Psicologia evolutiva: legare la psicologia insieme

Ogni tanto – forse più frequentemente di quanto molti preferirebbero – qualcuno che apparentemente non riesce a comprendere uno o più aspetti della prospettiva evolutiva in psicologia procede piuttosto a proclamare pubblicamente ciò che è e ciò che può e non può fare per noi. Le istanze notevoli non sono particolarmente difficili da trovare. Il più recente tra questi per attraversare la mia scrivania viene da Gregg Henriques, che ha un tono sostanzialmente meno cattivo di quello che mi aspettavo. In esso, afferma che la psicologia evolutiva non ci fornisce una valida metateoria per la comprensione della psicologia, e basa la sua argomentazione su tre punti principali: (1) la psicologia evolutiva è eccessivamente impegnata nel concetto di specificità di dominio, (2) che il la teoria non ha la mappa corretta della complessità e (3) non ha fatto molto per le persone in un contesto clinico. Nel fare questi argomenti, sento che inciampa male su diversi punti, quindi mi piacerebbe prendere un po 'di tempo per sottolineare questi errori. Per fortuna, data la relativa consistenza di questi errori, farlo sta diventando più una routine che altro.

Quindi sentiti libero di cambiare canale se lo hai già visto prima.

Gregg inizia con il naturale punto di partenza per molte persone nel criticare l'EP: mentre ci concentriamo su come gli organismi risolvono specifici problemi adattivi, potrebbero esserci problemi di adattamento più generali là fuori. Come diceva Gregg:

I fondatori del PE hanno anche trascurato il fatto che esiste davvero un problema comportamentale generale del dominio, che può essere caratterizzato come il problema dell'investimento comportamentale

Ci sono un certo numero di cose da dire su tale suggerimento. Per fortuna, li ho già detti prima, quindi questo è un compito relativamente facile. Per iniziare, questi problemi apparentemente di dominio generale sono, in realtà, non del tutto generici. Per usare un semplice esempio, consideriamo quello sollevato da Gregg nella sua discussione sulla teoria dell'investimento comportamentale: gli organismi devono risolvere il problema di ottenere più energia di quella che spendono per continuare a fare cose come essere vivi e accoppiati. Questo sembra un problema terribilmente generale, ma, affermato in tal modo, i mezzi con cui questo problema generale è, o può essere, risolto sono enormemente non specificati. Come fa un organismo a calcolare il suo attuale stato calorico? In che modo un organismo decide quali cose mangiare per ottenere energia? In che modo un organismo decide quando smettere di cercare cibo in una zona e perseguire una nuova? Come viene calcolato il rendimento in energia e confrontato con la spesa?

Come si può capire rapidamente, il problema generale più ampio (ottenere più energia di quanto si spende) è in realtà composto da molti problemi più piccoli e le cose possono complicarsi rapidamente. Inseguire l'accoppiamento piuttosto che il cibo, per esempio, è improbabile che determini un organismo che ottiene più energia di quanta ne spenda. Questo lascia il problema dell'investimento comportamentale – in linea di massima formulata – che vuole in termini di qualsiasi potere predittivo: perché l'organismo persegue obiettivi diversi dal guadagno e dall'energia e in quali condizioni lo fanno? Il problema qui, quindi, non è tanto che i problemi di dominio generale non vengono spiegati dalla psicologia evolutiva, ma piuttosto che i problemi stessi vengono mal formulati dalla critica.

La prossima area in questa critica che Gregg incappa è il livello di analisi con cui la psicologia evolutiva tende a lavorare. Gregg considera l'apprendimento associativo un sistema generale di dominio ma, ancora una volta, è banale dimostrare che non è tutto ciò che è generale. Ci sono molte cose che i sistemi di apprendimento associativo non fanno: regolare i processi omeostatici, come la respirazione e la frequenza cardiaca, percepire qualsiasi cosa, come luce, suono, piacere o dolore, generare emozioni, immagazzinare memoria e così via. Per quanto riguarda la loro funzione , i sistemi di apprendimento associativo sembrano davvero fare una cosa: rendere il comportamento seguito da una ricompensa più probabile del comportamento seguito dal disagio, e solo dopo che altri sistemi hanno deciso cosa è gratificante e cosa no. Il fatto che questo sistema possa applicare la stessa funzione a molti input diversi non lo rende di dominio generale. La distinzione che Gregg sembra perdere, quindi, è che la specificità funzionale non è la stessa della specificità di input. Chiamare l'apprendimento di un sistema di dominio generale è un po 'come chiamare un coltello uno strumento di dominio generale perché può essere usato per tagliare molti oggetti diversi. Prova ad usare un coltello per saldare il metallo, e apprezzerai rapidamente quanto sia specifica la funzione di un coltello.

