Puoi essere licenziato per indossare i dreadlocks

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

Chastity Jones è una donna afroamericana che ha avuto la sua assunzione da parte di una società di elaborazione delle richieste di risarcimento per l'assicurazione dell'Alabama, perché ha insistito per indossare i suoi capelli in dreadlocks. Ha rivendicato la discriminazione razziale, ma sia un tribunale federale che una corte federale di ricorsi si sono pronunciati contro di lei.

Come la storia della Slate ha detto:

L'azienda, Catastrophe Management Solutions, ha richiesto ai suoi dipendenti di proiettare "un'immagine professionale e imprenditoriale"; Jones sostiene che un dipendente delle risorse umane bianco le ha detto che avrebbe dovuto liberarsi dei suoi dreadlocks perché "tendono a diventare disordinati". Quando Jones ha rifiutato di modificare la pettinatura, la società ha annullato la sua offerta di lavoro.

Senza entrare nei dettagli del caso, la distinzione chiave che il tribunale ha fatto è tra "caratteristiche immutabili e mutevoli della razza". Ha concluso che "… la discriminazione basata sulla tessitura dei capelli neri (una caratteristica immutabile) è proibita dal titolo VII, mentre l'azione avversa sulla base dell'acconciatura nera (una scelta mutabile) non lo è. "

In altre parole, se capisco il ragionamento della corte, chiedere alla donna di raddrizzarsi i capelli sarebbe stata una discriminazione razziale, perché implicava che le diceva di cambiare una caratteristica immutabile, ma dirle di non indossare i dreadlocks non era discriminazione razziale perché poteva avere scelto un altro taglio di capelli che non "tende a diventare disordinato" -eg, un piccolo afro. (In un'area grigia [tra bianco e nero] se un datore di lavoro dovesse rifiutare, uno dopo l'altro, tutti gli stili di capelli che non comportano capelli dritti, i tribunali dovrebbero decidere se il datore di lavoro stesse davvero cercando di discriminare in modo indiretto. )

La distinzione chiave che i tribunali stavano affrontando è se definire la razza come una categoria biologica o una categoria sociale (anche se una categoria sociale basata su tratti fisici osservabili e / o antenati). I giudici sembrano aver optato per la definizione biologica.

***

Nel mio libro The Myth of Race, così come in molti articoli di questo blog, Looking in the Cultural Mirror , ho tentato di districare biologia e cultura dal mix confuso chiamato race.

In breve, la specie umana non ha razze biologiche. Tutto ciò che esiste è una variazione graduale di ciò che le persone assomigliano (ad esempio, il colore della pelle e le caratteristiche del viso) e nei loro geni, mentre viaggi intorno al pianeta – con popolazioni più distanti che appaiono più diverse rispetto a quelle più vicine. Poiché non ci sono razze biologiche, ne consegue che le razze non possono avere caratteristiche immutabili (o nessuna caratteristica). Al contrario, il concetto sociale di razza consiste in una serie di categorie culturali per etichettare le persone in base a come sono stati classificati i loro antenati, aspetti selezionati di ciò che sembrano, o varie combinazioni di entrambi. Queste serie di categorie razziali variano ampiamente da una cultura all'altra.

In sostanza, le decisioni dei tribunali, che riflettono la cultura americana, trattano le caratteristiche biologiche della gente come il colore della pelle e la consistenza dei capelli come l'essenza della loro razza e considerano irrilevanti le preoccupazioni sociali come la loro identità razziale. Questo sembra strano, dal momento che l'unico modo per determinare la razza delle persone è chiedere loro.

Ad esempio, alcuni immigrati negli Stati Uniti dal Brasile (che hanno un concetto di razza molto diverso da quello negli Stati Uniti) sono frustrati e arrabbiati quando scoprono che gli americani applicano loro etichette razziali, forse li chiamano neri quando sanno che non lo sono, specialmente dal momento che non si considerano neanche bianchi, e vedono di essere costretti a scegliere tra due sole opzioni razziste.

In altre parole, nonostante le opinioni biologiche dei tribunali, le caratteristiche immutabili della gente portano a etichette razziali abbastanza mutevoli.

***

La libertà di religione, garantita dal Primo Emendamento, sembra avere una posizione privilegiata nella giurisprudenza americana. Forse i tribunali direbbero che il Primo Emendamento protegge l'identità religiosa ma non l'identità razziale. Questa disparità di protezione può essere sorta per ragioni storiche: garantire la libertà di religione come mezzo per evitare i sanguinosi conflitti religiosi in Europa. Ma sembra una cattiva allocazione di protezione, dal momento che la storia del conflitto in America è molto più sulla razza che sulla religione; e, per molte persone, la loro identità razziale è molto più importante per loro della loro identità religiosa.

In ogni caso, se la signora Jones era stata una Rastafariana e si era rifiutata di rimuovere i suoi dreadlocks per motivi religiosi, forse i tribunali avrebbero deciso diversamente.

Cosa ne pensi?

Controlla il mio libro più recente, The Myth of Race, che sfata le idee sbagliate comuni, così come i miei altri libri.

Amico / Mi Piace su Facebook

Seguimi su Twitter

Visita il mio sito

Solutions Collecting From Web of "Puoi essere licenziato per indossare i dreadlocks"