Psicoterapia mentre dormi

Sempre imparando

Non possiamo convincere la gente a imparare cose mentre dormono?

È stato un sogno (scusate il gioco di parole) di psicologi, medici, industriali e insegnanti per molti anni. Perché dovrebbero essere trascorse otto ore, un terzo della vita, in un modo così "dispendioso"?

Ora, le speranze di hype sui media si riaccendono con uno studio innovativo di Northwestern che tratta le "fobie" durante il sonno. Ciò che lo studio mostra in modo più efficace è qualcosa che il sonno non è un interruttore della luce in cui il cervello "si spegne", ma un tempo di apprendimento attivo e necessario.

Lo studio

A quindici partecipanti vengono date scosse elettriche che sono associate in modo comportamentale a volti e odori. Quindi gli odori vengono reintrodotti durante il sonno profondo, noto anche come sonno ad onde lente. Nell'ormone lento si produce l'ormone della crescita del sonno, si verificano parti del consolidamento dell'apprendimento e della memoria, sorge il bizzarro sonnambulismo e il corpo agisce come se fosse in coma. È certamente un momento interessante per provare "psicoterapia".

Se i partecipanti ricevono gli odori che si sono verificati durante la scarica elettrica, la loro "risposta" di paura, misurata dalla conduttanza della pelle e dalle risonanze magnetiche funzionali, scende.

Interpretazione

Media e risposta "professionale" potremmo essere in grado di trattare le fobie durante il sonno usando odori o altri stimoli. Gli autori sono opportunamente e sensibilmente abbastanza cauti su questo.

Accoppierà gli stimoli spaventosi durante il sonno Lavorare davvero per curare le fobie?

Non ancora.

Ragioni contro:

1. Questo era uno studio su persone sane senza fobie . Accoppiare scosse elettriche con facce anonime non è il modo in cui gli umani di solito sviluppano paure irrazionali. Inoltre le persone che sviluppano fobie hanno spesso genetica diversa, difficoltà di base con depressione e ansia e ambienti completamente diversi rispetto a quelli che non lo fanno.

2. Un sacco di persone sperimentano cose completamente orribili – come la guerra, lo stupro e l'omicidio – e non sviluppano le fobie. Altri con stimoli "minori".

3. La conduttanza della pelle potrebbe non dirvi molto sulle reazioni coscienti delle persone – che è ciò che accade quando una persona con una grave fobia del ragno ne vede una e salta fuori da una barca.

4. Non c'è paragone tra il risveglio ei trattamenti del sonno – e nessun paragone con le persone che hanno vere e proprie fobie. Finora, i trattamenti coscienti, che espongono gradualmente le persone a qualcosa che temono, sono buoni ma molto lontani dai trattamenti perfetti.

5. Non è così facile capire quando le persone sono in sonno ad onde lente, anche nei laboratori del sonno completamente attrezzati. I dispositivi commerciali attualmente disponibili che raccontano con orgoglio alla gente quanti secondi di deep, REM, stage 1, stage 2 e stage 3 hanno sperimentato ogni notte sono sia economici che imprecisi. Inoltre, non sarà così facile collegare in modo accurato, secondi dopo secondi record di onde cerebrali che comunicano immediatamente ai tuoi generatori di odori perfettamente a tempo di soffiare via quegli odori.

6. Molte persone con fobie anche gravi non sono sottoposte a trattamenti di esposizione. Anche se funziona meglio della maggior parte delle cose, le persone spesso preferiscono prendere una pillola piuttosto che affrontare consapevolmente le loro paure. Si agganciano alla notte con le macchine EEG e gli odori devono fare durante il sonno ciò che ignorano quando sono svegli?

Implicazioni reali

La Northwestern University ha un gruppo di ricerca sul sonno molto attivo e altamente produttivo. A parte l'iperventilazione mediatica, ci sono alcune cose utili da imparare da questo studio:

1. Anche quando le persone sono nel sonno profondo – così vicino al coma che spaventa i genitori privati ​​dei bambini del terrore notturno perché non riescono a svegliare i bambini – stanno ancora rispondendo agli stimoli esterni. Il fatto che rispondiamo agli stimoli durante il sonno è ben noto ai ricercatori, ma la maggior parte del pubblico non ha idea.

