Psicologia delle prove: parte II (cosa possono fare gli atleti)

Gli atleti possono adottare misure attive per aumentare le loro possibilità di successo.

CCO

Fonte: CCO

Nel primo articolo della mia serie in quattro parti che esplora la psicologia dei provini, ho discusso sul perché le prove possono essere così stressanti per i giovani atleti e le aree mentali che soffrono di più quando mettono in gioco le loro speranze e i loro sogni atletici mentre tentano per unirti a un campionato, formare una squadra o qualificarti per un nuovo livello di gioco.

In questo, il mio secondo articolo, offrirò ai giovani atleti alcuni consigli pratici per aiutarli ad affrontare le prove in modo positivo, permettendo loro di esibirsi al meglio delle loro capacità il giorno della prova.

Preparazione

Ci sono un sacco di cose in un provino che non puoi controllare, compreso il tempo e le condizioni (se all’aperto), altri atleti che gareggiano per gli spot ricercati e come sei valutato dagli allenatori che eseguono il test. Ma c’è una grande cosa che puoi controllare che probabilmente determinerà quanto successo abbia successo per te: la tua preparazione. Sebbene tu non possa controllare il risultato del tryout, puoi controllare tutto ciò che metti nella tua performance al momento della prova.

Il giorno della prova, il tuo obiettivo è essere in grado di dire: “Sono preparato quanto posso essere in grado di esprimere il mio meglio e raggiungere i miei obiettivi”. Quindi, cosa significa essere preparati? Bene, pensa a tutto ciò che viene preparato per una prova:

  • Idoneità fisica (come in, in gran forma);
  • Tecnica e tattica (come in, esercitatevi su ciò che avrete bisogno di dimostrare alla prova);
  • Essere ben riposati (come in, ottenere un sacco di sonno);
  • Una buona alimentazione (come in, mangiare cibo sano / evitare il cibo spazzatura);
  • Equipaggiamento appropriato (come in, assicurati che il tuo equipaggiamento funzioni per te); e
  • Sii mentalmente pronto (come in, motivato, fiducioso, rilassato, concentrato).

Ecco due realtà semplici e connesse: se non sei completamente preparato a dare il meglio, non hai quasi nessuna possibilità di raggiungere i tuoi obiettivi di prova. Viceversa, se sei completamente preparato, non ci sono garanzie di successo del test – rimane molto al di fuori del tuo controllo – ma almeno ti dai una possibilità.

Quindi rivedi la lista di preparazione qui sopra e identifica ciò che puoi fare molto prima e immediatamente prima della prova per poter dire: “Sono preparato, quindi fallo!”

Self-talk positivo

Se ti interessa del tuo sport, VERAMENTE vuoi fare una prova di successo. Ma il forte desiderio di, ad esempio, di formare la squadra viaggiante, può trasformarsi in un “E se non lo faccio!” Di dubbio e preoccupazione. Se sei un fan di Star Wars, lo chiamo “andare al lato oscuro”, dove vai negativo e diventa il tuo peggior nemico piuttosto che il tuo miglior alleato.

Questo è un grosso problema, perché se stai gareggiando, diciamo, con altri 29 atleti, tutti vogliono batterti. Se vai al lato oscuro, allora potresti anche finire per voler batterti! Le probabilità quindi sono 0 su 30; non hai possibilità di successo. Ma se sei il tuo miglior alleato, le tue possibilità sono 1 su 30. Questo non sembra un grosso problema, ma tutti alla prova hanno le stesse probabilità, e almeno ti dai una possibilità.

Nei giorni che precedono la tua prova, sii consapevole del parlare di sé; È positivo o negativo? Se è positivo, continua ad essere positivo, specialmente quando le cose non stanno andando come vuoi tu. Ma se è negativo, vuoi allontanarti dal lato oscuro e usare “The Force” per sempre. Puoi rimodellare la tua auto-discussione in una direzione più positiva. Questo cambiamento non significa fare affermazioni irrealisticamente positive, come “Proverò a qualificarmi ai provini!” O “Farò battere tutti là fuori!” Invece, significa dire cose positive che sono dentro il tuo controllo Per esempio:

  • “Sarò totalmente preparato per il provino;”
  • “Farò del mio meglio là fuori”
  • “Domani mi divertirò un sacco!”

Concentrati sul processo

Raggiungere il tuo obiettivo di prova, guadagnare una posizione ambita in una squadra, è ovviamente l’obiettivo finale. Ma, ironia della sorte, se ti concentri sul risultato che desideri, in realtà diminuisci le tue possibilità di successo nella prova per due motivi. Innanzitutto, quando viene presa la decisione sul tryout? Dopo aver eseguito, ovviamente. E se ti concentri su ciò che accade dopo che ti sei esibito, non ti stai concentrando su ciò che devi fare durante la prova vera e propria. Secondo, come ho notato nel mio primo articolo, i nervi sono una reazione comune prima di un tentativo. Allora, di cosa sei nervoso? Molto probabilmente, sei preoccupato per il risultato e, in particolare, un risultato deludente.

Il rovescio della medaglia, è più probabile che tu abbia una prova riuscita se non pensi affatto al risultato che vuoi. Invece, se ti concentri su ciò di cui hai bisogno per dare il meglio – tecnica, tattica, lavoro di squadra, ecc. – ti metti in grado di comportarti bene. E, se giochi bene, hai buone possibilità, anche se non ci sono garanzie, di raggiungere il tuo obiettivo di prova.

