Puoi aiutare un narcisista a diventare meno autoassorbente?

Self-Love/Fee Images from Pixabay
Fonte: immagini Self-Love / Fee di Pixabay

Quanto sono trattabili i narcisisti?

Il vecchio problema con la diagnosi dei disturbi mentali è che una volta appuntato qualcuno con un'etichetta, si tende a "riparare" quella persona nel tempo e nello spazio. Le etichette sono in genere sia riduttive che assolutiste. E in questo nostro mondo curioso, quasi tutto ciò che è umano è relativo e mutevole.

Per rendere ancora più complicate le cose, ci sono casi in cui la psicopatologia di una persona è irrimediabile, per esempio, in un sociopatico duro, o in uno con autismo grave o danno cerebrale organico. E per aggiungere un altro livello di complessità, un problema che, per esempio, quasi tutte le discussioni sull'incontro con il narcisismo è che, come praticamente tutti i disturbi mentali ed emotivi, ci sono gradi di questo disturbo. Molte persone rivelano tratti narcisistici, mentre solo pochi di essi incarnano un vero e proprio disturbo narcisistico di personalità (NPD).

Nel mio lavoro professionale con individui narcisistici, anche se li trovo tutti molto stimolanti, ho trovato alcuni molto più curabili di altri. Quella via d'uscita sul continuum narcisistico che ho trovato essere, beh, candidati intransigenti-poveri per un cambiamento terapeutico.

Generalmente, il narcisista – sotto la minaccia del divorzio – viene condotto (o meglio trascinato) nel mio ufficio dal coniuge esasperato. Poiché il partner così arrogante, o disperato, rappresenta per questi individui auto-assorbiti una necessaria "offerta narcisistica" (cioè, su base giornaliera, hanno subordinato i loro bisogni all'ego sempre più dominante del narcisista), essi acconsentire alla consulenza. Poi, quasi immediatamente, procederanno a sabotarlo facendo tutto ciò che è in loro potere per convincermi che in realtà è il loro partner il problema e deve cambiare. E qui si potrebbe aggiungere che una caratteristica principale del narcisista è che proiettano sugli altri ciò che non possono accettare in se stessi.

Per quelli che si trovano nel polo più esterno dello spettro narcisistico, la cosa più umana che posso aspettarmi è di facilitare una separazione ragionevolmente pacifica tra le due parti. Inizialmente, però, cercherò di fare tutto il possibile per vedere se potrei in qualche modo aiutare a sviluppare l'empatia e la compassione del narcisista (contro il loro egoistico egoismo). In questo modo posso accertare il loro potenziale di concentrare la loro attenzione sui desideri e ha bisogno di un altro mentre de-focalizza da solo.

Possono , col tempo, imparare a trarre soddisfazione dall'essere al servizio degli altri? O tutto ciò che somiglia ad altruismo, il comportamento rimane per sempre al di là del loro interesse o capacità. Fino a questo punto, il loro partner così frustrato ha contribuito alla loro vita a spese dei loro. Quindi posso in qualche modo aiutare il narcisista a "evolvere" in un migliore equilibrio tra il loro ricevere e restituire?

Questo post assume una posizione abbastanza ottimistica nell'aiutare alcuni (forse anche la maggioranza) di persone con tratti narcisistici. Si tratta di affrontarli in un modo che, abbassando la loro resistenza al cambiamento, li assista nell'imparare ad essere più gentili, più attenti e premurosi verso gli altri, e, ironia della sorte, nel processo diventa anche più attento e autenticamente amorevole verso se stessi.

Allo stesso tempo, tuttavia, è improbabile che i suggerimenti che farò abbiano un grande cambiamento in quelli con un disturbo della personalità narcisistico così pronunciato che il loro pensiero e comportamento sono quasi interamente governati da difese veramente erculee. Governato al punto che il loro elaborato sistema di difesa potrebbe essere visto come il nucleo stesso della loro personalità. Quindi fino a quando la biotecnologia non troverà un modo per effettuare un trapianto di personalità in tali individui (e probabilmente non ci siamo neanche lontanamente vicini!), La loro estrema rigidità di carattere è tale che chiunque fosse intimamente coinvolto con loro farebbe bene a correre come veloce, e il più lontano, da loro come fattibile.

In generale, perché le sue origini possono essere così complesse: cosa rende un narcisista malsano?

