Puoi ammettere ciò che ti senti?

L'uragano Sandy era diretto verso la costa e le notizie erano truci. Questa sarebbe la peggiore tempesta per colpire la regione nord-orientale da allora, beh, forse mai. Una confluenza di fattori – era lenta, diffusa, che si scontrò con una tempesta invernale da ovest e aria fredda da nord, e colpire terra con l'alta marea su una luna piena – potrebbe portare a inondazioni disastrose, perdita di energia per milioni di persone , miliardi di dollari in danni e vite perse.

Nel frattempo, i miei bambini erano felici. Quando è diventato chiaro durante il fine settimana che la scuola sarebbe stata chiusa lunedì, hanno strillato di gioia e hanno iniziato a pianificare come passare il tempo: quanta TV avrebbero visto, quanta caramella avrebbero mangiato. Erano gorgoglianti per l'eccitazione quando ci preparammo a comprare cibo e scorte, riempire bottiglie d'acqua, mettere candele in ogni stanza e collegarci con i vicini. Abbiamo ascoltato le notizie e monitorato la tempesta su internet. La città era in fermento mentre la gente si preparava.

Ora è la mattina dopo e l'uragano ha effettivamente causato devastazione. Quando ho avviato il mio computer – sono stato fortunato e non ho nemmeno perso il potere – ho visto che i tunnel sono stati allagati, un enorme incendio ha distrutto 50 case a Rockaway e il potere è spento per milioni. Piansi mentre leggevo che un albero cadde su una casa a Westchester e uccise due ragazzi, uno 11, l'altro 13.

Eppure, mentre scrivo questo, riesco a sentire i miei figli fuori dal mio ufficio a casa, ridendo mentre giocano a tag e si nascondono e cercano, godendosi un altro giorno libero dalla scuola. Eppure, mi fa sorridere.

Questa non è una storia semplice. Non sento un'emozione dopo l'altra. Sento sia dolore che gioia, non in egual misura, ma simultaneamente.

Ecco cosa lo rende ancora più complicato: la gioia che provo non è di sollievo nel rendermi conto che sono sfuggito alla devastazione – anche se lo sento anch'io.

Sia la tristezza che la felicità che provo sono a causa dell'uragano-tristezza per la devastazione e la gioia del giorno in cui trascorro con i miei bambini.

Mi sento calloso scrivendo questo.

Ma questa è la realtà delle emozioni e della vita. Lo stesso evento può spesso catalizzare sentimenti contrastanti.

Alcune persone della tua azienda vengono licenziate e potresti provare tristezza, rabbia e frustrazione in perdita mentre provi anche sollievo che non sei tra loro. Tutte queste sono emozioni facili da accettare. Ma potresti anche provare eccitazione per l'opportunità che ora potresti dover intervenire nel ruolo di qualcun altro. O la gioia di vedere qualcuno che non ti è mai piaciuto lasciare la compagnia.

E poi potresti provare vergogna di provare gioia ed eccitazione. In effetti, potresti provare tanta vergogna che non ammetti, anche a te stesso, che senti la gioia e l'eccitazione perché non sembra giusto provare piacere per qualcosa che causa dolore agli altri.

Ecco il problema: i sentimenti repressi si perdono in modi inappropriati e insidiosi. I sentimenti sono energia e se non li riconosci, si rinchiudono nel tuo corpo e riappaiono, spesso sotto mentite spoglie.

Un travestimento è il dolore fisico. Senti un dolore al collo, la schiena fa male o ti ammali. Ma questo non è l'unico trucco di un'emozione represso.

Qualcun altro esprime eccitazione per l'opportunità che la cassa integrazione le ha dato e tu rispondi in una rabbia travolgente alla sua insensibilità. Perché? Forse perché lei è insensibile. Ma se la tua rabbia è un po 'esagerata, pensa che forse provi vergogna a condividere i suoi sentimenti. E, dato che vuoi allontanarti dai tuoi sentimenti, ti allontani da lei.

