Può troppe informazioni aumentare il rischio di guida in stato di ebbrezza?

Non c'è dubbio che la guida compromessa è una grave minaccia per la salute pubblica.

Solo negli Stati Uniti, gli incidenti automobilistici legati all'alcol rappresentano oltre 12.000 morti all'anno (circa il 40% di tutti gli incidenti mortali legati al traffico) e oltre 250.000 feriti all'anno. Nonostante i ripetuti annunci di servizio pubblico, il maggiore uso dei test di sobrietà sul campo e la condanna più dura per i recidivi, la guida compromessa rappresenta ancora una stima su uno ogni dieci arresti effettuati negli Stati Uniti (oltre 112 milioni di reati legati all'alcol ogni anno). In termini reali, però, questa è solo la punta dell'iceberg. Solo nel 2010, le indagini hanno mostrato che si stima che 4 milioni di adulti statunitensi abbiano ammesso di aver subito una guida compromessa almeno una volta l'anno, sebbene la maggior parte non venga mai catturata o condannata.

Ma perché la guida disturbata è così comune? Praticamente ogni guidatore è ben consapevole delle potenziali conseguenze della guida compromessa, sia che si tratti di un incidente grave o di essere arrestato per guida guasta. Ogni autista studente è obbligato a conoscere le leggi sul traffico relative all'abuso di alcolici insieme a numerosi annunci di servizio pubblico su televisione, radio e stampa. Sfortunatamente, la ricerca attuale tende a dimostrare che nessuno di questi tentativi di educare il pubblico è davvero così efficace nel frenare un comportamento potenzialmente dannoso.

Mentre siamo bombardati da avvertimenti sui pericoli di guida guasta, fumo, abuso di sostanze o cattiva alimentazione, rendere le persone consapevoli di questi rischi non porta necessariamente a loro a fare scelte diverse nella loro vita. Quando si tratta in particolare di guida compromessa, la ricerca sperimentale suggerisce che l'esposizione a messaggi sul consumo responsabile potrebbe effettivamente aumentare la probabilità di una guida compromessa in determinate circostanze.

Per capire le ragioni di ciò, è importante considerare i recenti progressi della psicologia motivazionale e il modo in cui valutiamo i costi e i benefici associati a qualsiasi comportamento potenzialmente rischioso. Con i fumatori, ad esempio, la brama delle sigarette spesso può ignorare qualsiasi preoccupazione per la salute, concentrandosi invece sugli aspetti positivi del fumo, cioè, essere più rilassati e alleviare la brama. Per le persone che hanno bevuto, la necessità di tornare a casa con il metodo più diretto (che in genere comporta la guida), può farle minimizzare i rischi effettivi associati all'essere compromessi sulla strada. Quando si tratta di annunci di servizio pubblico sulle conseguenze negative della guida compromessa, spesso possono decidere di ignorare o distorcere il messaggio che viene trasmesso e assumere che le conseguenze negative non si applicano a loro per qualsiasi motivo.

Un fattore particolare che entra in gioco quando si prendono decisioni sanitarie riguarda la necessità di chiusura (NFC). In generale, le persone che affrontano situazioni ambigue tendono a provare a risolvere quell'ambiguità in ogni modo possibile in modo che possano decidere come rispondere. Secondo gli psicologi sociali, il modo in cui raggiungiamo la chiusura dipende spesso da quanto urgentemente dobbiamo prendere una decisione e da quanto possa essere permanente la soluzione che abbiamo in mente. Per le persone con un forte bisogno di chiusura, questo spesso implica fare affidamento su qualsiasi informazione disponibile per prendere una decisione rapida, indipendentemente dal fatto che tali informazioni siano accurate o meno. Ad esempio, quando si tratta di guidare in condizioni di handicap, qualcuno con un forte bisogno di chiusura sottovaluta i potenziali rischi coinvolti e si limita a concentrarsi sul fare quanto necessario per tornare a casa il più rapidamente possibile. E questo potrebbe includere un'interpretazione errata di qualsiasi informazione che potrebbe interferire con tale obiettivo.

Un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Health Psychology esplora il legame spesso paradossale tra educazione pubblica e rischio di guida in stato di ebbrezza utilizzando tre studi di ricerca. Condotti da Mark B. Johnson del Pacific Institute of Research and Evaluation e Catalina E. Kopetz della Wayne State University, gli studi hanno esaminato i diversi processi cognitivi che le persone spesso usano per prendere decisioni relative alla salute e che cosa può significare per i conducenti con problemi.

