Psichiatria e Frankenstein

 André Ribeiro, Wikimedia Commons
Fonte: credito fotografico: André Ribeiro, Wikimedia Commons

Uno dei paradossi fastidiosi nel mio lavoro di psichiatra è un gruppo ristretto ma schietto di sostenitori e pazienti che sembrano preferire trattamenti che non funzionano a trattamenti che lo fanno. L'icona per un trattamento che non funziona è la psicoanalisi. Si basa su una comprensione obsoleta dello sviluppo umano e della personalità, e ci sono poche prove a sostegno della sua utilità nel trattamento dei disturbi psichiatrici.

L'importanza che questo approccio offre ancora è testimoniata dal prestigioso New York Times che pubblica un blog regolare sulla psicoterapia psicoanalitica chiamato "Couch". Spesso una selezione di Couch viene selezionata per la pubblicazione nella sezione del Sunday Review del New York Times. Il blog tende verso i cliché sulla terapia. Ad esempio, in un recente blog, i pazienti hanno discusso di come si sono sentiti riguardo alle assenze dei loro analisti per le vacanze. http://opinionator.blogs.nytimes.com/2015/01/03/me-me-me-and-my-therapist/ L'apparizione di questo territorio banale e molto ben battuto nel New York Times rende un disservizio serio considerazione di problemi in psichiatria e salute mentale.

In contrasto con l'accettazione da parte di una parte considerevole del pubblico di una terapia che è in gran parte inefficace è l'accanita opposizione frequentemente incontrata a trattamenti che funzionano. Il rancore contro questi trattamenti è spesso sostenuto dai movimenti antipsichiatrici e dai media.

Un trattamento efficace che è stato disprezzato e temuto a volte durante il ventesimo e ventunesimo secolo è la terapia ECT o elettroconvulsiva. Sviluppato per la prima volta in Italia poco prima della prima guerra mondiale, l'ECT ​​ha fornito un trattamento rapido e indolore per una grave depressione che al momento non era curabile. In alcuni casi si è verificata una breve perdita di memoria a breve termine e sono state riscontrate rare segnalazioni di difficoltà di memoria a lungo termine. Il paziente ha dovuto avere un attacco o convulsione durante ogni trattamento. Inizialmente le convulsioni erano associate a frattura ossea, ma l'uso di miorilassanti ha eliminato questa complicazione. Nonostante la sua efficacia e sicurezza, il trattamento è stato interpretato nella peggiore luce possibile in film come The Snake Pit e One Flew Over the Cuckoo's Nest. Più recentemente nel film Amnesiac un personaggio tortura un altro con quello che sembra essere prolungato ECT squisitamente doloroso. L'ECT reale è indolore.

All'inizio degli anni '30 l'ECT ​​divenne un trattamento molto diffuso. Nei primi anni '50, con lo sviluppo di farmaci psicotropi, la psichiatria si allontanò dall'ECT. Gli stati hanno approvato leggi contro di esso e la maggior parte degli ospedali ha smesso di usarlo. Nonostante la sua sicurezza ed efficacia, molte persone lo consideravano con orrore e lo vedevano come una barbarie di un'epoca passata.

Agenti farmacologici come gli stimolanti per l'ADHD evocano un simile disgusto in molti, così come la modifica del comportamento come negativamente praticata in A Clockwork Orange.

Frankenstein è stato un modello per la scienza che ha perso il controllo. Infatti, è stato notato, il mostro di Frankenstein è stato portato in vita con la stessa elettricità usata per alimentare l'ECT ​​(1). I robot di oggi ritratti, ad esempio, The Blade Runner ed Ex Machina possono servire come promemoria per alcuni dei potenziali poteri della scienza di ferire e distruggere.

Alcuni pazienti e i loro medici possono temere l'aspetto meccanicistico del cervello umano. Trattamenti psichiatrici efficaci possono servire come promemoria indesiderati che la mente umana è una macchina che può essere rotta e rimediata con correzioni meccaniche come l'ECT. Evitare questa realizzazione può portare alcuni a cercare trattamenti che sono inefficaci, ma preservare l'illusione delle persone come separato dalla meccanica del mondo fisico. Coloro che temono gli aspetti tecnici della psichiatria erroneamente lo pongono in opposizione ai valori umanistici del libero arbitrio, della creatività e dell'altruismo.

Riferimenti

1) Edward Shorter e David Healy, Shock Therapy: una storia di trattamento elettroconvulsivo nella malattia mentale. Rutgers University Press, New Brunswick, New Jersey e Londra. Del 2007.

2) Mendelsohn, Daniel. I robot stanno vincendo !, The New York Review of Books. 4 giugno 2015, pp. 51-54.

Copyright: Stuart L. Kaplan, MD, 2015.

Stuart L. Kaplan, MD, è l'autore di Your Child Does Not Have Bipolar Disorder: quanto male scienza e buone relazioni pubbliche hanno creato la diagnosi. Disponibile su Amazon.com.

Solutions Collecting From Web of "Psichiatria e Frankenstein"