Puoi essere la tua fonte di comfort e sicurezza? Una domanda audace sull'allegato

Nel 1991, mio ​​padre morì in quello che sembrava un istante. Ha avuto un aneurisma, è scoppiato, e quella era la fine. Ero in Virginia e mia madre era con lui, a centinaia di chilometri di distanza, in Pennsylvania. Prima che chiamasse per dirmi le notizie strazianti (con suo fratello lì con lei ad aiutare), ha chiamato uno dei miei amici per poter avere qualcuno con me se volevo.

Non volevo. Era la notizia più stupefacente e devastante che avessi mai ricevuto, ma non volevo rivolgermi a nessun altro per il comfort, non all'inizio. Volevo iniziare a elaborarlo da solo. Più tardi, vorrei tanto raccontare la storia alle persone che si sono interessate a me. La mia prima inclinazione, tuttavia, era di volgermi verso l'interno.

Anch'io mi sento su altre notizie difficili, e anche sulle notizie estremamente buone. Voglio elaborare le cose cattive o assaporare le cose buone, quindi rivolgersi alle persone importanti della mia vita.

Fino a ieri non mi è mai passato per la mente che le mie prime reazioni a notizie importanti potessero avere qualcosa a che fare con l'attaccamento – o almeno non con qualcosa di buono. Poi, nel mio ruolo di membro del comitato di lunga distanza, ho letto una tesi di Carol S. Kahn sull'attaccamento tra le persone single. Non solo singole persone – Carol Kahn ha reclutato persone che avevano più di 45 anni (andavano dalla fine degli anni '40 alla fine degli anni '80), era sempre stata single, non aveva figli e non aveva mai avuto una relazione romantica impegnata per almeno le cinque passate. anni.

Questo è stato uno studio qualitativo, basato su interviste approfondite, di 14 persone. Quindi è diverso dai tipi di studi che faccio più spesso e rivisto in questo spazio: studi con un numero relativamente grande di partecipanti, a volte con manipolazioni sperimentali, rigorosi test di ipotesi e molte analisi statistiche. Questo è il tipo di ricerca che va più in profondità che in largo, e produce resoconti plausibili (piuttosto che spiegazioni definitive) di processi psicologici, da perseguire nella ricerca futura con una serie più diversificata di partecipanti.

Secondo la tradizionale teoria dell'attaccamento, una figura di attaccamento funge da " rifugio sicuro " e da " base sicura ". Lei o lui è qualcuno che spesso si vuole essere vicino e si oppongono a lunghe separazioni da quella persona. "Rifugio sicuro" significa che la persona è qualcuno a cui ti rivolgi per supporto, conforto e rassicurazione, specialmente nei momenti difficili.

Alcune domande e risposte di persone singole

Tra le domande che Carol Kahn ha chiesto ai suoi intervistati riguardo l'attaccamento sono state le seguenti:

  • A cosa ti rivolgi quando sei stressato? Eccitato per qualcosa? Preoccupato?
  • Cosa o chi credi sarà sempre lì per te se / quando ne hai bisogno?
  • Se hai davvero buone notizie o davvero brutte notizie in questo momento, cosa faresti?

In risposta a quest'ultima domanda, 8 dei 14 partecipanti hanno affermato che la prima cosa che avrebbero fatto sarebbe stata quella di sedersi con le notizie da soli. I miei sentimenti esattamente.

Simile anche alle mie inclinazioni, i partecipanti non hanno tenuto le notizie per sé al di là di quel periodo iniziale di elaborazione autonoma. Raggiunsero gli amici e tutti i tipi di familiari: membri della loro famiglia di origine (genitori, fratelli), famiglia allargata (come i cugini) e persone a cui pensavano come famiglia.

Le risposte alla domanda su chi sarà sempre lì per te includevano lo stesso tipo di categorie, come amici, fratelli, cugini, genitori, nipoti e nipoti. (Due dissero a nessuno – forse erano i loro ultimi anni '80 che erano sopravvissuti ai loro amici e parenti.) Una persona disse che sarebbe sempre stato lì per se stesso "e non in modo cliché".

