Puoi essere troppo favorevole ai sentimenti negativi del tuo bambino?

Andy Eick/Flickr
Fonte: Andy Eick / Flickr

Ci sono molte prove che quando i genitori aiutano i bambini in età prescolare a capire e affrontare i sentimenti negativi, insegnano ai bambini abilità importanti. Ma un nuovo studio suggerisce che le risposte di supporto ai sentimenti negativi dei nostri figli potrebbero non essere sempre utili.

Vanessa Castro e i suoi colleghi (Castro, Halberstadt e Garrett-Peters, 2017) hanno valutato le loro mamme come rispondono in genere ai sentimenti negativi del terzo anno e valutano anche il loro adattamento sociale. Hanno scoperto che le mamme che hanno riferito di essere più favorevoli hanno anche valutato i loro figli come più socialmente abili, ma gli insegnanti hanno detto che questi bambini avevano meno capacità socioemotive e più comportamenti problema.

Quindi, come possiamo capire questo risultato sorprendente? Sfortunatamente, la misura del supporto emotivo utilizzato in questo studio è stata una borsa mista, comprendente un'ampia gamma di risposte genitoriali come distrazione, conforto e risoluzione dei problemi, quindi è difficile sapere quali risposte specifiche sono state o non sono state utili.

Poiché questo è uno studio correlazionale, non possiamo dire quali sono le cause. Forse i bambini che hanno difficoltà ad andare d'accordo a scuola suscitano e necessitano di un maggiore sostegno emotivo da parte dei genitori. Forse questi ragazzi sarebbero ancora peggio se le loro mamme non fossero così solidali!

La ricerca futura aiuterà a risolvere le implicazioni di questi risultati. Nel frattempo, vale la pena pensare alla possibilità che, come genitori, a volte potremmo esagerare con il sostegno emotivo a scapito delle relazioni e dei rapporti dei nostri figli. Quando prestiamo attenzione ai nostri figli soprattutto quando sono arrabbiati, potremmo accidentalmente insegnare loro che quello è il modo migliore per attirare la nostra attenzione.

Inoltre, quando i bambini invecchiano, le loro vite sociali diventano più complicate. Le strategie che usavamo per confortare i nostri bimbi sconvolti potrebbero non essere sufficienti per insegnare ai bambini in età scolare come gestire le proprie emozioni in situazioni in cui non siamo in giro.

Ecco alcune idee da considerare nel tuo ruolo di "allenatore delle emozioni" di tuo figlio:

1) Concentrati sul comportamento emotivo e sull'esperienza emotiva

Troppo spesso, la gente crede al mito della ventilazione emozionale, che dice che dobbiamo "far uscire" le emozioni negative. Non c'è un briciolo di prove empiriche per supportare questa prospettiva! In effetti, recitare in modo aggressivo, ad esempio, pugni un cuscino e immaginando di colpire il bersaglio della nostra frustrazione, può effettivamente intensificare la rabbia (Kennedy-Moore & Watson, 2001).

I bambini in età scolare hanno bisogno di imparare cosa esprimere, con chi e come. Devono iniziare a immaginare quale tipo di risposta sperano di ottenere dagli altri e quali azioni hanno più probabilità di ottenere quella risposta. (Suggerimento: è improbabile che qualcuno reagisca bene per essere sgridato!) Devono apprendere modi efficaci per chiedere ciò che vogliono o tollerare situazioni meno che ideali senza ricorrere agli scoppi d'ira.

2) Considerare le reazioni dei pari

Dal primo anno in poi, altri bambini tendono a reagire negativamente ai bambini che spesso diventano molto emotivi a scuola. Possono sentirsi spaventati o a disagio nei confronti di bambini che sono spesso intensamente turbati, oppure preferiscono semplicemente uscire con i bambini con cui è più facile andare d'accordo. Sfortunatamente, alcuni bambini sono intrattenuti da grandi manifestazioni emotive e possono stuzzicare o provare a provocare queste reazioni.

I bambini in età scolare stanno iniziando a essere in grado di immaginare la prospettiva di qualcun altro in modo più dettagliato e con maggiore accuratezza. Possono iniziare a considerare ciò che qualcun altro vuole, oltre a quello che vogliono.

Stanno anche iniziando a prendere coscienza delle norme sociali, che sono regole non scritte che descrivono comportamenti attesi o imprevisti in diverse situazioni. Ad esempio, se nessun altro sta piangendo dopo aver perso la partita di baseball, il bambino dovrebbe considerare la possibilità che la sua reazione sia più grande della situazione e potrebbe persino far sentire i compagni di squadra male.

3) Evitare di esagerare per i bambini

In generale, non vogliamo fare cose per i nostri bambini che possano fare da soli perché questo li priva dell'opportunità di apprendere importanti abilità di coping. Se esageriamo nel regno emotivo, potremmo accidentalmente insegnare ai nostri figli che non possono sopportare alcun disagio da soli, e devono avere un adulto per sistemare le cose.

I neonati e i bambini piccoli hanno poche opzioni, a parte piangere o urlare, quando qualcosa non va bene. I bambini in età scolare hanno una vasta gamma di opzioni di coping. Possono distrarsi, dire cose incoraggianti a se stessi, pensare a un problema in un modo nuovo, chiedere aiuto specifico, continuare a provare, fare una breve pausa, riprovare, o allontanarsi da una situazione malsana.

In un momento di calma, puoi aiutare il bambino a pensare con quali opzioni è più probabile che funzionino meglio in una situazione particolarmente difficile. Non dare solo risposte; poni domande per guidare tuo figlio a trovare una soluzione. "Che cosa hai provato fino ad ora?", "Cosa pensi possa essere d'aiuto?", "Come pensi che possano reagire?" E "Come farai a sapere se sta aiutando?" Sono possibilità.

In nessun modo lo studio di Castro (o di questo post sul blog!) Implica che i genitori dovrebbero essere "non sostenitori" quando i loro figli sono sconvolti. Avere genitori che sono spesso duri o indifferenti è devastante per i bambini. I genitori possono essere un'importante fonte di conforto anche quando i bambini crescono nell'età adulta. Abbiamo tutti bisogno di persone nelle nostre vite che siano sempre dalla nostra parte.

Tuttavia, se pensiamo al nostro lavoro di genitori come ad aiutare i nostri figli a imparare come essere in una relazione , allora è chiaro che il supporto da solo non è sufficiente. Possiamo e dobbiamo riconoscere i sentimenti dei nostri figli e offrire la nostra amorevole accettazione, comprensione e conforto. Tuttavia, vogliamo anche aiutare i nostri figli a imparare a gestire le loro emozioni, comunicare in modo efficace e prendersi cura degli altri. Potremmo essere le loro ruote di addestramento emozionale, ma il nostro obiettivo è aiutarli a diventare capaci di cavalcare con fiducia anche quando non siamo in giro.

Articoli correlati:

Una strategia semplice per aiutare i bambini preoccupati

Quando il tuo bambino dice "Nessuno mi piace!"

Pressione per riuscire a scuola media

© Eileen Kennedy-Moore, PhD.

Iscriviti alla NEWSLETTER via email mensile per essere informato sui nuovi messaggi Growing Friendships .

Questo post del blog è solo a scopo didattico. Siete invitati a collegarvi ad esso, ma per favore non copiarlo senza il permesso dell'autore.

Credito fotografico: "Libby e Denise imparano ad andare in bicicletta" di Andy Eick / CC BY 2.0

Solutions Collecting From Web of "Puoi essere troppo favorevole ai sentimenti negativi del tuo bambino?"