2. Un sacco di ciò che fa il cervello non è cosciente. Non cosciente. Anche se non possiamo "pensarci", tali azioni sono incredibilmente importanti. La maggior parte della funzione immunitaria, per un esempio critico, si verifica al di sotto della comprensione e della memoria cosciente. Le cellule immunitarie sanno. Il cervello lo sa. Noi no.

3. Le cose che ci vengono fatte mentre non siamo coscienti ci influenzano mentre siamo svegli.

4. Un sacco di apprendimento continua nel sonno. Un sacco di ricordi e ricordi si rifanno nel sonno. Gran parte del corpo viene sostituito durante il sonno. Succede tutto, anche se non ne sei a conoscenza.

5. Solo perché qualcosa non è cosciente non significa che sia una perdita di tempo.

Ciò che accade durante il sonno può verificarsi "sotto il cofano". Ma sta rifacendo l'intera macchina sotto il cofano. Pensare che il tuo corpo sia una sorta di macchina è una cattiva idea.

6. La maggior parte degli studi sul cervello guardano solo al materiale cosciente. Alcuni ricercatori ritengono che la stragrande maggioranza dell'attività cerebrale avvenga senza referenti coscienti. Tuttavia, troppo raramente ci sono studi come questo Northwestern che guarda a quale sia la parte più grande di ciò che fa il tuo cervello.

Vedere non è credere. Ricordare non è necessariamente un richiamo accurato.

Il corpo è un gigantesco sistema di informazione. La maggior parte del suo pensiero è fuori dagli schemi, ma dentro la tua testa.

Quello che non sai di sapere potrebbe non essere consapevole, ma è ancora la maggior parte di ciò che sai.

  • La nuova scienza della psichiatria animale
  • Devi essere forte
  • Come il mondo digitale sta aiutando la nostra salute mentale
  • Quando non hai tempo per scelte di stile di vita sano
  • Come Debbie Reynolds ci ha descritto in modo tragico, lo stress uccide
  • "Pink Viagra" -Non è così
  • Glutine: The Secret Stalker
  • Un segno di "Colpire il segno" in Psicoterapia
  • Alcohol e Sleeping Pills: una strana combinazione
  • Perché chiamarlo "alternativa?"
  • Quando il peggiore accade
  • Sollecitato sulla gravidanza? Non essere!
  • Nuove ricerche sulla salute mentale e sui tentativi di suicidio nei giovani lesbiche, gay, bisessuali e transgender
  • Gli americani sono sottoposti a una diagnosi eccessivamente aggressiva
  • Genitori e insegnanti: 6 modi per ispirare il cervello teenager
  • Terapia meritevole
  • The Building Blocks of Necrophilia
  • La vera narrativa della vita
  • Perché è così difficile perdere peso dopo gli antidepressivi?
  • Quello che non sai del sonno potrebbe ferirti
  • Quando guarda in uno specchio
  • Le onde cerebrali Alpha aumentano la creatività e riducono la depressione
  • Buon compleanno Emily Bronte: Sex & Romance Expert!
  • Kids in Pain, Part 1: Chronic vs. Acute Pain
  • "Slow Work of God"
  • La scienza mostra che gli animali in gabbia si annoiano davvero
  • Lesioni invisibili: sindrome post-concussionale.
  • Qual è il rapporto tra disturbi alimentari e traumi?
  • Come la domanda di scaling può aiutarti a ridurre lo stress del 20%
  • Cosa fare se il tuo partner è irritato cronicamente
  • Rispetto a What: A Second Look
  • Nascita a modo tuo
  • Riflessioni sulla memoria e il vantaggio inaspettato del dimenticare
  • Il ritratto della malattia mentale su 13 motivi di Netflix Perché
  • Going Viral
  • Usando il tuo Dosha per curare la depressione