Psicosi e creazione della poesia

Trascrizione verbatimica paziente-schizofrenica:

Non sono mai stato confuso tanto quanto sono stato di recente. La confusione non era niente per me. Era divertente. Adoravo l'arte, mi piaceva avere le mie mani in ogni singola cosa in cui potevo metterli. E quando sono qui non ho le strutture per scavare nel giardino e mettere i piedi nel fango e posso solo ' t sopportare quella … sensazione. Io, ho bisogno di essere libero come la maggior parte di noi, perché mi sento un uccello quando sono in aria per qualsiasi lunghezza. Mi sento un uccello quando scio, mi sento come se potessi volare se ci provassi davvero, ma non ci proverei perché, hey, è fuori dal mio potere. Forse un giorno lo perfezioneranno in modo che una persona possa volare senza … camminare. Ma è meglio sbrigarsi! Perché ci sono troppi ragazzi sulla strada in questo momento. “

Non c'è alcun dubbio su questo: le persone che soffrono di schizofrenia dicono le cose più maledette. Di fatto, le persone che soffrono di schizofrenia, anche quando sono in terapia, spesso dicono o scrivono cose che sono intriganti, ambigue, persino metaforiche. A volte parole e idee apparentemente poetiche, profonde e significative si riversano virtualmente. Inoltre, è vero che poeti molto buoni, anche grandi, a volte sono abbastanza disturbati. Questo significa che dobbiamo prendere le parti? Nonostante ciò che ho scritto in precedenza riguardo i processi di articolazione non psicotica, janusiana, omosessuale e settica nella creatività, dobbiamo supporre che possa esserci qualche affinità tra l'immaginazione poetica e la malattia mentale, in particolare la schizofrenia? Oppure, dovremmo prendere la lancia e caricare San Giorgio contro le mostruose intimazioni sui poeti e la poesia che amiamo? Peggio ancora, affermiamo che la schizofrenia e le condizioni correlate sono stati validi di essere in un mondo pazzo e che la sofferenza della persona gravemente disturbata è ancora un nobile e necessario concomitanza di grandezza, visione poetica e vera moralità? Nessuna di queste asserzioni è valida per quanto riguarda la poesia o qualsiasi altro campo della creatività. Affermare che un poeta è schizofrenico o che un poema è in parte derivato da processi di pensiero schizofrenici non dovrebbe essere un giudizio di valore sul poeta o sul poema; la poesia e le persone sono giudicate dai loro effetti, non dalla malattia o da altre forze che li hanno resi come sono. Piuttosto, i malati vengono giudicati in base a ciò che fanno riguardo alle loro malattie.

Il guadagno nel considerare la relazione tra schizofrenia e poesia arriva da un altro quarto rispetto all'arena consumata dal tempo in cui vengono combattute le asserzioni eroiche. Negli ultimi tempi è stato spesso sostenuto da poeti, insegnanti e professionisti della salute mentale che la poesia è – o dovrebbe essere – un'effusione diretta di processi inconsci, un precetto derivato dalla mistica errata che si riferisce alle fonti inconsce di tutta la creatività. Di conseguenza, alcuni insegnamenti di scrittura di poesie, sia a livello di adulto che di college, sottolineano come aiutare gli studenti a "liberarsi", a diventare insensibili, oa entrare in contatto con i loro sentimenti e conflitti di base. Astenendosi dalle critiche dirette della poesia dei loro studenti, gli insegnanti – spesso no, gli insegnanti che sono essi stessi poeti – si concentrano sugli studenti stessi e parlano con loro delle loro vite, delle loro esperienze e dei loro problemi. Ora, la condizione psicotica schizofrenica sembra essere il banco di prova naturale per il tipo di posizione che assumono questi insegnanti quasi terapeuti. In senso tecnico, l'effusione diretta dei processi inconsci è la condizione sine qua non della schizofrenia perché le persone che soffrono di questa condizione non sono in grado di gestire le difese e altre forme di dominio adattivo che mantengono questi processi sotto controllo per la maggior parte di noi. Se la poesia fosse in realtà il risultato di un'effusione diretta di processi inconsci, la schizofrenia e la creatività poetica sarebbero equivalenti. Ma non è necessario invocare un uomo di paglia così facilmente respinto per giustificare una considerazione di poesia e schizofrenia o, più specificamente, di poesia composta da persone con schizofrenia; insegnare la scrittura di poesie è abbastanza complicato e, nonostante la debolezza della loro teoria, alcuni insegnanti possono aiutare gli studenti con un approccio comprensivo. In effetti, insegnare la poesia agli studenti schizofrenici è incredibilmente difficile, ma mette in evidenza i problemi dell'ampia aula di poesia da un lato e, oltre a concentrarsi su questioni letterarie importanti dall'altro, correzioni di struttura poetica e significato potenzialmente aiutare i pazienti schizofrenici con i deficit cognitivi della loro condizione. Inoltre, gran parte della scrittura di questi studenti può risultare buona.

