Psicologia, arte e fluidi corporei

Come sapranno i lettori abituali del mio blog, ho un interesse psicologico di lunga data per qualsiasi comportamento umano estremo. Questo include anche il mondo della cultura popolare e include individui che si dedicano all'arte estrema (come i surrealisti come Salvador Dali), alla moda estrema (come quelli che indossano lingerie estrema, body art estremo (compresi sia il tatuaggio estremo che la modifica estrema del corpo), e / o costumi fetishistici del corpo), e musica estrema (come band come Throbbing Gristle e Velvet Underground).

Nel 1997 ero una delle tante persone che hanno visitato la controversa mostra d'arte Sensation presso la Royal Academy of Art che presentava una vasta gamma di lavori dei "Young British Artists" (e tutti di proprietà di Charles Saatchi) come lo "shock" art 'di Damien Hirst (' L'impossibilità fisica della morte nella mente di qualcuno che vive '), Tracy Emin (' Tutti quelli che ho dormito nel 1963-1995 '), Jake e Dinos Chapman (' Great Deeds Against the Dead, 1994 '), Marcus Harvey (' Myra ') e Ron Mueck (' Dead Dad '). Uno dei pezzi che mi ha particolarmente colpito è stato "Self", una scultura di Marc Quinn che era un calco della stessa testa dell'artista ricavata da circa nove pinte del suo stesso sangue congelato. Come la voce di Wikipedia su Quinn note:

"In un'intervista del 2000, riflettendo sull'opera d'arte iconica, [Quinn] osservò:" Beh, penso che sia una grande scultura. Sono davvero felice con questo. Penso che sia inevitabile che tu abbia un pezzo in cui le persone si concentrano. Ma è davvero buono perché fa entrare le persone nel lavoro ". Descritto da Quinn come un "momento congelato sul supporto vitale", il lavoro viene attentamente mantenuto in un'unità di refrigerazione, ricordando allo spettatore la fragilità dell'esistenza. L'artista fa una nuova versione di "Self" ogni cinque anni, ognuno dei quali documenta la trasformazione fisica e il deterioramento di Quinn ".

Nelle interviste sul suo corpo di lavoro (nessun gioco di parole), Quinn ha detto di essere gravitato sull'uso di materiali non convenzionali che affrontano la sua "preoccupazione per la mutabilità del corpo e i dualismi che definiscono la vita umana". In una breve (ma interessante) intervista con The Huffington Post, gli è stato chiesto come l'immortalità metaforica nel suo lavoro, dato che il suo lavoro contenesse letteralmente una parte di lui. Lui rispose che:

"In un modo divertente, penso che" Self ", la serie di teste congelate, riguardi l'impossibilità dell'immortalità. Questa è un'opera d'arte sul supporto vitale. Se lo scolleghi, si trasforma in una pozza di sangue. Può esistere solo in una cultura in cui la cura dell'arte è una priorità. È improbabile che sopravviva alle rivoluzioni, alle guerre e agli sconvolgimenti sociali, penso anche che l'autoritratto totale dell'uso del mio sangue e del mio corpo abbia anche un fattore ironico, in quanto anche se la scultura è la mia forma e realizzata con il materiale di il mio corpo, per me se appena sottolinea la differenza tra una persona veramente vivente e i materiali che rendono quella persona. Il tipo di punto letterale che è stato perso dai criogenici che si congelano per supposta futura rigenerazione ".

Mi è venuta in mente l'arte estrema di Quinn più recentemente quando sono stato intervistato sull'arte del trentasettenne artista australiano Dr Rev Mayers per la serie televisiva Discovery Forbidden (un programma su cui sono lo psicologo residente. Rev e il mio aspetto su questo programma qui). Come le note di produzione del documentario hanno chiarito:

