Psicologia: lo studio dell'anima?

Psiche: il concetto di base

Chi possiede la mente? Sono i credenti nello spirito, quella "cosa" illusoria che non è una cosa, ma in qualche modo risiede nel cervello. . . o è il cuore? Gli scienziati possiedono la mente? Quei dissettori e comprensori che negano qualcosa solo perché non l'hanno ancora visto? Prima che Wilhelm Wundt aprisse il primo laboratorio di psicologia sperimentale nel 1879, non esisteva una disciplina accademica della psicologia separata dalla filosofia e dalla biologia. Forse avrebbe dovuto rimanere così almeno per un po ': lo studio della mente da una prospettiva fisiologica come sottocampo in biologia e lo studio della mente da una prospettiva concettuale come sottocampo della filosofia.

Sebbene oggi ci siano più problemi psicologici che possono essere trattati in modo significativo e affidabile da un particolare approccio psicologico rispetto a cento anni fa, rimane il fatto che per la maggior parte dei disturbi psicologici, le scuole di pensiero o l'orientamento accademico non sono correlate al trattamento di successo. Piuttosto è la somiglianza di background e valori e la creazione di un rapporto di fiducia che è più correlato con la psicoterapia di successo. Inoltre, per la comune "nevrosi", la terapia di conversazione con un professionista esperto (o anche un familiare fidato) è più efficace a lungo termine rispetto ad un trattamento di durata equivalente con qualsiasi farmaco. Soprattutto perché molti farmaci iniziano a ritorcersi contro l'uso prolungato-ritorni di fiamma a causa della tolleranza e degli effetti collaterali, dove il beneficio comincia a essere superato dagli inconvenienti. L'attuale tendenza a prescrivere un farmaco, semplicemente perché funziona inizialmente, è errata. Dobbiamo trovare combinazioni di trattamenti che sono esplicitamente scelti per essere efficaci senza ricaduta quando la sostanza chimica viene finalmente ritirata.

C'è un ruolo importante svolto dai professionisti della guarigione che combattono per fermare la patologia e il danno che incorre. C'è anche un ruolo importante da parte di coloro che cercano di guidare una vita sana e matura per prevenire l'avvento della patologia, in particolare la patologia causata dalle scelte di vita, usando la riduzione del danno, non la moralizzazione. L'approccio psicologico che descriverò in seguito è principalmente orientato a facilitare e guidare una buona maturazione e, in misura minore, a combattere la vera patologia, tranne che nelle circostanze di emergenza.

Psicheologia: lo studio dell'anima

Questo blog integra la mia evoluzione nella discussione sull'uso di sostanze psichedeliche per la guarigione. Posso illustrare questo punto definendo una parola che ho creato e mi piace usare nella mia pratica, la parola psicheologia. Non troverai la parola psicologia in nessun dizionario (ho cercato). Piuttosto, è una parola inventata – un neologismo (dal greco: neo che significa "nuovo" e loghi che significa "parola" o "affermazione", o suono significativo, informazione come energia modellata). La psicologia è una parola che ho creato nel mio sforzo per reclamare il vero significato originale della parola psicologia.

La parola psicologia deriva dal greco psukhe, che significa "anima", "spirito", "mente", "vita" e "respiro", combinati con il logos greco, qui usato come "dichiarazione", "espressione" e " discorso, "più spesso pensato di oggi sotto forma di" -ologia ", come" lo studio di ". Sebbene la disciplina accademica e clinica della psicologia sia diventata un campo medico-e quindi orientato alla patologia, prima del ritardo 1800, lo studio della nostra vita mentale interiore era lo studio della nostra anima, il nostro sé o essenza più profondo.

Il mio scopo nello scrivere questo blog è di portare psicologi, miei clienti e tutti noi alla psicologia come lo studio della psiche, a concentrarsi sul terreno del nostro essere, verso l'anima, perché è questa parte di noi che è la prima, la più profonda e la parte più autentica di noi. Da una prospettiva psicoterapeutica, la psiche è la parte di noi che è la più influente nell'effettuare i cambiamenti comportamentali e nel migliorare l'autostima. Non a caso, è anche la parte di noi che vediamo illuminata durante l'esperienza psichedelica, ed è questa illuminazione della nostra vera natura (o la corrispondente "morte" della nostra identificazione con l'ego) che spiega il valore terapeutico del esperienza psichedelica. Questo effetto è simile al concetto di vibrazione simpatica; in cui una forcella di sintonizzazione ancora messa in contatto con una vibrante inizierà a vibrare alla stessa frequenza. Se la nostra attenzione o identità cosciente viene messa in contatto con la consapevolezza del nostro terreno più profondo dell'essere, la nostra consapevolezza cosciente suscita o si identifica con – diventa – lo stesso profondo senso di sé. Siamo trasformati – trasformati – in identità con il vero sé che abbiamo abbandonato nella nostra ricerca infantile per l'amore dei genitori.

Per favorire questo processo di reidentificazione, dobbiamo arrivare a vedere gran parte del comportamento ora etichettato come "nevrotico" non come patologico, ma come risposta naturale dell'organismo agli stress evolutivi e ambientali sulla via della maturazione. Da questa prospettiva, la "nevrosi" è vista come una sfida evolutiva – il superamento di cui porta maturità o saggezza – piuttosto che come patologia.

Il termine nevrosi, come generalmente applicato, non è accurato o utile. In effetti, una delle influenze più negative sulla salute mentale è il concetto stesso di "malato", che si irrigidisce e distorce, impedendoci un naturale sviluppo e riallineamento.