Il problematico autoassorbimento, o egocentrismo, dei narcisisti è soprattutto una difesa contro le paure profonde dell'intimità. E tristemente, la maggior parte dei narcisisti ha buone ragioni per diffidare da tale vicinanza, poiché in genere le loro esperienze nel crescere sono state caratterizzate da abuso o abbandono da parte dei genitori. Avendo sofferto così tanto dolore emotivo da quelli di cui dipendevano maggiormente, giurarono (anche se inconsciamente) di non sottoporsi mai più a tale dolore psicologico.

Kiss, by Michon/Deviant Art
Fonte: Kiss, di Michon / Deviant Art

Quindi, anche se – segreto anche a se stessi – anelano ancora per la connessione sicura, intima e amorevole che non hanno mai avuto con i loro genitori, assenti ogni genuina fiducia negli altri, impostano le loro relazioni successive in modo da isolarle da questa vicinanza. Le loro probabili attività sostitutive riguardano il potere, l'ammirazione, il prestigio e la ricchezza – tutti così possono mostrare al mondo che sono amabili, oltre a compensarsi per l'amore che manca nella loro vita (vedi qui il mio post: "Che Narcisisti VERAMENTE vogliono e Can Never Get ").

I genitori tipicamente troppo critici della maggior parte dei narcisisti erano seriamente carenti nella loro capacità di insegnare ai loro figli come, nonostante i limiti che il bambino possa aver avuto, a veramente – vale a dire, inequivocabilmente – ama se stessi. Quindi questi bambini, la loro immagine di sé profondamente danneggiata, riuscirono a compensare questo deficit coltivando un arrogante, grandioso autoassorbimento. E hanno diligentemente inventato modi per impedire agli altri di sapere chi, in fondo, credevano di essere veramente (cioè, gli esseri difettosi non erano abbastanza buoni per essere amati). Dopotutto, ossessionati dal dubbio su di sé, e mai in grado di fidarsi della cura o della devozione dei loro genitori verso di loro, non erano disposti ad ammettere agli altri i loro bisogni di serietà monumentali e mai incontrati.

Per quanto futili a lungo andare, la maggior parte dei narcisisti si sforzano di guarire le ferite della loro infanzia attraverso la realizzazione (o favorendo l' illusione della stessa) e l'auto-esaltazione. È così che cercano di rendersi immuni da ogni vulnerabilità relazionale – il che, naturalmente, rende i loro legami con gli altri superficiali e, alla fine, insoddisfacenti. La loro unica soddisfazione deriva dalla gratificazione che ottengono dal coltivare un senso di superiorità rispetto agli altri (piuttosto che all'intimità con). Ogni preoccupazione o preoccupazione per qualcuno al di fuori di se stessa è sminuita dalla loro preoccupazione di rassicurare se stessi della loro "specialità" – in particolare di fronte a qualsiasi minaccia percepita derivante dalla critica di un altro (e in tal senso, vedere il mio "Il dilemma del narcisista": Possono Dish It Out Ma … ").

Ecco una sintesi concisa del perché i narcisisti richiedono disperatamente le loro difese straordinariamente elaborate:

Ironia della sorte, i narcisisti, che sembrano essere catturati in una rete inestricabile di auto-assorbimento, a volte possono anche lottare immensamente con insicurezza, ansia, depressione, violenza e disgusto di sé. (Jenny Dyer, PhD, "L'unico modo per guarire un narcisista", storylineblog, 06/12/2015)

Come puoi aiutare un narcisista a cambiare (se sono aperti ad esso)

Se, per il tuo benessere relazionale, vuoi ridurre l'opprimente autoassorbimento del narcisista, devi cercare – e abilmente incoraggiarlo – gli atteggiamenti e i comportamenti direttamente opposti ad esso. Perché l'alterazione della "mentalità mentale" eccessiva del narcisista (rispetto ad un orientamento più "mentecatto") dipenderà dalla loro capacità di focalizzare nuovamente la loro attenzione su di te – cioè, interagire con te in un modo diverso da un interessato, modo sfruttatore.

In Rethinking Narcisism (New York: HarperCollins, 2015), il collega blogger di PT Craig Malkin, PhD fa il punto sulla sua ampia rassegna sull'argomento – i recenti risultati della ricerca indicano che una cosa che può diminuire le qualità più offensive del narcisista li spinge ad essere più attento e compassionevole nel modo in cui guardano e si relazionano con gli altri. Ma, ammettiamolo, se tale "addolcimento della personalità" dovesse avere successo, il narcisista richiederà molto supporto. E poiché i loro problemi di fiducia sono così endemici e di vasta portata, tale supporto deve essere offerto con un tatto squisito. Perché qualsiasi cosa assomigli a critiche o sembrare paternalistici può suscitare la loro rabbia, persino rabbia. (E qui vorrei aggiungere che a volte solo il fare un suggerimento può essere preso come critica e far sì che diventino balistici).