“Dr. Rev ama dipingere. Come la maggior parte degli artisti, cerca di mettere qualcosa di sé in tutte le sue creazioni. Ma il Dott. Rev prende questo concetto ad un altro livello. I suoi dipinti sono creati usando il suo stesso sangue, pompato fresco dalle sue vene e spruzzato direttamente sulla tela … È uno showman nato naturale, che accarezza l'attenzione che ottiene mentre esegue la sua morte sfidando acrobazie di arte del sangue di fronte al pubblico dal vivo. È sopravvissuto alla sua ultima impresa – uno spettacolo dal vivo che dipinge con il sangue pompato direttamente dal suo braccio – sebbene abbia giurato di non provarci mai più. "È un processo pericoloso se l'aerografo si fosse bloccato, il sangue avrebbe potuto essere spinto indietro nel mio corpo. Avrei potuto subire un infarto e morire "… Mayers si è appena dimesso dall'industria del tatuaggio e il suo sangue è ora il suo lavoro a tempo pieno. Lo sta facendo da 6 anni da quando ha convinto la sua infermiera a fargli portare a casa una fiala del suo stesso sangue ".

Mayers si descrive come borderline bipolare, uno showman e un oratore. La motivazione dietro la sua arte appare molto meno intellettuale di quella di Quinn con una logica apparentemente semplice per fare quello che fa: contraddizione e valore di shock. Come ha notato nel programma televisivo: "Non intendo vendermi ma non sono certamente noioso e se è scioccante che voi ragazzi lo vogliate, allora diventerete scioccanti!" Anche Mayers ha affermato che gli piace l'idea di contraddire lo stigma che circonda il sangue: "Non è spaventoso. È ciò che ci dà la vita ".

Le opere di Quinn e Mayers potrebbero essere considerate meno estreme di esempi di altra arte "fluida del corpo" che ho trovato durante la mia ricerca per questo articolo. Molti di voi che leggono questo potrebbero avere familiarità con l'arte del vincitore del Turner Prize inglese Chris Ofili, che spesso incorpora lo sterco di elefante nei suoi dipinti. Tuttavia, il defunto artista italiano Piero Manzoni (che morì nel 1961 all'età di 29 anni) riempì lattine da 90 grammi con le sue feci (etichettato come "Merda d'artista" che si traduce come "The Artist's Shit"). Ognuno era valutato come il suo peso in oro e la lattina venduta più di recente costava circa 100.000 sterline. Si pensa che nessuna delle 90 lattine sia mai stata aperta, quindi nessuno è sicuro che contengano davvero gli escrementi di Manzoni o meno. In un saggio online su Manzoni di Stefano Cappeli, l'autore fa brevemente riferimento agli elementi più psicologici (in questo caso psicodinamici) dell'opera faecal:

"Le lattine di Manzoni's Artist's Shit hanno alcuni precursori nell'arte del ventesimo secolo, come l'orinale di Marcel Duchamp (" Fontaine ", 1917) o l'ingegno coprolalico dei surrealisti. Salvador Dalì, Georges Bataille e "Ubu Roi" di Alfred Jarry (1896) avevano dato dignità artistica e letterale alla parola "merde". Il legame tra l'analisi e l'arte, come l'equazione degli escrementi con l'oro, è un leitmotiv del movimento psicoanalitico (e Carl G. Jung avrebbe potuto essere un punto di riferimento per Manzoni). La principale innovazione di Manzoni su questo argomento è una riflessione sul ruolo del corpo dell'artista nell'arte contemporanea ".

Un'altra opera d'arte controversa che conteneva il fluido corporeo dell'artista è stata la fotografia del 1987 di American Andres Serano, Piss Christ . La fotografia ritrae Gesù su un piccolo crocifisso di plastica che affoga in un bicchiere di liquido giallo (cioè l'urina di Serano). Le sue opere includono anche altre statuette iconiche in liquidi come sangue e latte. Non sorprendentemente, le accuse di "economicità del cristianesimo" sono state fatte verso l'artista. Ma Serano ha coerentemente affermato che Piss Christ è esso stesso "un commento al degrado e alla commercializzazione delle icone cristiane nell'età moderna".