In sostanza, abbiamo bisogno che gli psichiatri (medici che possono prescrivere trattamenti medici e, al giorno d'oggi di solito farmacologici) trattino veri disturbi comportamentali basati sulla biochimica, come il disturbo ossessivo-compulsivo e la schizofrenia, e restituiscano la pratica clinica della psicologia allo sviluppo del psiche, in tutta la sua bellezza e complessità, come un fenomeno naturale non medico.

Ad eccezione di queste malattie biologiche, la psicologia deve essere vista come la scienza della maturità spirituale. Chiamiamo le persone "nevrotiche" quando, in realtà, non è una malattia medica di cui soffrono, ma immaturità spirituale. Dobbiamo ridefinire anche la spiritualità, non come soprannaturale, ma semplicemente come il naturale dispiegarsi verso il saggio, maturo fine della curva normale della psicologia dello sviluppo umano.

Nella mia pratica, trovo più e più volte che la comprensione della visione d'insieme, l'ascolto attivo e la fondamentale considerazione positiva funzionano meglio. Dal mio punto di vista, la "guarigione" ha luogo solo quando ci troviamo al di sotto della nostra moderna imago, persona o personalità, per riposare al suolo del nostro essere – per dispiegarsi naturalmente secondo il nostro modello interno perfetto per lo sviluppo. Questo processo richiede e facilita l'emergere dell'auto-accettazione e della volontà.

L'approccio psicologico alla psicoterapia

Riassumendo, nel loro approccio ai clienti, i terapeuti con la visione psicologica del mondo tenderanno naturalmente a esprimere molti approcci dal seguente elenco di filosofie e metodi:

  • La psicologia riguarda l'esperienza diretta del fondamento del nostro vero sé. Voglio sottolineare che in psicologia, non stiamo parlando della personalità, ma del vero, originale sé – il sé che siamo nati come, prima che i nostri genitori "ci avessero". Il nostro vero, originale sé giace sotto la nostra personalità, nel terreno transpersonale del nostro essere, nel nostro nucleo.
  • Come neonati, siamo tutti perfetti. Ovviamente tutti noi abbiamo delle differenze individuali alla nascita, come le forme ad ampio raggio degli alberi nella foresta, eppure siamo tutti "perfetti" nella nostra essenza.
  • L'amore per la sicurezza è la questione centrale dell'infanzia; la mancanza di ciò comporta un dirottamento difensivo della funzione dell'Io per creare una personalità come strategia acquisita per raggiungere l'amore.
  • La personalità è una strategia ideata da una versione precedente e immatura del nostro sé adulto.
  • La nevrosi è lo sviluppo naturale e graduale della maturazione umana. Non si tratta di patologia, ma di immaturità spirituale.
  • L'empatia e l'accettazione-amore-per i nostri genitori e noi stessi ci permettono di rilassarci e rilasciare il nodo nella nostra psiche, di disidentificarci con la personalità difensiva e reidentificarci con il nostro nucleo originale, per completare finalmente la nostra infanzia.
  • Il desiderio di cambiamento è un riflesso del problema, non della soluzione. Quindi, lavorare su te stesso o le tue relazioni non funziona. Piuttosto, l'unica cosa da "fare" è semplicemente essere; e semplicemente l'essere non è il risultato di una ricerca attiva, ma piuttosto il risultato naturale di liberare il sé dall'ingombro o dalla distrazione della strategia della personalità immatura.
  • Il cambiamento evolutivo trasformativo è possibile attraverso una danza dualistica graduale, una combinazione di cambiamento trascendente che tocca l'anima, raggiunge un cambiamento catartico che rimuove le catene inconsce, rilascia il passato (più su questo nel capitolo 5: Lo sviluppo di un approccio clinico integrale) .
  • La terapia psichedelica può essere uno strumento sicuro ed estremamente efficace nel facilitare il cambiamento dello sviluppo trasformativo, permettendoci di vedere noi stessi con amore e di impegnarci in modo sicuro nella catarsi. Lo sviluppo stentato o distorto può essere rimandato in carreggiata, ma le sostanze psichedeliche non sono lo sviluppo cognitivo – o l'illuminazione – in una pillola. Gli psichedelici possono scatenare l'intuizione, ma il cambiamento di comportamento richiede tempo e, in questa cultura, tale riallineamento è spesso più difficile da sostenere di quanto non riconosciamo.
  • Esistono metodi efficaci per cambiare le politiche e le burocrazie, e siamo onorati di applicarli coraggiosamente alla ricerca della scienza, della verità e della libertà (vedi Appendice 1: Come mettere la scienza in azione per cambiare il mondo).
  • Avendo esposto queste lezioni chiave, come buoni cittadini globali, siamo obbligati ad applicare attivamente queste scoperte, per migliorare il mondo.
  • È anche importante che speculiamo sul futuro della terapia e della politica psichedelica – e se la reintegrazione delle sostanze psichedeliche nella civiltà occidentale potrebbe fornire un rito di passaggio per la nostra cultura nel suo complesso, la dualità cicatrizzante curativa, e l'elevazione a noi un nuovo livello integrale della società.

L'approccio psicologico al sano sviluppo umano è yogico e ayurvedico: visto come un processo di maturazione perfetto, sano e evolutivo. La psicologia si avvicina all'organismo umano come un tutto unico visto a volte come corpo, a volte come mente, a volte come spirito, ma più efficacemente affrontato come l'integrale di tutti e tre.

A cura di:
La guarigione psichedelica: la promessa di Entheogens per la psicoterapia e lo sviluppo spirituale (Inner Traditions, 2011), di Neal M. Goldsmith, Ph.D.

Solutions Collecting From Web of "Psicologia: lo studio dell'anima?"