La etichetti come priva di compassione, indifferente, fredda. Non ti fidi più di lei. E poi perdi un'opportunità con lei. Forse perdi un amico. E ti allontani ulteriormente dai tuoi sentimenti, spingendoli più in profondità, aumentando la probabilità che ti ammalerai o sarai di nuovo arrabbiato, allontanando più persone.

C'è un'alternativa ed è l'abilità di vivere bene e vivere pienamente: sentire tutto.

Un sentimento non nega un altro sentimento; lo rende solo più complicato Il piacere che provo nell'avere un giorno con la mia famiglia e osservare la loro eccitazione non diminuisce il dolore che provo per la devastazione lasciata sulla scia della tempesta. Lo rende solo più complicato.

Ecco la chiave: sentire tutto non significa esprimere tutto.

È assolutamente appropriato, persino cruciale, sentire tutto. Ma ciò non significa che sia appropriato condividerlo in modo indiscriminato con le persone che ti circondano. Quindi cosa dovresti fare?

  1. Senti – e riconosci a te stesso – tutto ciò che senti. E sentirlo profondamente. Non censurare nulla. È inusuale provare un'unica emozione semplice. Di solito le emozioni vengono confuse: dolore e piacere, gioia e tristezza, eccitazione e paura. Rischio sentendo tutto senza censurare nulla di tutto ciò. Riconosci che la tua mente razionale potrebbe non essere in grado di risolvere tutto e lasciare andare la necessità di dare un senso o sentirsi bene.
  2. Scopri chi ti puoi fidare del tuo sé pieno e complicato e fidati di loro. Abbiamo tutti bisogno di almeno una persona nelle nostre vite con la quale possiamo essere veramente noi stessi. Qualcuno che non ti giudicherà e la cui opinione su di te si approfondirà solo quando ti riveli più pienamente. Per alcuni, quella persona sarà il tuo coniuge o partner o amico intimo. Se non hai qualcuno del genere, prendi il rischio di rivelarti più pienamente a qualcuno di cui potresti fidarti. Se non ti senti al sicuro, considera un terapeuta che è addestrato ad aiutarti ad accettare e integrare tutto ciò che senti. Di nuovo, non censurare te stesso.
  3. Pensa al tuo pubblico prima di condividere i tuoi sentimenti. Questa è sempre una buona idea, ma soprattutto importante con sentimenti complicati e conflittuali. Prima di tutto, ognuno si trova in una situazione diversa e avrà sentimenti diversi. Se qualcuno è stato licenziato di recente, sarà quasi certamente – e appropriatamente – risentito di ogni sentimento positivo che hai. Inoltre, non tutti saranno coraggiosi nel provare i suoi sentimenti come te. Molte persone reprimono i propri sentimenti e poi si scagliano contro di te per aver accettato il tuo. Se non sei sicuro del tuo pubblico, è meglio dire poco o nulla. Qui, non è solo appropriato, è intelligente, censurare te stesso.

Ora mi unirò ai miei figli per una passeggiata attraverso Central Park per osservare gli alberi che cadono e assistere alle devastazioni della tempesta. Condividerò con loro il mio dolore mentre penso alla sofferenza che le persone stanno vivendo, la mia gratitudine per il fatto che siamo sfuggiti al peggio e la consapevolezza che la nostra posizione di privilegio relativo nel mondo ci ha dato una calda casa sicura che ci ha protetto. E condividerò anche le loro risate mentre scherziamo e giochiamo sotto la pioggia, sguazzando nelle pozzanghere e godendoci una giornata insieme a scuola.

Sembra rischioso scrivere e pubblicare questo. Ho paura che sarò giudicato per questo.

Ma ho più paura dell'alternativa. Di vivere in un mondo in cui solo alcune emozioni sono accettabili mentre gli altri devono essere imbottiti, in profondità, fino a quando i nostri sé accettabili e riconosciuti sono finalmente sopraffatti dai nostri sé devastati, intollerabili e ignorati, e noi o esplodiamo o autodistruggiamo.

E così mi sento. E scrivo E pubblico.

Ripubblicato da Harvard Business Review

Solutions Collecting From Web of "Puoi ammettere ciò che ti senti?"