Pubblica e sii dannato

Bene, quale dovrebbe essere il mio primo blog per Psychology Today? Ho dato un'occhiata attraverso le pagine di aiuto e le cose da fare e da non fare su questo sito. La regola 2 è che non ci dovrebbe essere "auto-promozione sfacciata". Questo per me è un po 'duro per il momento dato che il mio blog è tutto sull'illusione di sé e questa è anche la settimana in cui un certo libro su questo stesso argomento è stato lanciato lo stesso autore nel Regno Unito. A rischio di incorrere nell'ira dei redattori (hanno il potere di strappare qualsiasi blog che sfidi le regole), quindi lasciatemi brevemente scrivere qualcosa che avevo dimenticato era il lato negativo della pubblicazione dei libri.

Ho pubblicato il mio primo libro di pubblico generale due anni fa. La prima volta, ho vissuto tutta una serie di emozioni e aspettative che ho semplicemente attribuito ai nervi dell'autore vergine. Tuttavia, nel corso dell'ultimo giorno, ho scoperto gli stessi pensieri e sentimenti riportati di nuovo con il mio secondo libro di scienze popolari, che rimarrà senza nome qui per placare gli editori di Psychology Today (suggerimento: non pensi che sia un titolo scattante? per il mio blog?).

Scrivo da anni come scienziato, ma i volumi accademici e i libri di testo non contano: quasi nessuno li acquista e raramente vengono criticati. Naturalmente, siamo tutti investiti emotivamente con i nostri giornali, ma finché vengono accettati, la pubblicazione è semplicemente un momento di orgoglio. In realtà, per me, quel momento di gioia nel giorno della pubblicazione degli articoli di giornale è un po 'svanito. Ricordo vividamente l'euforia di ricevere le prove del mio primo articolo scientifico nel 1986 (ero un bambino prodigio). Al giorno d'oggi, di solito è un file PDF elettronico allegato da un sito Web automatizzato che manca dell'umanità di quel trionfante momento di realizzazione scientifica. Il più delle volte, la pubblicazione finale appare online molto prima di qualsiasi documento fisico e la scopro solo quando qualcuno in una parte oscura del mondo, che non ha accesso alla biblioteca, mi manda una cartolina che richiede una copia cartacea. Devo quindi scaricarlo da Internet, stamparlo e inviarlo per posta.

Forse l'automaticità della pubblicazione di un diario negli ultimi anni spiega perché i giornali di riviste scientifiche mi entusiasmino meno. O forse sto semplicemente diventando un po 'lungo nei denti quando si tratta dei problemi dei critici difficili, della politica giornalistica e della vera e propria fregatura del tempo e degli sforzi degli accademici in tutto il mondo dell'editoria accademica. Naturalmente continuerò a pubblicare la mia ricerca e mi piace ancora la lettera di accettazione del redattore con revisioni minori, ma i libri di commercio sono un gioco completamente diverso. Sono molto più reali, più rischiosi, più spigolosi, un po 'come pubblicare il tuo nuovo album.

Un certo numero di noi accademici lo stanno facendo ora. Probabilmente troppi mentre gareggiamo per lo stesso territorio che è stato più abilemente occupato dai giornalisti professionisti che sanno scrivere per il grande pubblico sia in termini di stile accessibile che di cosa venderà. Sappiamo tutti chi sono. Tuttavia, noi accademici non dovremmo sentirci troppo rattristati. Abbiamo un lavoro a tempo pieno mentre questi ragazzi hanno letteralmente scritto per il prossimo stipendio. Facciamo tutti i compagni di letto scomodi mentre cerchiamo gli angoli e gli argomenti che non sono già stati trattati. Sta diventando molto difficile e non appena qualcosa di interessante appare all'orizzonte scientifico, puoi scommettere che finirà in un libro di commercio entro sei mesi, il tempo minimo necessario per passare dalle modifiche finali alla pubblicazione.

Quindi proseguiamo con le guerre del trade book. Sono sicuro che molti autori saranno d'accordo, all'inizio, il giorno della pubblicazione è un'arma a doppio taglio. Sì, c'è il senso del completamento e della realizzazione, ma quelle vibrazioni positive sono presto sostituite dall'ansia su come i tuoi sforzi saranno ricevuti. Dopotutto, che senso ha scrivere quando sarà stroncato dalla critica o peggio, non letto affatto. Alcuni scrittori vanno bene con critiche negative se i loro libri vendono bene perché possono sempre trarre conforto dal fatto che i critici sono scrittori falliti e che il pubblico lo sa meglio. Beh, almeno questo è quello che ci diciamo. Poi ci sono quei libri che ricevono "acclamazioni positive" positive, un eufemismo per "non vendere bene". Inevitabilmente, cerchiamo di rimanere distanti dal processo di valutazione da parte delle forze del mercato, ma in realtà siamo emotivamente sconvolti da recensioni negative e esaltato dal pollice in su e cinque stelle. Vorrei dire che sono al di sopra di questo, ma so che controllerò le mie valutazioni Amazon per l'ora della prossima settimana. Beh, almeno fino alla prossima idea e offerta del libro.

Solutions Collecting From Web of "Pubblica e sii dannato"