Se sei il partner del narcisista, dopo aver sofferto per anni di abusi emotivi (e forse anche fisici), può essere estremamente difficile raggiungere il tuo autore percepito con qualcosa come preoccupazione amorevole. Nel profondo, potresti nutrire un'enorme ostilità nei loro confronti e letteralmente bruciare per il risentimento per come ti hanno trattato. Inoltre, potresti provare grande trepidazione e dubbio solo a pensare a come potrebbero reagire se fai nuovi sforzi per avvicinarti a loro. Ma se, in un disperato tentativo di riparare la relazione, sei disposto a rischiare, ecco alcune raccomandazioni che Malkin fa. E vale la pena citare:

Il suggerimento [Empathy] coinvolge due componenti: esprimere l'importanza della tua relazione e rivelare i tuoi sentimenti [cioè, dovrai sporgere il collo e prendere l'iniziativa].

Pronunciare l'importanza della tua relazione implica generalmente fare affermazioni di supporto, come se tu importi così tanto per me o tu sei importante per me o mi interessa molto per te. Dichiarazioni come queste segnalano quanto qualcuno speciale sia per noi. Sono il tipo di rassicurazione che molti narcisisti non si rendono nemmeno conto di perdere. Spingono le persone a pensare alla relazione, spostando l'attenzione da te e me a noi . Ancora più importante, segnalano la tua volontà di offrire un amore sicuro [ esattamente , cioè, quello che hanno perso durante la crescita].

[E, per quanto riguarda la rivelazione dei tuoi sentimenti , Malkin consiglia]: Se non riesci a identificare i tuoi sentimenti più morbidi, prova ad afferrare un pezzo di carta e ad annotare alcuni pensieri. . . . Ricorda, non ci arrabbiamo mai o non ci allontaniamo a meno che non stiamo soffrendo. Questo passaggio consiste nel descrivere direttamente quel dolore [senza, dovrei aggiungere, incolpando del tutto il tuo partner, perché qui devi essere non aggressivo ma assertivo]. Se ti senti ancora arrabbiato o emotivamente insensibile, continua a scavare. I sentimenti più profondi sono spesso di solitudine, inutilità o inadeguatezza.

Ovviamente, c'è l'importantissima questione di sapere se, in questa fase di dolore, ansia e rabbia, sei in grado di accedere a qualsiasi residuo residuo di cura effettiva. Perché se non puoi, nonostante le parole che potresti usare, non ne uscirà sincero. Ma se riesci a individuare, dal profondo, il giusto tono sentimentale in ciò che esprimi – uno di empatia caritatevole e sincera – la risposta del tuo partner alla tua auto-rivelazione ti fornirà prove abbastanza solide sul fatto che possano o siano disposti a farlo cambiare.

Infine, è tutto sulla vulnerabilità. E, emotivamente impaurito come potresti essere, semplicemente potresti non essere pronto a renderti più vulnerabile di quanto lo sei stato in passato. Per prima, tale autorivelazione potrebbe essere stata usata come munizione contro di voi. Il tuo partner narcisistico potrebbe averti chiamato debole, ipersensibile, bisognoso o addirittura stupido nel maltrattarli. E tu, sentendoti furioso, umiliato o addirittura senza speranza, potresti aver deciso che non avresti mai abbassato la guardia. Per non una volta hanno mostrato simpatia per te, o la volontà di condividere, a loro volta, le loro paure e insicurezze.

Quindi, se hai finito di cercare di appellarti a qualsiasi potenziale di cura e compassione potrebbe essere nascosto ben al di là dell'estetica narcisistica del tuo partner, e se hai già provato la terapia e l'hanno prematuramente interrotto nel momento in cui si sono confrontati con la propria responsabilità per il problemi di relazione, allora potrebbe essere il momento di dirigersi verso l'uscita più vicina.

