Può correre assumersi la responsabilità di un crimine motivato da motivi razzisti?

Le cognizioni e le percezioni sociali delle persone riguardo agli eventi reali sono più complicate delle loro prestazioni in contesti di laboratorio controllati. Il modo in cui le persone (in particolare i mezzi di informazione) descrivono e spiegano il crimine motivato da pregiudizi sembra deviare e sfidare i risultati nella letteratura di attribuzione della psicologia sociale.

Le questioni includono: (1) la tendenza ad assegnare la responsabilità alle vittime per la loro vittimizzazione, piuttosto che al trasgressore (vedi il mio post precedente: "La vittima causa il crimine di odio?"), (2) una tendenza a fare il attribuzione esterna per la violenza (es. enfatizzare eccessivamente l'affiliazione del gruppo del trasgressore come spiegazione del loro pregiudizio) e (3) la confusione sul fatto che la "razza" rappresenti un gruppo funzionale che è in grado di assumersi la responsabilità di reati di matrice razziale . L'attuale discussione si concentra sui restanti due problemi.

La teoria dell'attribuzione, come pioniere di Fritz Heider, Hal Kelley, "Ned" Jones, Lee Ross, Bernard Weiner e altri ricercatori, ha avuto un impatto immenso nei campi della psicologia sociale, della psicologia organizzativa, della salute mentale, dell'istruzione, tra gli altri. Uno dei principi chiave della teoria postula che gli individui attribuiscono le cause dei risultati e delle azioni in due tipi, comprese le attribuzioni "esterne" e "interne". L'attribuzione esterna o situazionale attribuisce la causalità a fattori esterni all'individuo, mentre l'attribuzione interna o disposizionale assegna la causalità a fattori all'interno della persona, come la capacità mentale, l'intenzione, la motivazione o altre caratteristiche interne. La distinzione tra i due è strettamente correlata alla determinazione della responsabilità della persona bersaglio. L'attribuzione non è affatto accurata. L'errore di attribuzione fondamentale si riferisce alla tendenza delle persone a enfatizzare eccessivamente le spiegazioni disposizionali o interne per il comportamento degli altri sottovalutando le spiegazioni situazionali.

È spiacevole che ci siano poche recenti indagini nel campo dell'attribuzione, sebbene restino da esplorare molte questioni psicologiche rilevanti. Ad esempio, la letteratura di attribuzione non ha adeguatamente spiegato la ragione di due stili di attribuzione opposti: le persone depresse danno la colpa eccessiva per le loro esperienze negative, mentre gli psicopatici, che possono trovarsi sia in carcere che in posizioni manageriali, non provano rimorso e nessuna responsabilità per tormentare gli altri. L'attuale discussione riguarda un'altra questione trascurata nella ricerca di attribuzione che riguarda l'errata percezione delle persone (in particolare dei media) sui fattori interni e situazionali per il crimine motivato da pregiudizi.

Per il crimine, la distinzione tra lo stato mentale dell'autore del reato (ad esempio, l'utilizzo delle differenze percepite tra l'autore del reato e la vittima per razionalizzare e generare il reato) e le affiliazioni razziali o di altro gruppo del trasgressore è chiara. Il primo è il fattore interno mentre il secondo rappresenta il fattore esterno. Sebbene una differenza nell'appartenenza al gruppo tra l'odio e la vittima sia spesso una condizione necessaria per definire il crimine di odio, riconoscere la differenza non è sufficiente per comprendere e superare le ambiguità nell'individuazione della trasgressione. Né ci sono prove che suggeriscano che altre persone che condividono la stessa appartenenza al gruppo con l'odio che offende (s) sostengano il crimine di odio. Ad esempio, un recente sondaggio dell'FBI mostra che c'erano meno dell'uno per cento dei membri di un particolare gruppo (ad esempio, di razza o religiosi) che erano coinvolti in crimini di odio (circa 7000 criminali motivati ​​dalla polarizzazione noti alla polizia nel Stati Uniti nel 2007). Poiché entrambi i trasgressori per reati di odio e persone rispettose della legge condividono le stesse appartenenze a un gruppo, la collettività tra criminali e non criminali è una spiegazione non valida per il comportamento dei criminali.

Tuttavia, senza esitazione, difficoltà e giustificazione, i mezzi di informazione tendono a generalizzare il crimine motivato dalla razza come una manifestazione di conflitto razziale o intergruppo, come se i criminali fossero i rappresentanti della loro razza e avessero implementato l'intenzione della categoria. È comprensibile che i contesti sociali, che interagiscono con la cognizione distorta del delinquente e le esperienze di apprendimento, svolgano un ruolo nel generare reati motivati ​​da pregiudizi. Tuttavia, l'errata attribuzione dei mezzi di informazione crea l'impressione che sia la razza del criminale o altre appartenenze a un gruppo, non l'autore del reato, che è responsabile del crimine. Parlare senza scrupoli di conflitti razziali aumenterà certamente la diffusione e il tasso di visualizzazione per i media, ma non crea alcuna comprensione sulla struttura e sui processi mentali del criminale che regolano il comportamento criminale.

Il problema finale è sia psicologico che politico. Sebbene i mezzi di informazione e molti ricercatori in scienze sociali considerino la "razza" come un "gruppo", le categorie razziali, che denotano collezioni di individui fenotipici correlati con alcune variabili sociali, non possiedono realmente le dinamiche di gruppo. Le componenti del gruppo chiave includono leader e seguaci che interagiscono o comunicano tra loro in base al loro ruolo o stato specificato da alcune regole o norme esplicite o non scritte, con le loro prestazioni caratterizzate da un alto livello di coesione e consenso normativo e da un coinvolgimento emotivo condiviso in valutazione e percezione dei significati e delle missioni delle loro azioni. Pertanto, a differenza di un'organizzazione o di una nazione che funge da suo agente, una categoria razziale non è un gruppo funzionale che ha le normali strutture burocratiche, può formulare e avviare decisioni e azioni, quindi può assumersi la responsabilità delle sue azioni.

In breve, invece di incolpare l'autore del reato, la spiegazione popolare sul crimine motivato da pregiudizi è caratterizzata dal biasimare il carattere distintivo della vittima e il tipo di appartenenza razziale o di altro tipo. Ci sono nuove spiegazioni psicologiche per le errate attribuzioni?

Solutions Collecting From Web of "Può correre assumersi la responsabilità di un crimine motivato da motivi razzisti?"