Pubblica o muori?

Il signor W è venuto a trovarmi quando gli è stato negato il possesso presso la sua istituzione accademica. Un ricercatore creativo e un insegnante popolare, aveva rispettato i suoi materiali per il Tenure Committee come richiesto ed era assicurato da tutto ciò che era un shoe-in. Diversi mesi dopo, il signor W è stato informato che il suo mandato era stato negato perché la sua ricerca era troppo creativa e su un argomento che non aveva specifiche richieste di impiego per i laureati. La sua autostima era in frantumi. Aveva paura del suo percorso di carriera. Era arrabbiato. Sentiva che il suo lavoro, un'estensione importante di se stesso, non era abbastanza buono. Credeva di aver fatto qualcosa di "sbagliato" che aveva costretto il Comitato a rifiutarlo.

Nessuno per rimanere sconfitto, il signor W era determinato a fare tutto il necessario per ottenere la sicurezza del posto di lavoro nella sua professione scelta. Ciò ha incluso l'esplorazione dei suoi atteggiamenti e delle sue attitudini. Ha cercato aiuto psicologico. All'inizio del nostro lavoro insieme, il signor W ha sperimentato il blocco degli scrittori. Come ha spiegato, il gold standard per il suo comitato di revisione doveva essere più "pratico" nel suo approccio alla sua ricerca e impartire informazioni ai suoi studenti che li avrebbero aiutati a trovare posti di lavoro "reali".

Abbiamo lavorato attraverso la sua rabbia e la sua delusione ed esaminato alcuni problemi che hanno preceduto il suo terrore. Abbiamo scoperto le dinamiche familiari che esistevano nella sua infanzia e che hanno portato alla sua comprensibile paralisi scritta di fronte al rifiuto. Mentre esploravamo il divorzio acerrimo dei suoi genitori e la sua silenziosa paura, mai ammessa a nessuno, che si assumeva la colpa, abbiamo sbloccato importanti fantasie sul suo senso di colpa. Era stato un bambino di temperamento e pensava di aver causato problemi che hanno portato i suoi genitori a non voler stare con lui. La nostra analisi dei suoi pensieri e sentimenti ha portato a una nuova consapevolezza che non era stato rifiutato dai genitori. Mentre i problemi dei suoi genitori lo hanno chiaramente influenzato, non ne è stato la causa. Il signor W. è stato in grado di tornare alla sua scrittura con alcuni pezzi del suo puzzle psicologico in atto. Il suo Comitato di possesso, e le autorità dei genitori che rappresentavano in dislocamento, avevano risvegliato i suoi vecchi problemi di bassa autostima che abbiamo analizzato quando era emotivamente paralizzato. Era in grado di andare oltre questa situazione dolorosa. Di conseguenza, ha continuato l'arduo processo di possesso e ha portato la sua situazione a una soluzione positiva. In tal modo, divenne meno preoccupato di ciò che il Comitato pensava del suo lavoro e fu in grado di esprimere le sue idee sul suo nuovo contributo al suo campo. Il suo senso di autostima è aumentato drammaticamente. Sapeva di influenzare positivamente gli studenti sia con il suo insegnamento che con le sue ricerche.

Il signor W è stato catturato in una rete riguardo a una discussione sempre più pronunciata nel mondo accademico su chi dovrebbe essere garantito il possesso e la sicurezza del posto di lavoro – l'insegnante che impartisce un pensiero critico e creativo o l'insegnante che insegna le capacità lavorative e la preparazione del lavoro. Ma perché creatività e praticità si riducono a "o / o" domande sulla competenza e la promozione? Perché non "entrambi / e" rispetto al pensiero critico e all'acquisizione di abilità? Non sono sia il pensiero creativo che la preparazione del lavoro rilevanti per i laureati delle nostre scuole e per gli insegnanti che li istruiscono?

Nella sezione Opinion del New York Times dell'11 luglio 2011, Stanley Fish ha scritto una colonna "Vocationalism, Academic Freedom and Tenure" dove ha discusso un nuovo libro di Naomi Schaefer Riley, "The Faculty Lounges: Altri motivi per cui non lo farai Ottieni l'istruzione universitaria che hai pagato ".

Un nuovo libro mette in discussione quanto sia necessaria la libertà accademica nel contesto dell'istruzione superiore oggi. Fish esamina la tesi di Riley contro il possesso di professori la cui ricerca avanza la conoscenza, esplora le questioni controverse e sonda argomenti inesplorati. Riley sostiene che non c'è nulla di nuovo da dire e che molti accademici perseguono semplicemente i loro ristretti interessi di ricerca. A suo avviso, a questi insegnanti non dovrebbe essere concesso il possesso, e sostiene che l'istruzione superiore dovrebbe concentrarsi sull'acquisizione di competenze specifiche che includono la carriera e la preparazione del lavoro.

Molti professori o insegnanti o altri professionisti che aspirano al possesso della carriera, salendo la scala accademica verso la sicurezza del lavoro sono stati danneggiati dall'ansia, dal blocco degli scrittori e da altre inibizioni dell'ansia della performance di fronte al possibile rifiuto da parte dei Comitati. Tenersi in un ambiente accademico in cui i contributi innovativi alle arti e alle discipline umanistiche sono ridotti al minimo e le capacità lavorative massimizzate potrebbero portare alle università che rischiano laureati che non sono immersi nel pensiero critico e nella soluzione dei problemi.

Problemi simili sorgono nella stanza di consultazione. Non è insolito per le persone cercare aiuto psicologico quando si sentono bloccati e nel dolore emotivo. Sperano in risposte rapide. Se mi limitassi a fornire informazioni sull'ansia e avessi dato suggerimenti su varie abilità professionali, persone come Mr. W non riuscirebbero a risolvere i loro unici e complessi conflitti interiori che sono sensibili al rifiuto per ragioni sottostanti a loro ancora sconosciute. Il mio approccio è di aiutare le persone a esplorare e scoprire i loro peggiori critici interiori e i loro migliori sostenitori interiori – loro stessi. Il pensiero critico e analitico sono compatibili con le ricerche di lavoro e lo sviluppo delle capacità lavorative.

Per quanto riguarda i commenti di Fish / Riley sul possesso, sul pensiero creativo o sull'insegnamento delle capacità lavorative (e aggiungo abilità di vita), è evidente che vi è ampio spazio anche per / o contro entrambi gli approcci. Speriamo che gli obiettivi e il gold standard per il possesso, nonché per affrontare altre angosce della performance comprenderanno l'idea che c'è qualcosa di nuovo da scoprire sia nel mondo accademico che in se stessi.

Julie Jaffee Nagel, Ph.D. è uno psicologo-psicoanalista ad Ann Arbor, nel Michigan. Si è laureata alla Juilliard School con una specializzazione in pianoforte e una piccola paura da palcoscenico. Si è anche laureata all'Università del Michigan e al Michigan Psychoanalytic Institute. Nagel pubblica e presenta sui temi dell'ansia della performance, della musica e delle emozioni. Visita il suo sito Web all'indirizzo julienagel.net.

Solutions Collecting From Web of "Pubblica o muori?"