Psicologi e Privilegi prescrittivi

La psichiatria è una delle numerose specialità mediche che sta vivendo una carenza di medici. In poche parole, non ci sono abbastanza psichiatri per fornire cure di alta qualità al gran numero di individui bisognosi di servizi, in particolare persone che vivono in centri urbani svantaggiati e aree rurali. Questa carenza aumenterà in futuro con l'aumento della popolazione americana e un numero consistente di psichiatri raggiungerà l'età della pensione. Per affrontare questo problema, sono state proposte diverse soluzioni di stop-gap. Una di queste "soluzioni" consiste nel permettere agli psicologi di prescrivere e somministrare farmaci in modo indipendente. Riteniamo che questo piano sia estremamente miope e comporterebbe gravi problemi per le persone affette da disturbi psichiatrici.

Anche se può sembrare tecnicamente facile per i medici scrivere una prescrizione, le conoscenze e le abilità richieste per prescrivere farmaci si sviluppano efficacemente in quasi un decennio di rigorosa formazione in scienze di base e mediche (quattro anni di scuola medica e quattro o più anni di residenza e fratellanza formazione). Queste abilità sono mantenute da una regolare partecipazione alle attività di educazione medica continua.

Diversi messaggi fa, abbiamo discusso la vasta formazione medica necessaria per un individuo a diventare uno psichiatra o neurologo certificato di bordo, e in contrasto con la formazione degli psicologi clinici. Per comprendere le azioni e i pericoli dei farmaci, riteniamo sia imperativo che i professionisti seguano corsi dettagliati nelle scienze di base e cliniche e completino questo addestramento didattico con l'esperienza clinica che coinvolge pazienti in ambito medico, chirurgico, pediatrico, ob-gin, neurologico e servizi psichiatrici. La prescrizione di farmaci psichiatrici comporta in effetti l'integrazione di informazioni dai campi della biologia molecolare, della genetica, della patologia, della biochimica e delle scienze neurali insieme con le conoscenze pratiche riguardanti gli effetti dei farmaci su pazienti che sono malati con condizioni che coinvolgono più organi.

Alcuni potrebbero ritenere che la mancanza di formazione degli psicologi in farmacologia possa essere aggirata limitando i loro privilegi di prescrizione a persone più giovani e sane. Sebbene le complicazioni si presentino più spesso nella gestione farmacologica delle persone anziane con malattie mediche, i problemi con i farmaci non sono rari anche nelle persone più giovani e fisicamente sane. Ogni farmaco ha effetti collaterali. Inoltre, molti pazienti che soffrono di disturbi psichiatrici hanno disturbi medici co-morbosi che influenzano notevolmente le risposte ai farmaci.

Prescrivere i farmaci diventerà più complicato in futuro: stiamo entrando in un'era di trattamenti farmacologici basati sui progressi della medicina genomica. È probabile che i farmaci vengano scelti sulla base di ciò che è meglio per un determinato paziente in base al suo patrimonio genetico. Tenere il passo con tali rapidi progressi molecolari e genetici è abbastanza difficile per i medici con anni di formazione ed esperienza medica di base. Abbiamo difficoltà a immaginare come gli psicologi – molti dei quali non hanno un forte background scientifico di base – saranno in grado di rimanere aggiornati con tali progressi.

I piani attuali propongono che gli psicologi siano autorizzati a prescrivere farmaci dopo alcuni anni di corsi e supervisione. Possono qualche anno di addestramento supervisionato preparare uno psicologo per fare un lavoro "abbastanza buono" che prescrive farmaci? A nostro parere, le competenze necessarie per comprendere l'uso efficace dei farmaci psichiatrici non possono essere acquisite da alcuni anni di corsi mirati e supervisione. Gli psicologi possono essere rigorosamente addestrati nei metodi di ricerca e in alcune tecniche e terapie psicologiche, ma raramente hanno il rigoroso background medico o i test completi e i requisiti per la formazione continua che vengono con la certificazione da parte delle agenzie nazionali di accreditamento.

Crediamo fermamente che i professionisti della salute mentale debbano collaborare per massimizzare l'efficacia dell'assistenza sanitaria. Psicologi, assistenti sociali, consulenti, case manager e persone che lavorano in contesti di club house, tutti hanno le abilità essenziali necessarie per aiutare i pazienti con malattie mentali. Le abilità uniche degli psicologi sono essenziali nei modelli di assistenza collaborativa; per esempio, possono fornire psicoterapie individuali e di gruppo, formare e supervisionare altri terapeuti, amministrare e interpretare test psicologici, integrare nuovi approcci cognitivi nei trattamenti e promuovere la conoscenza attraverso la ricerca. Tuttavia, riteniamo fermamente che i medici (inclusi psichiatri e medici di base) e non gli psicologi, abbiano la formazione necessaria per assumersi le responsabilità di fornire o supervisionare la componente terapeutica del trattamento collaborativo per la cura della salute mentale.

Riteniamo che il futuro dell'erogazione di servizi di assistenza psicologica implichi maggiore coordinamento e collaborazione tra il settore dell'assistenza primaria e il settore della salute mentale. Con l'assistenza della telemedicina e i progressi nelle tecnologie basate su computer, i pazienti in aree sottoservite dovrebbero essere in grado di ricevere assistenza sanitaria mentale che si avvale della combinazione di competenza medica nella diagnosi e prescrizione di farmaci con l'esperienza di psicologi, assistenti sociali e consulenti. Le decisioni coinvolte nella valutazione dei rischi e dei benefici dell'utilizzo di farmaci psichiatrici in un particolare paziente sono difficili anche per i professionisti con anni di formazione medica di base e un'educazione medica continua rigorosa. Gli psicologi sono membri molto apprezzati del team di assistenza sanitaria, ma crediamo che non sia nell'interesse dei pazienti per gli psicologi prescrivere farmaci e, in effetti, praticare la medicina.

Nel 1910, la medicina entrò nell'era moderna con la pubblicazione del Rapporto Flexner. In sostanza, il Rapporto Flexner ha concluso che le persone che praticano la medicina dovrebbero frequentare scuole mediche accreditate. La saggezza di questo rapporto è ancora evidente oggi. I pazienti senza dubbio soffriranno se non seguiremo le lezioni della storia.

Questo post è stato co-scritto da Eugene Rubin MD, PhD e Charles Zorumski MD. Né vi sono conflitti di interessi finanziari che coinvolgono l'industria farmaceutica.

Solutions Collecting From Web of "Psicologi e Privilegi prescrittivi"