Rilassare

La realtà è che come atleta, tu sei un essere fisico, e l’esecuzione delle tue capacità richiede determinati stati fisici. Sfortunatamente, i nervi che provi durante un provino possono creare stati fisici che possono diventare i tuoi maggiori ostacoli per ottenere il massimo.

Nello specifico, quando ti innervosisci, subisci tensioni muscolari, respirazione breve e maldestra, un battito cardiaco e un’eccessiva adrenalina. Questi sintomi fisici riducono la tua forza, mobilità, agilità e resistenza. In questo stato fisico, il tuo corpo non è letteralmente in grado di comportarsi bene, e sei praticamente condannato a fallire nel tuo tentativo.

I tuoi nervi non ti fanno solo male fisicamente; ti fanno anche male mentalmente. Quando ti senti ansioso, la tua motivazione diminuisce perché vuoi allontanarti dalla situazione che causa i tuoi nervi. La tua sicurezza diminuisce perché il tuo corpo invia un segnale alla tua mente che non avrai successo. La tua attenzione si allontana dal dare il meglio e verso le sensazioni fisiche potenti e spiacevoli che senti dai tuoi nervi. Infine, provi una serie di emozioni scomode e interferenti, tra cui paura, frustrazione, rabbia e disperazione.

Se i nervi sono il più grande ostacolo ai tuoi obiettivi di prova, rimanere rilassati è la tua più grande sfida. Quindi, ecco alcuni strumenti che puoi usare per rilassare il tuo corpo quando inizi a sperimentare un brutto caso di nervi di prova:

  • Fai respiri profondi: ottenere ossigeno nel tuo sistema rilasserà i muscoli, calmerà il cuore, ridurrà l’adrenalina e, nel complesso, ti farà sentire più a tuo agio, in controllo e sicuro di sé.
  • Muovi il tuo corpo: un ottimo modo per alleviare la tensione muscolare è semplicemente quello di muovere il corpo, che è come oliare parti arrugginite di una macchina. Quindi cammina o corri, salta su e giù, fai oscillare le braccia e le gambe. Qualsiasi cosa per rompere la tensione e rilassare i muscoli.
  • Ascoltare la musica: la musica ha un profondo effetto su di noi in molti modi. Può spararti o calmarti (dipende da cosa stai ascoltando). La musica può motivarti e farti sentire più sicuro. E può creare emozioni positive come ispirazione, eccitazione e orgoglio. Crea playlist che ti fanno sentire bene e ascoltale prima e durante i tuoi provini.
  • Sorriso: questo è uno degli strumenti di rilassamento più strani che abbia mai scoperto. La ricerca ha mostrato due cose sul perché il sorriso è così benefico. Innanzitutto, crescendo, siamo condizionati dal fatto che quando sorridiamo, siamo felici e la vita è buona. Secondo, la ricerca sul cervello ha scoperto che quando sorridiamo, le endorfine (i rilassanti naturali del nostro cervello) vengono rilasciate e hanno un potente effetto rilassante. Quindi, quando ti innervosisci, sorridi (non devi essere felice, significa solo alzare gli angoli della bocca) e in pochi minuti, scoprirai che sei più rilassato e ti senti un intero molto meglio

Divertiti

Le prove possono essere così importanti e stressanti per te che potresti dimenticare qual è il vero scopo dello sport – vale a dire divertirti, giusto? Certo, vuoi qualificarti per quel campionato superiore o essere selezionato per quella squadra d’élite, ma se non è divertente, qual è il punto?

Sfortunatamente, quando prendi troppo sul serio la prova e metti troppa pressione su te stesso, non solo riesci a succhiare il divertimento dai tuoi sforzi, ma anche a non essere all’altezza delle tue capacità. Concentrarsi sull’avere divertimento crea uno stato fisico e mentale che ti consente di esibirti al meglio. Mentalmente, sei felice, motivato, fiducioso e concentrato. Fisicamente, sei rilassato, eccitato ed eccitato di essere là fuori.

Puoi divertirti con le prove in due modi. Per prima cosa, scegli di vedere il tuo provino non come vita o morte, ma piuttosto come un’esperienza divertente in cui ti sfidi a fare il meglio che puoi, indipendentemente dal risultato finale. In secondo luogo, rendere il giorno della prova divertente facendo cose che sono divertenti per te. Ad esempio, ascolta la musica, scherza con i tuoi amici, rallegra i tuoi amici e condividi l’esperienza con la tua famiglia.

E non dimenticare di SORRIDERE! Ricorda, lo stai facendo – o DOVREBBE farlo – perché ti diverti. Perche è divertente. E solo tu hai il potere di assicurarti che sia esattamente quello. In bocca al lupo!

Nota: questo è il secondo di una serie di quattro articoli commissionati da YSPN360.com (si prega di visitare per maggiori informazioni sugli sport giovanili) che esplorano la psicologia dei provini. Gli articoli successivi della serie esamineranno ciò che i loro allenatori e gli allenatori che gestiscono le prove possono fare per rendere l’esperienza più positiva possibile; e cosa possono fare i genitori per sostenere al meglio i loro giovani atleti nelle loro prove.

Solutions Collecting From Web of "Psicologia delle prove: parte II (cosa possono fare gli atleti)"