Ecco una poesia di una persona che soffre di schizofrenia:

tempo per una certa preoccupazione per i suoi desideri, le sue speranze;

tempo di piangere per il dolore che ha causato.

tempo di essere in pace con le mie delusioni.

tempo per l'addio abbraccio che non ho mai avuto.

tempo per la mia anima vagabonda di rinascere in qualcosa di meglio del passato …

le fragranti lesbiche passano

cromo e candele accendono pensieri esplosivi

a volte mi chiedo dove sia il mio

il padre è ma conosce la sua sanità mentale

è in vacanza con lui.

la mia ragazza anoressica

vomita nel suo odio per me.

mia madre mi dice di dipingere

sulla sua tela ma è esplosa

le mie mani con il fucile che

lei tiene armato nelle sue mani

mirato alle mie gambe che tremano

con la paura del mio tanto atteso viaggio a Gerusalemme.

L'immagine di arresto della madre con la pistola in mano è troppo forte o troppo drammatica per il resto del poema, oppure è la parte migliore del poema e richiede un maggiore sviluppo e coerenza con le altre immagini utilizzate? Qui, la domanda di un terapeuta viene alla ribalta: lo studente è così motivato a comunicare le sue difficoltà a un ascoltatore comprensivo che il pensiero su sua madre si intromette per interrompere le istanze di linguaggio poetico stretto e eccitante e le strutture della stanza, "le fragranti lesbiche camminano di"; "Le candele accendono i pensieri esplosivi"; "La sua sanità mentale è in vacanza con lui"?

Non commetterci errori, la domanda terapeutica su questa sezione del poema è anche una domanda dell'insegnante di scrittura creativa. L'insegnante dovrebbe cercare di aiutare questo studente con il poema entrando in una discussione dei pensieri e dei sentimenti a cui si è alluso in queste righe nella speranza che ulteriori rivelazioni e / o risoluzioni di tali sentimenti possano rendere migliore la poesia (e incidentalmente essere terapeutiche per anche lui)? No, sembra essere l'approccio sbagliato. Anno dopo anno in numerosi contesti didattici, è stato provato un simile approccio, e il risultato è stato che né lo scrittore né la poesia sono migliorati. Ci sono ragioni complesse che dovrebbe essere così, ma la questione essenziale è la natura dell'impresa di scrittura creativa: lo studente sta tentando coscientemente di scrivere poesie, non impegnandosi in psicoterapia. L'attenzione di un insegnante sulla comunicazione dei problemi rafforza piuttosto che attenua una tendenza dirompente nella sua scrittura poetica e, alla fine, lo frustra. Ci sono molti modi per aggirare questa difficoltà. Uno dei modi in cui i buoni insegnanti di scrittura creativa (e terapeuti) hanno trovato un significato è enfatizzare l'obiettivo dell'unità poetica. Per illustrare questo approccio:

INSEGNANTE: L'ultima strofa è, penso, abbastanza eccitante. Ci sono molte immagini vivide e l'impatto emotivo è forte. Ma guardiamo alcune delle immagini per vedere cosa sta succedendo:

– le fragranti lesbiche passano

Pensieri esplosivi -igniti

-Questa sanità mentale è in vacanza con lui

Sanity on vacation Used with permission
Fonte: Sanity in vacanza Usato con permesso

-vomita nel suo odio per me

-paint sulla sua tela

-Scosso dalle mie mani

-il mio tanto atteso viaggio a Gerusalemme-

Vedi qualche difficoltà qui? No? Beh, certo, prendere qualcosa in poesia fuori dal contesto lo distorce sempre, ma dimentichiamolo per il momento e vediamo se possiamo capire qualcosa su ciò che sembra non funzionare nel poema. Non puoi? Bene, ecco la domanda: tutte queste immagini si incastrano? Le frasi "le fragranti lesbiche passano", "il cromo e le candele accendono i pensieri esplosivi", "la sua sanità mentale è in vacanza con lui" e "il mio tanto atteso viaggio in Gerusalemme" sembrano tutti legati l'uno all'altro e al contesto del poesia. Tu, lo speaker poetico sei seduto e in attesa; queste immagini si riferiscono ad alcuni contenuti o azioni, ad esempio, le persone che camminano, le macchine che passano, vanno in vacanza, fanno un viaggio. Oh sì, c'è un altro tema: ti trasferisci dalle tue lesbiche alla tua ragazza a tua madre. E, naturalmente, il fucile puntato sulle tue gambe ha molto a che fare con la tua attesa, il tuo viaggio e forse anche la salute mentale di tuo padre in vacanza con lui. E allora? Bene, come si inserisce il vomito anoressico o, per quanto interessante e evocativo, come fa tua madre a dirti di "dipingere sulla tela" in relazione a queste altre idee e immagini? Cosa dovresti fare? Lavora di più sul poema, pensiamo. Le immagini di cui parlavamo, alcune di loro, sono molto eloquenti e poetiche: la sanità mentale in vacanza, il fucile puntato sulle gambe e forse anche le fragranti lesbiche. Scopri cos'altro puoi fare con tutto questo.

Solutions Collecting From Web of "Psicosi e creazione della poesia"