Oltre a ciò, c'è anche il problema che alcune associazioni sono apprese molto più facilmente di altre. Per citare Dawkins, "Per quanto vi siano molti modi di essere vivi, è certo che ci sono molti più modi di essere morti." Una logica simile si applica all'apprendimento: ci sono molte altre cose potenzialmente errate e inutili da imparare di quante ce ne siano utili Questo è il motivo per cui l'apprendimento finisce per essere un processo piuttosto limitato: i ratti possono imparare ad associare luce e suono a shock, ma non tendono a creare l'associazione tra gusto e shock, nonostante la spiacevolezza dello shock stesso. Viceversa, le associazioni tra gusto e nausea possono essere facilmente apprese, ma non tra luce e nausea. Per continuare a sconfiggere questo punto fino alla morte, un account di dominio generale sull'apprendimento associativo ha un tempo piuttosto difficile per spiegare perché alcune connessioni sono prontamente apprese e altre no. Per generare previsioni più strutturate, è necessario iniziare a concentrarsi sui sotto-problemi più specifici che costituiscono il più generale.

E se farlo non è abbastanza di un rompicapo, probabilmente lo stai sbagliando.

Su un argomento in qualche modo correlato all'apprendimento, il link utile fornito da Gregg sulla teoria dell'investimento comportamentale ha diversi passaggi che, penso, sono piuttosto diagnostici della prospettiva che ha della psicologia evolutiva:

Infine, poiché [la teoria dell'investimento / chiusura comportamentale] è un modello evolutivo, rende anche facilmente conto del fatto che esiste una sostanziale componente genetica associata alla depressione (p.61) … c'è molto dibattito sulla quantità relativa di vincolo genetico contro plasticità esperienziale in vari domini del funzionamento mentale (p.70).

Il problema qui è che la psicologia evolutiva si preoccupa molto di più delle componenti genetiche. Nell'approccio alla psicologia evolutiva, in primo luogo, l'attenzione alle componenti genetiche è considerata priva di senso, poiché la dicotomia tra genetica e ambiente è falsa. Gregg sembra confondersi "evolutivo" con "genetico" per qualsiasi ragione, ed eventualmente entrambi con "fisso" quando scrive:

In contrasto con il modello statico suggerito dagli psicologi evoluzionisti , The Origin of Minds descrive una mente che è dinamica e in continua evoluzione, ridisegnandosi con ogni esperienza di vita

Per quanto ne so, nessuno psicologo evolutivo ha mai suggerito un modello statico della mente; non uno. Dato che gli psicologi evoluzionisti sono pluralizzati in quella frase, posso solo supporre che l'errore sia fatto da almeno alcuni di loro, ma a chi "loro" si riferisce è un mistero per me. In effetti, questo passaggio di Gregg sembra giocare quasi perfettamente con le regole articolate nel gioco di psicologia anti-evoluzionistica pop:

La seconda parte del gioco dovrebbe essere ovvia. Una volta che hai asserito caldamente cosa credono gli psicologi evolutivi – e perdi punti se, rompendo la tradizione, fornisci qualche prova di ciò che gli psicologi evolutivi hanno effettivamente reclamato in stampa e ritraggono accuratamente la loro visione – indica l'opposto apparentemente ovvio della tua visione sono appesi alla psicologia evolutiva. Qui, qualsiasi cosa vuota ma vera funziona. Lo sviluppo conta. Le persone imparano Il comportamento è flessibile. I cervelli cambiano nel tempo. Non tutti i tratti sono adattamenti. Il mondo è cambiato. Le persone differiscono tra culture diverse. Due più due equivalgono a quattro. Qualunque cosa.

