Psicologia positiva e Cina

Lo scorso agosto, ho trascorso due settimane nella Cina continentale, tenendo dei discorsi con il mio collega Nansook Park a due conferenze a Pechino, la prima ospitata dalla Tsinghua University e la seconda dalla Beijing Normal University. Queste furono le prime conferenze in Cina dedicate alla psicologia positiva.

Non ho ancora scritto commenti sul blog sulle mie esperienze in Cina, forse perché erano così personali. Ho sempre detto che ci sono due tipi di esperienza che contano, quelli che si divertono nel momento e quelli che si divertono dopo perché si può pensare e parlare di loro. Le mie esperienze in Cina sono state tanto nella prima categoria che ho resistito nel collocarle nella seconda categoria. Un mio sogno per tutta la vita – a partire da un bambino cresciuto nel Midwest degli Stati Uniti – era di visitare la Cina, e alla fine è successo. Tra le conferenze, abbiamo cercato di visitare il maggior numero possibile di luoghi, tra cui la Città Proibita, Piazza Tiananmen, la Grande Muraglia e la città di Xi'an per vedere i Guerrieri di Terra Cotta. E il cibo era incredibile, specialmente gli gnocchi di Xi'an.

Christopher Peterson – Psicologo positivo di Terra Cotta

Sebbene mi sia piaciuto molto il mio giro turistico e i miei pasti, i momenti salienti del mio viaggio hanno coinvolto tutte le mie esperienze con le persone. Ho adorato i cinesi che ho incontrato! Non parlavamo di politica con nessuno – dopo tutto erano i nostri padroni di casa – e sono sicuro che potremmo essere in disaccordo sulle cose. Ma i nostri ospiti erano decenti, diligenti e gentili … e divertenti! Questa è una parte importante di ciò che conta, indipendentemente dalle politiche nazionali.

In particolare, abbiamo incontrato numerosi studenti di psicologia universitari e laureati – per lo più donne, come negli Stati Uniti – che erano incredibili oltre ogni immaginazione, ma anche gentili, gentili e solidali. Hanno fatto tutto il possibile per rendere i loro ospiti – noi – sentirsi a proprio agio e per assicurare che ci siamo goduti la nostra visita. La loro disponibilità è stata genuina e al di sopra e al di là di tutto ciò che ho mai sperimentato. Il punto è che la psicologia positiva non dovrebbe essere semplicemente un'esportazione. Dovrebbe anche comportare l'importazione, e quelli di noi nel mondo occidentale hanno molto da imparare da quelli che sono altrove, compresa in particolare la Cina.

Contribuire al mio godimento della mia esperienza in Cina è stato il fatto che sono un americano alto (6'3 ") e grande (cioè grasso) che ha fornito una foto frequente per i cittadini lì. A quanto pare i cinesi amano fare fotografie, e ho perso il conto di quante volte ho fatto la mia foto alle conferenze e per strada da gente casuale. Immagino di avere un aspetto diverso – esotico? – al tipico residente cinese. Freddo. Non sono mai stato esotico in tutta la mia vita.

Durante la mia visita alla Grande Muraglia, mi sono preso una pausa e mi sono riposato mentre il resto del mio gruppo si è fatto avanti. Ma il mio tempo non è stato inutile, perché numerosi visitatori cinesi mi hanno contattato e mi hanno chiesto se potevano fotografarmi, invariabilmente con il loro bambino. La mia autostima va bene, grazie, ma non ho mai pensato di essere tra le sette meraviglie del mondo! Ma ho acconsentito felicemente.

I bambini mi seguivano spesso in giro. Abbiamo riso e sorriso, anche se non potevamo comunicare altrimenti. Tutti i bambini sono carini e i bambini cinesi che mi hanno seguito hanno sciolto il mio cuore.

Uno dei miei incontri preferiti è stato con un ragazzo – forse di otto anni – a Xi'an che mi ha coraggiosamente avvicinato e allungato il collo. Ha detto "ciao" tonalmente, pronunciandolo come il Mandarin nee-how (ciao). Ho detto ciao indietro.

