Pubblicazione sul disastro

Le probabilità sono, nel tempo che ti porta a leggere la prima frase di questo blog, probabilmente hai ricevuto un aggiornamento, un tweet, un testo o un'email da qualcuno. Viviamo pubblicamente le nostre vite e qualcuno, proprio ora, da qualche parte, vuole che tu sappia cosa sta pensando, facendo o sentendo. Con applicazioni GPS come Foursquare e Facebook's Places puoi persino sapere dove si trovano le persone che hanno effettuato l'accesso a questi programmi e conoscere la loro posizione esatta e cosa stanno facendo. Le persone si uniscono a forum e gruppi online per unirsi agli altri con interessi condivisi e condividere idee, suggerimenti o filosofie e avere vite sociali informatiche piuttosto attive. I social media comandano le nostre tendenze esibizioniste e incoraggiano i nostri voyeuristici.

Jared Lee Loughner, il giovane dietro le riprese di massa della deputata Gabrielle Giffords e di molti altri in Arizona, ha avuto una presenza attiva online. Aveva Facebook, MySpace, apparteneva ai forum di gioco e realizzava video su YouTube. Da molti resoconti, ha pubblicato molte informazioni riguardanti i suoi pensieri e le sue opinioni che avevano sfumature violente, politiche, disperate, strane o psicotiche. Ventiquattro ore prima delle riprese stava postando "buoni messaggi" ai suoi amici. Offline, Jared si è ritirato dagli amici e ha mostrato uno sfogo strano e aggressivo nelle aule del college. A quanto pare, sembrava mostrare a chi gli era vicino e a innumerevoli altri anonimi, che era nei guai. Quindi, come ha fatto questo giovane esibizionista pubblico, chiaramente violento ed emotivamente instabile, a scappare con qualcosa di così odioso con così tante persone che lo guardavano?

Le persone potrebbero guardare ma non stanno ascoltando. I social media e la tecnologia stanno rivoluzionando il modo in cui comunichiamo, ma non c'è sempre una tabella di marcia, legalmente o psicologicamente, su come elaboriamo le informazioni e cosa fare con la comunicazione che spesso può essere vaga e criptica. Recentemente, ho parlato con una donna il cui nipote l'aveva minacciata su un sito di social media. Ha una storia di malattie mentali e dipendenza da droghe e si è arrabbiato con sua zia e ha pubblicato un messaggio minaccioso diretto a lei. Andò alla polizia nella speranza di ottenere un ordine di protezione. Sorprendentemente, le è stato detto che la minaccia era online, un po 'vaga ("Odio mia zia e spero che lei si trovi in ​​un terribile incidente d'auto, ma se ciò non accade, mi assicuro che ho appena iniziato a buttarti giù") cadono sotto la categoria di "libertà di parola" e che probabilmente sta solo "sfogando". Solo se la minaccia era diretta e specificatamente nominata nel post (dopotutto non è la sua unica zia) si potrebbe agire e lei è stata incoraggiata a chiamare il 911 se la minaccia di persona. Allo stesso modo, gli psicologi si trovano spesso di fronte a situazioni in cui vengono presentate informazioni che sollevano preoccupazioni per la sicurezza di un cliente o per la sicurezza degli altri, ma senza una minaccia diretta e specifica, può essere difficile fare qualcosa legalmente. Se può essere difficile per i professionisti addestrati agire in tali circostanze, è certamente chiedere al grande pubblico di sapere cosa fare con "aggiornamenti" e materiale che potrebbe essere motivo di preoccupazione.

A parte gli aspetti legali, ci sono probabilmente motivi psicologici per cui le persone non agiscono quando le persone usano internet per comunicare il loro disagio o dolore. Recentemente, una donna inglese ha comunicato ai suoi 1048 amici di Facebook che aveva fatto un tentativo di suicidio. Nessuno ha aiutato, chiamato la polizia, o ha contattato la sua famiglia. Diverse persone hanno avuto il tempo di postare commenti cinici e beffardi in risposta al post. L' effetto spettatore è un termine psicologico che può spiegare questa non-reazione da così tanti. L'effetto astante illustra un fenomeno mentre maggiore è il numero di persone presenti a testimoniare una persona in difficoltà, meno è probabile che debbano fare qualcosa per intervenire e cercare di aiutare. Nel 1964 Catherine "Kitty" Genovese fu pugnalata fuori dal suo condominio e, nonostante numerosi testimoni e curiosi, nessuno chiamò la polizia o tentò di aiutare per oltre 30 minuti nonostante le sue grida di aiuto. In queste circostanze, si ritiene che altre persone creino una "diffusione di responsabilità" e che gli individui non sentano la pressione per agire e potrebbero credere che qualcun altro sarà l'unico a fare qualcosa o che sarà influenzato dalla necessità di rispondere a comportamenti corretti e socialmente accettabili. Mentre "non reagire" sembra una risposta ovviamente non corretta, il gruppo guarda a come gli altri rispondono e quindi determina che, poiché nessuno risponde, questa deve essere la risposta ragionevole. Il gruppo risponde paradossalmente alla realtà della situazione attuale. Di conseguenza, il mondo online crea la situazione perfetta in cui l'effetto spettatore ha effetto. L'ambiguità della comunicazione online, il numero di amici e follower che percepiamo come partecipanti alle nostre interazioni online e nessuna linea guida chiara per ciò che è un comportamento socialmente accettabile online, creano una tempesta perfetta. Purtroppo, il cinismo può rendere più socialmente accettabile il taunt e incoraggiare una persona in difficoltà rispetto a rispondere con cura e compassione.

D'altra parte, sentiamo anche resoconti di persone i cui post, tweet e aggiornamenti non sono sicuramente caduti nel vuoto. Internet è pieno di storie di persone le cui post pubbliche, ma apparentemente innocue, vengono ascoltate e le azioni hanno avuto gravi conseguenze. Una cameriera a Charlotte è stata licenziata per un messaggio su Facebook che ha chiamato i suoi clienti a basso costo che l'hanno informata male e una recensione online negativa di un hotel ha fatto scappare una coppia a metà soggiorno. Forse in situazioni come queste, l'effetto spettatore non entra in gioco perché, sebbene possa esserci un vasto pubblico a cui l'informazione è disseminata, l'informazione è davvero rilevante solo per uno specifico membro del pubblico – colui che inequivocabilmente ha potere e autorità fare qualcosa al riguardo.

Mentre Jared Lee Loughner sosteneva di essere nei guai per un pubblico numeroso, potrebbe non essere stato abbastanza specifico per chiunque nel suo pubblico di lettura sentisse di avere alcun potere, legale o psicologico di fare qualcosa al riguardo. Forse è ora che iniziamo a capire, come cultura, come inizieremo a prestare attenzione ai morsi seri che guidano la nostra comunicazione gli uni con gli altri e troviamo modi per essere più proattivi nello sviluppo di un migliore senso psicologico, legale e di buon senso risposte a rispondere alle persone in difficoltà.

Solutions Collecting From Web of "Pubblicazione sul disastro"