la vergogna tossica indebolisce la nostra energia e ci fa sentire difettosi e difettosi. Ma può esserci un aspetto salutare da vergognare? Bret Lyon e Sheila Rubin, che guidano seminari popolari per aiutare i professionisti, descrivono la vergogna come "un'emozione primaria e uno stato di congelamento, che ha un profondo effetto sullo sviluppo personale e sul successo delle relazioni".

Credendo che ci sia qualcosa di intrinsecamente sbagliato in noi, siamo derubati della capacità di accettare noi stessi e affermare la nostra bontà fondamentale.

Ma la vergogna ha anche un aspetto positivo. Se proviamo a scaricare la vergogna ogni volta che sorge, non ci avvantaggeremo del suo potenziale costruttivo.

Ci vuole consapevolezza e autoaffermazione per notare la vergogna senza vergognarsi della nostra vergogna. Se riusciamo a distinguere la vergogna distruttiva dalla vergogna amica, non dobbiamo scivolare giù per la china scivolosa dell'autodenigrazione. Piuttosto che soccombere alla spirale della vergogna, possiamo imparare qualcosa su noi stessi.

Permettendo a noi stessi di essere imperfetti

Versiamo un bicchiere d'acqua in un ristorante e le persone si girano a guardarci. Sentiamo quella spiacevole ondata di vergogna mentre immaginiamo come veniamo percepiti negativamente.

Se tendiamo a portare vergogna tossica, potremmo imprecare sottovoce e dirci quanto siamo stupidi. "Non stavo prestando attenzione! Mi sento male di me! "Questa è una vergogna paralizzante e distruttiva che ci congela.

Portare un po 'di attenzione alla situazione offre la possibilità di riparazione e guarigione. Possiamo notare la vergogna senza esserne travolti. Se possiamo mantenere la nostra autostima durante quel momento imbarazzante, possiamo ricordare a noi stessi che siamo esseri umani imperfetti.

Fare un errore non significa che qualcosa non va in noi; significa semplicemente che siamo proprio come tutti gli altri. Siamo parte della condizione umana.

Un leggero senso di vergogna potrebbe offrire sollievo. È un sobrio promemoria del fatto che non abbiamo bisogno di essere perfetti per essere rispettati, accettati o amati. Un breve lampo di vergogna ci rende più elastici e umani. Forse possiamo anche trovare un po 'di umorismo intorno alle nostre imperfezioni. Va bene essere noi stessi con una gamma completa di punti di forza e limiti.

Correggere la nostra tendenza a incolpare gli altri

Di recente stavo cercando un parcheggio in un parcheggio molto frequentato. Un autista sembrava pronto a uscire da uno spazio. Mentre la sua macchina era al minimo senza fare retromarcia, mi sono accorta di essere impaziente. "Non sa che sto aspettando? Che ignaro dei miei bisogni! "

Alla fine, il posto si è aperto e io ho parcheggiato e fatto un po 'di shopping. Ho inserito la mia auto e poi ho controllato i messaggi sul mio cellulare. Mentre stavo uscendo, ho notato una macchina che aspettava il mio posto! Yikes! Stavo facendo la stessa cosa che gli ho criticato per aver fatto! Ho sentito la vergogna di essere stato critico e critico per qualcosa che sono abbastanza capace di fare da solo.

In questo momento un po 'imbarazzante, sorrisi tra me, scossi un po' la testa e notai un tocco di amichevole vergogna. Ha attirato la mia attenzione, ricordandomi di essere più accettante degli altri e non così egocentrico. Abbiamo tutti le ragioni per fare ciò che facciamo. A volte siamo assorbiti dalla nostra "roba". Fa parte della condizione umana. Un piccolo tocco di vergogna può renderci più umili.

Essere Mindfully Gentle con noi stessi

La mia vergogna nell'esempio sopra era un buon promemoria per essere più gentile con me stesso e gli altri. A volte siamo un po 'insensibili ai bisogni degli altri. Non abbiamo il controllo totale sull'astenersi dal fare cose che feriscono le persone a volte. Ma noi abbiamo il controllo sulla consapevolezza della vergogna che ci dice quando abbiamo varcato i confini di qualcuno.

Una tale vergogna sana può attirare la nostra attenzione. Forse notiamo questa vergogna istruttiva mentre stiamo per dire qualcosa di doloroso o inviare una brutta email. Oppure, se abbiamo violato la dignità di qualcuno con una parola dura o un'azione insensibile, possiamo scusarci e trovare un modo per riparare la fiducia infranta. Tale vergogna amichevole può aiutarci a sintonizzarci più empaticamente l'un l'altro. Gradualmente, possiamo rispondere agli altri con maggiore saggezza e amore, senza la vergogna di ricordarci di essere più sensibili.

La pratica della consapevolezza è un percorso utile per notare cosa sta accadendo dentro di noi quando reagiamo automaticamente piuttosto che rispondere con una scelta più consapevole. Possiamo gentilmente rivolgere la nostra attenzione su come ci sentiamo dentro quando qualcuno fa o dice qualcosa che ci irrita. Forse vecchia, vergogna tossica si sta attivando, il che potrebbe innescare una reazione rabbiosa o spegnersi.

La vergogna tossica è un'emozione debilitante che soffoca il nostro benessere e la nostra creatività. Una sana vergogna nasce da qualcosa in noi che vuole rimanere positivamente collegato ai nostri simili. Da un punto di vista di sopravvivenza, dobbiamo essere collegati e cooperativi se la nostra tribù deve sopravvivere. Come afferma l'autore Laura Markham:

"Nella sua forma lieve, quella sensazione di vergogna è il modo in cui la natura assicura che gli umani imparino a vivere con altri umani e seguano le regole della tribù".

La vergogna ci dice quando ci siamo persi in una posizione egocentrica che ci disconnette dalla tribù e minaccia il nostro benessere collettivo.

Vi invito a notare la vergogna come si presenta – probabilmente molte volte al giorno. È la varietà tossica che ti diminuisce? O potrebbe esserci un aspetto salvifico? Una piccola dose di vergogna amichevole a volte è una cosa salutare, utile per lo sviluppo personale, per riparare la fiducia infranta e per costruire una comunità e una società sane.

© John Amodeo

Ti preghiamo di considerare di gradire la mia pagina Facebook e di cliccare su "ricevi notifiche" (sotto "Mi piace") per ricevere post futuri.

John Amodeo, Ph.D., MFT è autore del libro pluripremiato sulle relazioni come percorso spirituale, Dancing with Fire: un modo consapevole di amare i rapporti. I suoi altri libri includono The Authentic Heart e Love & Betrayal. È stato un terapeuta specializzato in matrimonio e famiglia per 35 anni nella zona della Baia di San Francisco e ha tenuto conferenze e condotto seminari a livello internazionale.

Immagine pixabay di Johnhain

Solutions Collecting From Web of "Puoi vergognare di essere tuo amico?"