Può la filosofia farti freddo?

Domanda:

Caro Dr. Cohen,

Sono una ragazza haitiana (21 anni) con un ragazzo bianco (20 anni). Abbiamo incontri per 2 anni e 3 mesi. Quando ci siamo incontrati per la prima volta è stato come un fuoco d'artificio. Una volta che ha acceso, niente potrebbe fermarci. Siamo andati così d'accordo; era amore. Non è stato fino al mio comportamento irrazionale e alla mia gelosia che abbiamo iniziato ad avere argomenti all'interno della relazione, e il dolore e la sofferenza sono peggiorati. Era sempre il tipo razionale, ma a volte aveva ancora momenti di irrazionalità; aveva una rabbia intensa e problemi di personalità distruttivi. Quando lo incontrai per la prima volta, voleva diventare un ingegnere meccanico e studiavo nella stessa università, ma in seguito mi resi conto che la filosofia era la sua massima passione. Così ha cambiato il suo maggiore in filosofia. Avevamo passato così tanto al punto di autolesionismo, soprattutto per lui; abbiamo sfidato i nostri genitori e ci siamo trasferiti insieme; abbiamo attraversato difficoltà inimmaginabili solo per stare insieme. Detto questo, abbiamo avuto anche molte interruzioni, ma siamo sempre tornati insieme. Recentemente ha capito attraverso la filosofia che sta diventando più freddo non perché ha perso i sentimenti ma ha visto la verità dietro le emozioni; ha persino iniziato a manipolarlo in modo che non debba più sentirsi depresso o sentirsi arrabbiato per qualcosa, sia che si tratti del nostro problema relazionale o dei suoi genitori. L'ha persino usato per controllare la sua rabbia e molti altri problemi personali. Certo, a volte può scivolare, ma crede ci voglia tempo per migliorare il suo controllo mentale. Sente che sta diventando più freddo ed è troppo consapevole di ciò che lo circonda ora; la vita per lui è quasi un gioco. Ha realizzato che il suo obiettivo nella vita è diventare un grande filosofo che viaggia per il mondo per imparare e insegnare. Non può nemmeno sopportare di avere figli o animali domestici; non vuole portare una vita in questo mondo se non può garantire la sua felicità. Non sa se sono ciò che vede nel suo futuro più; tutto ciò che vede è la filosofia. Crede che litighiamo troppo; le nostre convinzioni e valori si scontrano. Ma allo stesso tempo mi ama così tanto da far male e non può lasciarmi. La nostra relazione è migliorata molto; siamo più maturi ora. Ma è ancora così poco chiaro su ciò che vuole in futuro. Si sente come se mi avesse dato tutto il possibile in questa relazione e non c'è più niente da dare. Per me voglio bambini e una vita da sposati stabile, ma lo amo così tanto che non posso lasciarmi andare. Sono persino disposto a rinunciare ai miei valori per lui in modo che possiamo stare insieme, ma non gli piace quell'idea e crede che non siamo adatti perché non abbiamo più gli stessi interessi. Crede di poter progredire come persona e come filosofo che deve lasciarmi alla fine, e sente di meritare una vita con una persona meno complicata in cui matrimonio e figli sono normali. Vuole essere solo e scoprire se stesso come persona e come filosofo. Ma allo stesso tempo sente che il suo attaccamento a me lo sta rendendo incapace di andarsene, ma pensa di poterlo lentamente superare con la filosofia e quindi è per questo che ha detto che diventerà più freddo al punto che non può sentire ma solo agire , perché la vita è un gioco per lui. Le emozioni offuscano i giudizi delle persone; se sono eliminati, permette alle persone di agire su ciò che vogliono piuttosto che su come si sentono. Eppure non riesce a smettere di pensare a me e così dice che rimarrà fino a quando i sentimenti non scompariranno, quando sarà possibile. La mia domanda è cosa dovrei fare? Lasciare o rimanere? Io lo amo così tanto.