Nei loro tre studi, Johnson e Kopetz hanno reclutato partecipanti alla ricerca dall'area di attesa di un ufficio dell'Amministrazione dei veicoli a motore del Maryland e da studenti in una grande università dell'Atlantico centrale. I partecipanti erano equamente divisi tra maschi e femmine e avevano un'età compresa tra 18 e 56 anni. Oltre a compilare questionari che misuravano la NFC e fornire informazioni demografiche, i partecipanti hanno completato diverse misure considerando la probabilità di bere e guidare oltre a compiti cognitivi che misurano l'accessibilità di informazioni sul rischio relative alla guida compromessa. L'accessibilità si riferisce alla disponibilità di determinati ricordi, che a loro volta possono modellare il tipo di decisioni prese dalle persone sulla base di tali ricordi.

Ai fini degli studi di ricerca, l'accessibilità è stata misurata utilizzando i puzzle di ricerca di parole in cui i partecipanti hanno cercato per sedici parole durante un periodo di dieci minuti. Nella condizione di alta accessibilità, sei delle sedici parole erano direttamente correlate al rischio di guida compromessa (ad esempio, incidente, polizia, sterzata, arresto, rischioso, bevanda) mentre la condizione di bassa accessibilità utilizzava solo parole neutre. I partecipanti hanno anche completato i test di NPC e le dichiarazioni che descrivono i dilemmi etici relativi al bere e alla guida (ad esempio, se avrebbero richiesto un taxi per guidare se stessi anche se il taxi era meno conveniente).

In tutti e tre gli studi, oltre il 90% dei partecipanti alla ricerca ha riferito di guidare più volte alla settimana o giornalmente. Hanno anche sottolineato la maggiore praticità della guida che ha dato loro più mobilità rispetto ad altre forme di trasporto. Oltre il 60 per cento ha ammesso di guidare entro due ore da bere a un certo punto nei sei mesi precedenti. I ricercatori hanno anche trovato prove per un significativo effetto di interazione che collega la probabilità auto-riportata di guidare e l'accessibilità delle informazioni sul rischio, in particolare per i partecipanti con un alto NFC. Questo risultato è stato mantenuto indipendentemente dal sesso o dall'età del partecipante o dalla frequenza con cui hanno segnalato di guidare.

Come sottolineano nelle loro conclusioni Mark Johnson e Catalina Kopetz, continuiamo a essere bombardati da annunci di pubblica utilità, corsi di formazione per conducenti e storie dei media sui pericoli della guida compromessa. Per la maggior parte delle persone, tuttavia, la guida è vista come il modo più diretto e conveniente di tornare a casa e altre alternative, come prendere un taxi o affidarsi a un guidatore designato, possono essere considerate più lunghe e più difficili da organizzare. Essere consapevoli dei rischi associati alla guida compromessa spesso fa ben poco per impedire alle persone di fare scelte rischiose.

Le persone con un alto livello di NFC sembrano particolarmente inclini a sopprimere o ignorare le informazioni accessibili relative ai rischi di guida compromessa e possono semplicemente decidere che il vantaggio di tornare a casa supera rapidamente il rischio di essere scoperti o di finire in un incidente. Altri fattori che possono far sì che le persone trascurino il rischio di una guida compromessa e di aumentare la NFC possono includere la gestione di un limite di tempo (come la necessità di tornare a casa entro un certo periodo di tempo) o il loro giudizio compromesso da troppo alcool o affaticamento.

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche, questi risultati dimostrano che gli obiettivi personali degli individui possono spesso modellare il modo in cui rispondono agli annunci di servizio pubblico mettendoli in guardia contro comportamenti pericolosi o malsani. Le future campagne di servizio pubblico possono tentare di tenerne conto descrivendo comportamenti alternativi salutari piuttosto che avvertire la gente di potenziali pericoli. Ad esempio, piuttosto che basarsi su slogan come "Resta vivo, non bere o guidare", messaggi come "Prendi un taxi / Uber, non bere e guidare" potrebbe essere più efficace per molte persone.

In fin dei conti, tutti noi facciamo le nostre scelte di vita e questo include decisioni su comportamenti non salutari come guida guasta o fumo di sigaretta. Rassicurare a noi stessi che "non può succedere a me" fa spesso più male che bene e, come possiamo vedere dalla guida in stato di abbattimento dei pedaggi ogni anno, può sicuramente capitare a noi.