Ha poi detto al mio ospite qualcosa che non voleva tradurre, ma ho insistito. A quanto pare ha detto, "Sono contento di non essere un americano."

Ho chiesto il perché, che è stato doverosamente tradotto dal mio ospite scomodo.

Rispose: "Se fossi un americano, dovrei parlare inglese e non parlo inglese molto bene".

È stato un momento piagetiano oltre il prezioso. Il mio ospite ha cercato di spiegargli che se fosse americano, parlerebbe davvero inglese. L'ho interrotta, dicendo (a lei) che il ragionamento controfattuale non era dove lui era. Ho semplicemente urtato i pugni con il ragazzino ed entrambi abbiamo sorriso. Mi ero fatto un amico per la vita.

Ad ogni modo, ho deciso che potrebbe essere interessante per voi lettori condividere alcune delle mie impressioni sulla Cina nei confronti della psicologia positiva.

In primo luogo, c'era un grande interesse per la prospettiva della psicologia positiva. Con il crescente benessere della Cina, c'è preoccupazione per l'impatto negativo della ricchezza sulla salute mentale e il benessere della sua gente a causa del materialismo e dei conflitti con i valori tradizionali. C'è una preoccupazione speciale per le nuove generazioni. Non solo fanno parte di una cultura globale, ma sono anche soggetti a enormi pressioni per il successo. Queste pressioni sono esacerbate dalla "politica del figlio unico" perché le aspettative della famiglia si concentrano necessariamente su quel bambino. Numerosi giovani ci hanno detto che sono cresciuti soli e stressati.

Originariamente pensavamo che dovremmo usare gli eufemismi per la felicità nel parlare ai nostri ospiti, per non essere licenziati come edonisti poco profondi. Ma non preoccuparti. I cinesi vogliono che la loro gente, e specialmente i loro figli, siano felici. Quindi i loro problemi potrebbero essere ridotti al minimo. Sono d'accordo, ma l'apertura cinese alla teoria della felicità e alla ricerca è stata comunque sorprendente. Ci sono naturalmente differenze culturali in ciò che costituisce la felicità legittima, ma è anche ovvio che la felicità è un desiderio universale.

In secondo luogo, la Cina è grande – davvero grande, non solo geograficamente ma per popolazione – e altamente centralizzata. Qualcosa che ho imparato che ho ancora difficoltà a girarmi intorno è che dal 1949, la Cina ha avuto solo un fuso orario, al contrario dei cinque fusi orari che avrebbe garantito in qualsiasi altra parte del mondo. Il punto è che se e quando la Cina deciderà di implementare idee e interventi da parte della psicologia positiva, la scala di ciò che farebbe sarebbe sbalorditiva. Alla conferenza dell'Università Normale di Pechino, sulla psicologia e l'educazione positiva, hanno partecipato educatori responsabili collettivamente di quasi 300 milioni di studenti nelle scuole primarie e secondarie.

In terzo luogo, la Cina è diversa dalle nazioni occidentali e in particolare dagli Stati Uniti in termini di importanti valori culturali con implicazioni per la ricezione della psicologia positiva. La Cina non è solo una cultura altamente collettivista, ma anche una che ha una prospettiva molto lunga sulle cose. Spesso abbiamo sentito parlare del punto di vista "sette generazioni", il che significa che i cinesi tengono conto delle conseguenze delle politiche per almeno sette generazioni future. Gli psicologi positivi negli Stati Uniti si concentrano spesso sui benefici individuali e a breve termine dell'attenzione alla felicità e al benessere. Un fondamento logico in questi termini perderebbe la barca in Cina. Invece, l'enfasi dovrebbe essere sui benefici della psicologia positiva per il gruppo e per le generazioni future.

È stato detto che ci sono pochissime differenze tra le persone. È stato anche detto che quelle differenze che esistono sono molto importanti. La mia visita in Cina ha sottolineato entrambe queste verità.

Vedere per credere. Se puoi, visita e vivi una parte diversa del mondo, specialmente le persone che vivono lì. Ti cambieranno e tu a turno li cambierai.

Possiamo solo sperare in meglio in entrambi i casi.

Immagina …

Solutions Collecting From Web of "Psicologia positiva e Cina"