Può un occidentale pensare come un asiatico orientale?

Immagina di essere seduto da solo in una stanza buia. Sospesa sul muro di fronte a te c'è un'asta illuminata, che gira pigramente sul suo asse come un ago della bussola confuso. Intorno all'asta c'è una cornice rettangolare, anch'essa illuminata, che si inclina da una parte o dall'altra. Se ti fosse stato richiesto di regolare l'asta in modo che puntasse verso l'alto e il basso, il tuo giudizio sulla verticalità dell'asta sarebbe influenzato dall'orientamento del telaio?

Per quasi tutti, la risposta è sì, ma il grado di influenza varia geograficamente. In alcuni punti, l'orientamento della cornice ha scarso effetto sui giudizi di verticalità, ma in altri luoghi, le persone lottano potentemente per puntare la verga verso l'alto. Cosa sta succedendo qui?

Negli ultimi 20 anni, i ricercatori hanno costantemente osservato diversi modelli di percezione e pensiero in diverse società. A rischio di semplificazione eccessiva, gli occidentali tendono a pensare in modo più analitico e gli asiatici orientali tendono a pensare in modo più olistico.

Il pensiero analitico è uno stile cognitivo caratterizzato da un ragionamento logico, un'attenzione ristretta a oggetti importanti in primo piano e una convinzione che gli eventi siano il prodotto degli individui e dei loro attributi. I pensatori analitici tendono a "districare i fenomeni dai contesti in cui sono incorporati", secondo Michael Varnum e i suoi colleghi dell'Università del Michigan. Ecco perché gli occidentali sono meno influenzati dall'orientamento del frame nel test Rod-and-Frame. Più facilmente isolano l'oggetto focale – la verga – dal suo sfondo.

Il pensiero olistico è caratterizzato da un ragionamento dialettico, un focus sugli elementi di sfondo nelle scene visive e una convinzione che gli eventi siano il prodotto di forze e situazioni esterne. I pensatori olistici tendono a dare "ampia attenzione al contesto e alle relazioni", il che spiega perché i giudizi degli asiatici orientali siano fortemente influenzati dalla cornice inclinata.

I due modi di pensare sono davvero molto diversi. I pensatori analitici, ad esempio, sono più propensi dei pensatori olistici a commettere l' errore di attribuzione fondamentale, vale a dire l'ottimizzazione dell'impatto delle persone e la sottovalutazione dell'impatto delle situazioni nella spiegazione degli eventi. Sono anche più propensi a prevedere che una tendenza (ad esempio nel mercato azionario) persisterà e non invertirà la direzione.

Nessuno dei due stili cognitivi è superiore all'altro: sono semplicemente diversi. Né tutti in un particolare gruppo culturale pensano allo stesso modo. È abbastanza facile trovare pensatori olistici a Dallas e pensatori analitici a Taipei.

La maggior parte degli psicologi culturali concorda sul fatto che le differenze osservate nello stile cognitivo sono prodotte da differenze nell'orientamento sociale. Alcune culture, ad esempio nel Nord America e nell'Europa occidentale, promuovono un orientamento sociale indipendente che valorizza l'autonomia, l'auto-espressione e la realizzazione individuale. Altre culture, ad esempio nell'Asia orientale e in America latina, promuovono un orientamento sociale interdipendente che valorizza l'armonia, la parentela e il successo del gruppo.

Il legame tra orientamento sociale e stile cognitivo è fortemente supportato da studi recenti che mettono a confronto gruppi all'interno della stessa nazione. Gli italiani del nord, per esempio, sono più indipendenti dei meridionali e hanno maggiori probabilità di pensare analiticamente (vedi il nostro post precedente intitolato "Mucca, pollo, erba"). Gli agricoltori e i pescatori della regione della Turchia nel Mar Nero sono più interdipendenti dei pastori di un villaggio vicino e hanno maggiori probabilità di pensare in modo olistico.

Gli occidentali possono pensare come gli asiatici orientali? Assolutamente. E gli asiatici orientali possono pensare come gli occidentali. In effetti, molti di noi hanno la capacità di pensare analiticamente o olisticamente, a seconda del nostro stato mentale. Quando gli asiatici orientali sono incoraggiati a pensare alla loro unicità, spesso "inseriscono" il loro modulo mentale analitico, per così dire. Quando gli occidentali sono pronti a pensare alla loro relazione con gli altri, passano spesso a un modo di pensare più olistico. Il default (o l'abitudine) per la maggior parte degli occidentali, specialmente gli uomini, è pensare analiticamente, e il default per la maggior parte degli asiatici orientali è pensare in modo olistico. Ma ognuno di noi ha la capacità di pensare analiticamente o olisticamente, un talento che spesso non viene riconosciuto.

fonti:

Ji, L.-J., Peng, K., & Nisbett, RE (2000). Cultura, controllo e percezione delle relazioni nell'ambiente. Journal of Personality and Social Psychology , 78 (5), 943-955.

Knight, N., & Nisbett, RE (2007). Cultura, classe e cognizione: prove dall'Italia. Journal of Cognition and Culture , 7 , 283-291.

Uskul, AK, Kitayama, S., & Nisbett, RE (2008). Fondamento ecoculturale della cognizione: agricoltori e pescatori sono più olistici dei pastori. Atti della National Academy of Science degli Stati Uniti , 105 , 8552-8556.

Varnum, M., Grossmann, I., Kitayama, S., & Nisbett, R. (2010). L'origine delle differenze culturali nella cognizione: l'ipotesi dell'orientamento sociale. Indicazioni attuali in Scienze psicologiche , 19 (1), 9-13.

Solutions Collecting From Web of "Può un occidentale pensare come un asiatico orientale?"