Ma se il tuo partner può tollerare la tua intima condivisione di sentimenti e ferite confuse, e si mostra capace di essere empaticamente "commosso" dal tuo dolore – cioè, se può esibire qualche abilità nascente per capire il tuo dolore, esprimere dispiacere e provare a confortare e rassicurarti – e se a loro stessi può essere richiesto di rispondere in modo gentile e divulgare alcune delle loro vulnerabilità relazionali, allora potrebbe esserci ancora qualche speranza per voi due.

E questo è particolarmente vero se dimostrano una nuova volontà di impegnarsi (questa volta molto più apertamente e onestamente) nel trattamento delle coppie. O meglio, un'ampia terapia individuale in cui possono esplorare le numerose ferite profonde che, fino ad ora, le loro numerose difese sono state tenute sepolte con successo. Perché se, in sostanza, hanno distanziato il loro sé interiore, ferito da te, è perché loro stessi si sono talmente distaccati dalla miseria della loro infanzia precedente.

Se la tua relazione ha una possibilità realistica di ricominciare da capo, è solo nella guarigione finale di queste vecchie ferite, che hanno compromesso la loro capacità di autentico amor proprio (cioè non narcisistico) . Tuttavia, data la possibile gravità dei sintomi disadattivi del tuo partner, puoi aspettarti che il cambiamento sia molto graduale e con qualsiasi numero di battute d'arresto. Per l'auto-assorbimento del tuo partner, e la sua estrema sensibilità verso qualsiasi cosa possa provare come licenziamento o abbandono, possono facilmente riemergere ogni volta che si sentono (per quanto inavvertitamente da parte tua) ignorati, sminuiti, mancati di rispetto o minacciati.

Un ultimo avvertimento. Se non riesci a sentirti fisicamente o emotivamente al sicuro abbastanza da aprirti al tuo partner narcisista, allora non farlo. Come dice Malkin: "Se hai visto prove di totale manipolazione – un modello di menzogne ​​e inganni spietati – potresti avere a che fare con un narcisista psicopatico". Potresti anche avere a che fare con qualcuno che è così bravo a fingere una risposta " non provando veramente la sensazione che se il tuo radar interno ti sta dicendo che sei solo "teso" – che le promesse e gli sforzi del tuo partner sono fasulli, pensati principalmente per toglierti le spalle – allora non ha molto senso rischi emotivi con loro.

Ma se pensi che ci sia una buona probabilità che, se modellerai per loro il comportamento che hai bisogno di loro, col tempo, essi potrebbero superare la loro vulnerabilità percepita nel farsi "conosciuti" e rispondere in natura, quindi – con tutti i mezzi – dimostrare la comportamento che hai così tanto mancato. . . . E per così tanto tempo meritato.

Questo post è la terza parte di una serie in 3 parti sull'autoassorbimento. Le voci precedenti erano "Autoassorbimento: la radice di tutto il male (psicologico)?" E "Troppo autoassorbimento? Questi suggerimenti possono liberarti da. . . Tu."

Ho scritto molti altri post sul tema del narcisismo e degli individui narcisisti. Ecco alcuni dei loro titoli e collegamenti:

  • "Ciò che i narcisisti davvero vogliono e non potranno mai avere"
  • "The Vampire's Bite: Victims of Narcissists Speak Out"
  • "9 citazioni illuminanti sui narcisisti – e perché"
  • "6 segni di narcisismo che potresti non sapere" [che in realtà è diventato "virale" -come del 09/01/16, ha ricevuto circa 1,4 milioni di visite]
  • "Ora lo vedi, ora non lo fai: i molti volti del narcisismo"
  • "Oltraggio e oltraggiosità: sulla popolarità di Trump" (parti 2 e 3)
  • "Narcisismo: perché è così dilagante in politica"
  • "Il dilemma del narcisista: possono eliminarlo, ma. . “.
  • "I nostri ego: hanno bisogno di rafforzarsi o restringersi?"
  • "LeBron James: The Making of a Narcissist" (Parti 1 e 2)
  • "Reality as a Horror Movie: The Case of the Deadly Sweat Lodge" (Parti 1 e 2: centratura su James Arthur Ray).

Se potessi riferirti a questo post e pensare che potrebbero esserlo anche altri, ti preghiamo di considerare di inoltrare il suo link.

Per controllare altri post che ho fatto per Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2016 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

Per essere avvisato ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook e su Twitter, dove, in aggiunta, puoi seguire le mie varie riflessioni psicologiche e filosofiche.

Solutions Collecting From Web of "Puoi aiutare un narcisista a diventare meno autoassorbente?"