La mia risposta:

Cara Natasha,

Tu dici che il tuo ragazzo crede che alla fine ("lentamente") possa superare il suo attaccamento per te attraverso la filosofia. Tuttavia, ciò che sembra indicato qui è una prospettiva filosofica su ciò per cui la filosofia può e non può essere usata razionalmente. Questo non è affatto un sostituto per la terapia. Indica che il tuo ragazzo ha "problemi di personalità distruttivi", che si è impegnato in "autolesionismo" e che è stato depresso. Questo suggerisce seri problemi psicologici di fondo per i quali dovrebbe contattare uno specialista di salute mentale.

Sulla base di quello che dici, sembra che il tuo ragazzo abbia scoperto il potenziale del pensiero filosofico per esporre idee irrazionali e per superare emozioni e comportamenti irrazionali. Tuttavia, sembra voler usare la filosofia per superare tutte le emozioni, anche quelle sane. Questo è un estremo che nessun filosofo (o psicologo) potrebbe consigliare in modo competente.

Qui, l'ammonizione di Aristotele per evitare gli estremi è rilevante. Ad esempio, la preoccupazione eccessiva è estrema, ma l'apatia e l'indifferenza sono un altro estremo. Allo stesso modo, tentare di usare la ragione per soffocare del tutto le emozioni è un estremo a cui Aristotele farebbe attenzione. Aristotele disse che gli esseri umani sono animali razionali. Ciò significa che per loro natura non possono essere puramente razionali. La cura appassionata per un'altra persona non è malsana a meno che non diventi ossessiva e interferisca con altri aspetti della vita razionale. Quindi non ha senso tentare di usare la filosofia per annullare la cura appassionata come se fosse una sorta di malattia.

Né la vita emotiva di qualcuno può ostacolare la ricerca della filosofia. Non è necessario che le relazioni interpersonali prendano troppo tempo dalla riflessione filosofica. Questo è un altro estremo da evitare. Come ha sottolineato il famoso filosofo britannico del diciottesimo secolo, David Hume, la natura degli esseri umani li soddisfa per un "tipo misto di vita" in cui coltiviamo la nostra ragione, ma non escludendo gli aspetti sociali e pratici della vita. Troppa attenzione a una natura a spese di un'altra è distruttiva. Osserva Hume: "Sembra, quindi, che la natura abbia indicato un tipo misto di vita come il più adatto alla razza umana, e segretamente li ha ammoniti per non permettere a nessuno di questi pregiudizi di trarre troppo, in modo da renderli incapaci da altre occupazioni e divertimenti. "

"L'uomo", ha affermato Hume, "è un essere socievole, non meno che ragionevole." Quindi non è nella natura della natura umana cercare di dedicarsi al 100% alla coltivazione della propria mente attraverso la filosofia. Hai affermato che il tuo ragazzo vuole essere solo per scoprire se stesso come persona ma, secondo Hume, tale scoperta di sé può essere impossibile. Se Hume ha ragione, una parte essenziale della propria natura non può mai essere scoperta in un vuoto sociale.

È anche irragionevole esigere la perfezione dove non può essere avuto in questo mondo imperfetto. Quindi la paura di portare bambini nel mondo senza essere in grado di "garantire la sua felicità" si basa su una domanda irrazionale sul mondo, che non può offrire garanzie. Applicata coerentemente, una filosofia di garanzie impegnative prima di intraprendere qualcosa porterebbe solo a inattività e stagnazione.

Per quanto riguarda la tua volontà di rinunciare ai tuoi valori per mantenere il tuo ragazzo, Jean Paul Sartre ha ammonito, quando le persone cercano di rinunciare alla propria libertà e responsabilità personale conformandosi alla volontà degli altri, si perdono. Da questo punto di vista, è solo vivendo secondo le tue luci morali e sociali che troverai la realizzazione.

Auguri,

Elliot D. Cohen, Ph.D.

Se hai domande o problemi con problemi di vita per i quali ti piacerebbe avere una prospettiva filosofica, puoi postarli come commenti o scrivermi a elliot.d.cohen@instituteofcriticalthinking.com

Solutions Collecting From Web of "Può la filosofia farti freddo?"