Altri artisti che hanno incorporato fluidi corporei nelle loro opere includono quelli che hanno usato il sudore umano (ad esempio, "Waste to Work: Everyman's Source" di Daniela Kostova e Olivia Robinson che esplora la relazione tra lavoro, sudore, retribuzione e disoccupazione), vomito (ad es., 'Nexus Vomitus' di Millie Brown, una mezz'ora di performance di vomito operistico) e sangue mestruale (ad esempio, fotografie di Ingrid Berthon-Moine come 'Forbidden Red' e 'Rouge Pur' dove il rossetto viene sempre sostituito da mestruale sangue).

Le motivazioni psicologiche e le eccentricità di artisti come Leonardo da Vinci, Van Gogh, Andy Warhol e Salvador Dalì sono stati a lungo la discussione di accademici e non accademici allo stesso modo. Lo specialista di psicologia anormale, il professor Gordon Claridge, ha osservato che molti studi psicologici hanno esaminato le menti degli artisti. Questa ricerca ha spesso mostrato uno schema di infelicità infelici e / o solitarie, e che gli artisti sono spesso individui altamente sensibili che possono aver subito traumi (spingendoli nell'arte come forma di evasione, autoespressione e / o terapia).

Uno studio di 291 uomini di fama mondiale del Dr. Felix Post in un numero del 1994 del British Journal of Psychiatry ha rilevato che oltre i due terzi (69%) avevano un disturbo mentale di qualche tipo. Più in particolare, gli scienziati sono stati i meno colpiti dai problemi di salute mentale, mentre gli artisti e gli scrittori hanno aumentato le diagnosi di psicosi (cioè, condizioni mentali che implicano il perdere il contatto con la realtà e in casi estremi possono portare a vari tipi di allucinazioni). Nel suo libro del 1996 Touched With Fire: Manic Depressive Illness And The Artistic Temperament, lo psichiatra Dr. Kay Redfield Jamison ha concluso che, tra gli artisti più famosi, il tasso di malattie depressive (in particolare il disturbo bipolare) era 20 volte più comune che nella popolazione generale . Ad esempio, si ritiene che Picasso, Gauguin, Michelangelo e Jackson Pollock abbiano sofferto di disturbo bipolare e Andy Warhol è apparso a dimostrare tutti i segni della sindrome di Asperger (cioè, un tipo di autismo). Resta da vedere se coloro che sono impegnati in attività artistiche estreme sono più inclini psicologicamente ai disturbi mentali rispetto agli artisti "normali".

Riferimenti e ulteriore lettura

Capelli, S. (senza data). La merda dell'artista: consumo di arte dinamica da parte dell'arte che divora basi magiche pubbliche – Sculture viventi. Situato all'indirizzo: http://www.pieromanzoni.org/PDF/EN/Manzoni_Shit.pdf

Frank, P. (2011). Marc Quinn parla di autoritratti fatti del proprio sangue. The Huffington Post, 8 giugno. Si trova su: http://www.huffingtonpost.com/2012/06/08/marc-quinn_n_1581132.html

Jamison, KR (1996). Toccato con il fuoco: malattia depressiva maniacale e il temperamento artistico. New York: The Free Press.

Jones, J. (2011). Piss Christ di Andres Serrano è l'arte d'urto originale. The Guardian , 18 aprile. Si trova all'indirizzo: http://www.theguardian.com/artanddesign/2011/apr/18/andres-serrano-piss-…

Maggio, G. (2013). 10 pazzi pezzi d'arte realizzati con fluidi corporei. Listverse , 27 luglio. Situato all'indirizzo: http://listverse.com/2013/07/27/10-exception-pieces-of-art-made-from-b…

Post, F. (1994). Creatività e psicopatologia. British Journal of Psychiatry, 165, 22-34

Smith, S. (2011). Quando il sangue scorre freddo. Big Tattoo Planet, 22 giugno. Si trova su: http://www.bigtattooplanet.com/features/artist-interview/when-blood-runs…

Spooky (2012). Le opere raccapriccianti del Dr. Rev sono dipinte di sangue. Oddity Central , 8 maggio. Si trova all'indirizzo: http://www.odditycentral.com/pics/dr-revs-creepy-artworks-are-painted-in…

Solutions Collecting From Web of "Psicologia, arte e fluidi corporei"