L'esempio è così da manuale che c'è ancora poco da dire a riguardo. Un po 'ironicamente, Gregg suggerisce che la prospettiva evolutiva crea un uomo di paglia di altre prospettive, come quelle di apprendimento e culturali. Lascerò questo suggerimento senza ulteriori commenti.

Il prossimo punto che Gregg solleva riguardo alla complessità, ho difficoltà a capire. Se sto analizzando correttamente il suo significato, sta dicendo che la cultura aggiunge un livello di complessità alle analisi del comportamento umano. In effetti, le condizioni ambientali locali possono certamente modellare il modo in cui gli adattamenti si sviluppano e si attivano, sia a causa della cultura o meno, ma non sono sicuro precisamente di come si suppone che si tratti di una critica alla psicologia evolutiva. Come ho detto prima, non sono sicuro che un singolo psicologo evolutivo contemporaneo sia mai stato preso sul serio a suggerire qualcosa in contrario. Gregg fa anche alcune critiche alla psicologia evolutiva che non definiscono la psicologia come preferirebbe. Di nuovo, non sono sicuro di cogliere qui il suo significato previsto, ma non riesco a vedere come sia una critica della prospettiva. Gregg suggerisce che abbiamo bisogno di una psicologia che possa applicarsi anche ai non umani, ma non vedo come una struttura evolutiva fallisca quel test. Non vengono forniti esempi per ulteriori considerazioni, quindi non c'è molto altro da dire su questo fronte.

La critica finale di Gregg equivale a una singola linea, suggerendo che una prospettiva evolutiva deve ancora unificare ogni approccio che la gente assume in psicoterapia. Non essendo io stesso l'esperto di psicoterapia, invocherò l'ignoranza sul successo che una struttura evolutiva ha avuto in quel regno, e nessuna prova di alcun tipo è fornita per la valutazione. Non riesco a capire perché una tale affermazione abbia qualche influenza sul fatto che una prospettiva evoluzionistica potrebbe farlo; Volevo solo prendere nota che le critiche sono state ascoltate, ma forse non formulate in modo più apprezzabile.

Verdetto finale: l'accusa sembra confusa.

Le critiche di una prospettiva evolutiva come queste sono purtroppo comuni e costantemente fuorviate. Perché continuano ad abbondare nonostante la loro risposta di tanto in tanto dalle origini del campo è curioso. Ora in tutta onestà, Gregg non sembra ostile al campo e lo ritiene "essenziale" per comprendere la psicologia. Per fortuna, il gioco di psicologia anti-evolutiva del pop cattura anche questo sentimento, quindi lo lascerò su quella nota:

La terza parte del gioco non viene sempre seguita alla perfezione, ed è la parte più difficile. Ora che hai dimostrato come sei pienamente padrone del modo in cui la scienza viene condotta o di una verità sul comportamento umano che gli psicologi evolutivi hanno mancato, è importante affermare che tu riconosci veramente che naturalmente gli esseri umani sono il prodotto dell'evoluzione e Ovviamente gli umani non sono esenti dai principi della biologia.

Guarda, devi dire, non sono contrario ad applicare le idee evoluzioniste agli umani in linea di principio . Questa è la chiave, poiché ti dà una sorta di gravitas ecumenica. Sì, continuate, sono tutto per l'unità della scienza e dell'impollinazione incrociata e per rendere le scienze sociali migliori, e così via. Ma devi aggiungere – e scrivere in modo lamentoso, se puoi, aiuta qui – voglio solo che le cose vengano fatte correttamente . Se solo gli psicologi evoluzionisti (polizia stessa, considerare lo sviluppo, riconoscere l'apprendimento, studiare le neuroscienze, eseguire esperimenti, ecc.), Allora sarei semplicemente perfettamente soddisfatto della disciplina.

Solutions Collecting From Web of "Psicologia evolutiva: legare la psicologia insieme"