Psicologia in "The Martian"

Il primo atto di The Martian , con Matt Damon nei panni di Mark Watney, lo trova da solo su Marte, di fronte a una scelta tra morire con grazia e provare a tornare sulla Terra. Il film parla della condizione umana e dei fattori psicologici che influenzano la nostra capacità di gestirlo con successo.

Il problema dell'esistenza e gli approcci desiderabili all'inevitabilità della morte sono ben noti in filosofia. Siamo vivi solo per un po '. Dovremmo arrenderci per rassegnazione e depressione? Fai finta che vivremo per sempre sotto una nuvola di ansia? O fare il meglio con il tempo che rimane? Ding ding ding: la risposta è C, fai il meglio con il tempo che rimane. Non dovremmo vivere come il giardiniere che ha detto a Zorba il greco che vive ogni giorno come se non morisse mai; né dovremmo vivere come Zorba, che dice al giardiniere che vive come se morisse ogni giorno. Il modo corretto di vivere è basato su una stima ragionata di quanto tempo ci rimane. Se stai pensando di imparare una lingua straniera, hai davvero bisogno di sapere quanto tempo ci vorrà, quanto sarà divertente e quanto a lungo dovrai vivere per goderti tutto ciò che impari.

Watney capisce questo, e la prima cosa che fa è valutare la sua aspettativa di vita per stimare ciò che può ottenere nel tempo che ha. Quindi, come un saggio consumatore della preghiera della serenità (cambiando le cose che può), considera ciò che può ragionevolmente fare per prolungare la sua aspettativa di vita. Quindi, la prima importante caratteristica psicologica che mostra di fronte alla disperazione esistenziale è la ragione . Dopotutto, è la ragione che ci rende consapevoli della nostra stessa morte, quindi il minimo che può fare è iniziare a pensare al tempo che abbiamo lasciato produttivamente.

Watney è benedetto con un attaccamento sicuro. Sebbene abbandonato dai suoi colleghi su un pianeta lontano, capisce profondamente che non è colpa loro, che è amato , che se gestirà il suo abisso esistenziale, ci sarà un payoff nelle relazioni umane. Questa comprensione aiuta a motivarlo, ma soprattutto, lo aiuta a non ruminare. Il risentimento nei confronti della realtà è spesso il più grande ostacolo al miglioramento delle cose. Horney ci insegna che l'essenza della nevrosi sta investendo su come dovrebbero essere le cose anziché su come sono, e i sospetti sull'ingiustizia quando l'unico cattivo è la casualità è una delle principali distrazioni da come stanno le cose.

Un segno del modo in cui le cose sono invece del modo in cui le cose dovrebbero essere è un focus sui problemi che hai davanti che possono essere risolti invece di problemi che non possono essere risolti o dei problemi che si stanno creando. Lascio ad un altro tema la questione se un problema reale sia di fronte a noi o no. Gran parte della disputa sul riscaldamento globale può essere interpretata come una disputa sul fatto che sia ancora davanti a noi. Una coppia che si sciolse perché non erano d'accordo su cosa dire alla loro ipotetica figlia adolescente sul controllo delle nascite stava combattendo su un problema che non era ancora davanti a loro, anche se c'era un altro problema su come trattare le donne. Watney vede la vita come una serie di enigmi e situazioni difficili e li affronta non appena si presentano.

Watney è indubbiamente una persona molto più intelligente della maggior parte di noi, e questo gli dà un vantaggio. Ma ancor più importante del suo livello di intelligenza è l'uso a cui lo colloca. Molte persone usano qualsiasi abilità intellettuale che hanno per trovare scuse, perfezionare accuse, maledire il destino o esibire. Watney usa la sua intelligenza per risolvere i suoi problemi . Quando commette errori, grandi o piccoli, cerca di imparare da loro.

L'umorismo è alla base della capacità di Watney di raccogliere le sue altre risorse per affrontare la verità della sua esistenza. Lo sforzo di vivere nella realtà e di evitare la disperazione e la depressione da una parte e la negazione e l'ansia dall'altra è meglio supportato da una cornice comica o ironica. Come due umani indipendenti, aggressivi ed egoisti che pretendono di vivere l'uno per l'altro, non è sostenibile se la intendono davvero. Solo una cornice ironica può sostenere l'amore romantico. Parallelamente, una persona capace di immaginare l'infinito e la perfezione ma di accontentarsi di ciò che è reale non può farlo con successo se si accontenta davvero. Questa è solo un'altra strada verso la disperazione. Ma una cornice comica o ironica intorno alla sistemazione ci consente di sfruttare al meglio il nostro tempo limitato sul nostro pianeta, ammiccando a noi stessi mentre indulgiamo nei nostri piccoli desideri prima di ciò che Janna Goodwin chiama la "gloriosa indifferenza" dell'universo.

Presumibilmente, se l'aspettativa di vita di Watney fosse troppo breve per sviluppare un piano per scendere dal pianeta, si sarebbe dedicato a sfruttare al massimo un periodo di tempo più limitato. Buddha racconta una parabola di un monaco che sta scappando da una tigre e arriva sul ciglio di una scogliera. Si abbassa una vite, ma c'è un'altra tigre alla base della scogliera. I topi emergono sopra di lui e iniziano a mangiare la vite. Con solo pochi momenti da vivere, il monaco nota una fragola che cresce in una fessura. Il Buddha riferisce: "Che sapore!"

Solutions Collecting From Web of "Psicologia in "The Martian""