Psicologia della conservazione e benessere animale e umano: gli scienziati devono prestare attenzione alle scienze sociali

I nostri rapporti con gli animali sono frustranti, provocatori, paradossali e sparsi dappertutto. Amiamo gli animali e li danneggiamo in una miriade di modi e molte persone si chiedono non solo perché continuiamo a farlo, ma anche cosa possiamo fare per dare agli animali il rispetto, la compassione e l'amore che meritano.

Raramente è una mancanza di conoscenza e di dati concreti che si traducono in abusi sugli animali e perdite senza precedenti di biodiversità in quello che viene chiamato "antropocene", una parte finale della "sesta estinzione" – a cui noi siamo i maggiori contributori. Le massicce perdite di biodiversità sono una forma di abuso di animali, ma poche persone lo incassano in questo modo. Gli abusi sugli animali e le perdite nella biodiversità sono dannosi per gli animali e cattivi per noi.

Sappiamo che gli animali hanno una vita emotiva ricca e profonda e alcuni possono essere esseri morali. L'abuso è in genere dovuto alla protezione inadeguata degli animali e ai fattori sociali e culturali. Pertanto, dobbiamo affrontare le importanti questioni psicologiche e sociali / culturali che supportano la nostra cattiva gestione degli animali (e dei loro habitat) e conoscere le barriere psicologiche che impediscono alle persone di affrontare e affrontare le complesse, frustranti e urgenti questioni che consentono l'abuso di animali per continuare nei laboratori, nelle aule scolastiche, nelle varie forme di intrattenimento, nei macelli, nell'industria dell'abbigliamento e nei loro habitat naturali. È qui che le scienze sociali possono aiutarci (l'importanza delle scienze sociali nell'affrontare i cambiamenti climatici può essere un buon modello).

Un campo relativamente nuovo e in rapido sviluppo chiamato psicologia della conservazione può aiutarci a migliorare i nostri rapporti con altri animali. La psicologia della conservazione è definita come "lo studio scientifico delle relazioni reciproche tra gli umani e il resto della natura, con particolare attenzione a come incoraggiare la conservazione del mondo naturale. … Questo campo applicato utilizza principi, teorie o metodi psicologici per comprendere e risolvere problemi relativi agli aspetti umani della conservazione. "Un recente libro di Susan Clayton e Gene Myers chiamato Conservation Psychology fornisce un'eccellente revisione del campo.

Alcune importanti domande e aree che devono essere affrontate includono:

-Perché ignoriamo la sofferenza animale e ciò che la natura ci sta dicendo?

-Che cosa ci permette di ignorare i sentimenti innati della biofila e il nostro amore per i sistemi viventi?

-Come fanno le persone a pensare e creare connessioni personali con l'ambiente naturale? (vedi ad esempio il lavoro di Susan Clayton)

-Che cosa possiamo fare per migliorare l'atteggiamento dei bambini nei confronti degli animali e della conservazione? Bambini? (vedi ad esempio la ricerca di Gene Myers) È chiaro che dobbiamo insegnare bene ai bambini.

-Qual è la relazione tra biodiversità e benessere umano? (vedi ad esempio il lavoro di Amara Brooks)

-Come possiamo usare la psicologia per salvare la biodiversità? (vedi la ricerca di Carol Saunders)

– Come può l'educazione umana essere un precursore del cambiamento di atteggiamento nel comportamento di conservazione? (vedi ad esempio il lavoro di Sarah Bexell e dei suoi colleghi cinesi)

L'Institute for Human-Animal Connection della Denver University diretto da Frank Ascione è un programma modello che può aiutare a rispondere a queste e ad altre domande e al primo programma di questo tipo all'interno di un ambiente accademico di servizi umani.

Parte del riconoscere che il cambiamento nel modo in cui trattiamo gli animali fa parte di un movimento sociale e non dipende solo dai dati scientifici è quello di indurre gli scienziati a comportarsi da cittadini interessati. (vedi un eccellente saggio su questo argomento in New Scientist nel marzo 2009 sull'importanza di convincere gli scienziati a parlare come cittadini interessati: "Abbiamo bisogno di un altro tipo di scienziato per salvare il mondo"). Dobbiamo anche fare in modo che i cittadini agiscano da amministratori responsabili.

Le persone che si preoccupano degli animali e della natura non devono essere apologeti per le loro opinioni e non dovrebbero essere considerati "i radicali" o "cattivi" che stanno cercando di impedire "il progresso umano". In realtà, potrebbero essere visti come eroi che non stanno solo combattendo per gli animali, ma anche per l'umanità.

La biodiversità consente la vita umana; è imperativo che tutta l'umanità si riconnetta con ciò che sostiene la capacità della nostra specie di persistere. A turno, dovremmo sperare che come specie possiamo agire come un collettivo e lottare per la nostra stessa sopravvivenza. Quando gli animali muoiono, moriamo anche noi. Gli animali sono necessari per il nostro benessere psicologico e possiamo imparare molto da loro. Siamo collegati ad altri esseri ed è per questo che li cerchiamo quando i tempi sono difficili. La psicologia della conservazione e l'educazione umana aiuteranno sicuramente a capire i modi migliori per andare avanti e dare agli animali il rispetto, la compassione e l'amore che meritano.

Solutions Collecting From Web of "Psicologia della conservazione e benessere animale e umano: gli scienziati devono prestare attenzione alle scienze sociali"