Alla domanda sulle reazioni allo stress o alle preoccupazioni, sei partecipanti hanno di nuovo detto che ci pensavano su se stessi. Non erano limitati a una sola risposta, però. Sette dei 14 dissero che chiamavano amici. Sei ha detto che si concedevano cibi confortevoli. Un'altra mezza dozzina disse che si dedicarono all'esercizio o ad altre attività appassionate, incluso il lavoro che amavano, come la scrittura o altri interessi creativi. È interessante notare che quattro hanno affermato di non essere più stressati. (Penso che quei quattro includessero anche alcune delle persone anziane nello studio).

Un'altra fonte di conforto per alcune delle persone single erano i loro animali domestici. (Carol Kahn ha avuto così tante cose interessanti da dire a riguardo – forse l'argomento di un post separato.)

Una visione più ampia e più audace dell'allegato

La teoria dell'attaccamento riguardava inizialmente l'attaccamento infantile, in particolare nella relazione madre-bambino. Mentre il campo si sviluppava, l'argomento degli attaccamenti degli adulti ad altri adulti attirava l'interesse. Prevedibilmente, quella ricerca si è concentrata in modo schiacciante sugli attaccamenti degli adulti verso i partner romantici. Con sia il bambino che l'adulto, la figura di attaccamento è stata spesso interpretata come una sola persona. Più recentemente, sta iniziando a cambiare.

In risposta alla sua domanda su come le persone single riescano a soddisfare i loro bisogni di attaccamento al di fuori del contesto di una relazione romantica impegnata, Carol Kahn non punta a una figura di attaccamento ma a una comunità di attaccamenti . I single possono avere sia amici che familiari nella comunità di persone che possono chiedere conforto e rassicurazione e chi li chiama. Alcuni singoli hanno comunità di attaccamenti nel senso più familiare della parola comunità – per esempio, alcuni single con inclinazioni religiose trovano conforto e supporto nelle comunità ecclesiali. Se la ricerca futura mostra che i single sono più propensi ad avere una comunità di attaccamenti piuttosto che una sola figura di attaccamento, allora quella comunità potrebbe effettivamente offrire loro la capacità di recupero (in contrasto con la vulnerabilità di affidarsi esclusivamente a una sola persona).

Ancor più al di fuori delle tradizioni della teoria dell'attaccamento rispetto alla nozione di comunità di attaccamenti è il suggerimento di Carol Kahn che gli adulti (e non solo i single adulti) possono rivolgersi a se stessi per comodità e sicurezza. I confini del campo si sono espansi. Gli studiosi hanno sostenuto che entità come figure religiose e animali domestici possono servire come figure di attaccamento. Ma noi stessi?

Sulla base delle sue interviste intensive, Kahn si chiede se le persone che hanno circa 40 anni (o molto più vecchio) e siano sempre state single hanno imparato a conoscersi in modi particolarmente profondi. Vede quella conoscenza di sé non come alternativa al rivolgersi ad altre persone ma come un miglioramento del processo di attaccamento. Nelle sue parole:

"La comunità di attaccamento è resa più piena e più significativa dall'interdipendenza di volgersi verso l'interno per la cura di se stessi e la connessione con se stessi con la svolta verso l'esterno per la connessione con gli altri …"

Le idee di questa tesi hanno bisogno di ulteriori test e sarò curioso di vedere come i ricercatori di attaccamento più tradizionali li valutano. Ciò che amo del lavoro è che è basato sulle esperienze e le voci delle singole persone. Kahn non inizia con le norme per le coppie (come fanno molti ricercatori), poi chiede se i single si misurano. Invece, ha cercato di entrare nei mondi delle singole persone con cui ha parlato in modo così approfondito. Cosa sembra funzionare per loro?

Ora i ricercatori possono aggiungere nuove dimensioni al loro pensiero sui processi di attaccamento. Certo, è bello avere qualcuno che sarà sempre lì per te. Ma è altrettanto buono, o meglio, avere una comunità di persone simili? Nei momenti di stress, è altrettanto buono, o anche meglio, rivolgersi prima a te stesso prima di raggiungere gli altri? Le persone single sono particolarmente inclini a guardare verso l'interno prima di cercare conforto dagli altri?

Solutions Collecting From Web of "Puoi essere la tua fonte di comfort e sicurezza? Una domanda audace sull'allegato"